Camere, M5S candida Fico e Orellana. Pd: "Scheda bianca"

1' di lettura

Occhi puntati sulle due forze politiche alla vigilia del voto per scegliere i presidenti dei due rami del Parlamento. Il Movimento guidato da Grillo punterà sui propri candidati. I democratici disposti a trovare un'intesa "fino all'ultimo"

Occhi puntati su Partito democratico e Movimento 5 Stelle alla vigilia dell'inizio della nuova legislatura. Per tutta la giornata di giovedì 14 marzo si è discusso dei possibili futuri presidenti di Camera e Senato. La formazione guidata da Beppe Grillo rifiuta accordi con altri partiti e sceglie due nomi: Roberto Fico per Montecitorio e Luis Alberto Orellana per Palazzo Madama. I democratici si dicono invece disponibili al dialogo "fino all'ultimo".

La scelta del M5s - I due candidati sono stati presentati nella serata di giovedì 14 marzo in diretta web sul sito di Beppe Grillo, leader del movimento. I deputati hanno indicato per la presidenza della Camera Roberto Fico, 38 anni, napoletano. I senatori hanno scelto invece Luis Alberto Orellana, 51, di Pavia. Vito Crimi, capogruppo al Senato, ha ribadito che "non c'è nessuna trattativa con il Pd sulla presidenza delle Camere. Quella delle presidenze non è merce di scambio".

L'incontro saltato con il Pd -
Col partito di Pier Luigi Bersani doveva tenersi un incontro per continuare a discutere di cariche istituzionali, ma dopo che il Pd ha chiesto di spostarla a domani mattina per questioni di tempi "tecnici", la riunione è stata annullata, ha detto una fonte dello staff Pd.

Pd: "Voteremo scheda bianca" -
Il Partito democratico domani, alla prima riunione di Camera e Senato della nuova legislatura, voterà scheda bianca per favorire il raggiungimento di un'intesa più vasta sui nomi dei candidati. Lo ha annunciato su Twitter il vicesegretario Pd Enrico Letta, dopo che lo stesso leader Pier Luigi Bersani ha dettato la linea all'assemblea dei gruppi parlamentari.

Leggi tutto