Monti: "Non possiamo trattare gli italiani come minorati"

1' di lettura

Il premier uscente torna a chiedere un dibattito con Bersani e Berlusconi, che replica: "Solo con chi ha chance di vincere". Dal professore anche un attacco a Pd e Sel: "Niente in comune con loro". E Fini assicura: "Nostra coalizione andrà in Parlamento"

L’Imu, le tasse e soprattutto il confronto tv. L’ultima settimana di campagna elettorale si apre con il possibile duello televisivo tra i principali candidati. Così, mentre sui quotidiani proseguono le polemiche legate al dietrofront di Beppe Grillo (che domenica 17 febbraio avrebbe dovuto rilasciare un’intervista a SkyTG24 ma che alla fine si è tirato indietro), Mario Monti torna a chiedere un dibattito con Bersani e Berlusconi. Quest’ultimo, però ribadisce di voler accettare solo con “chi ha possibilità di vincere”, e “dunque solo Bersani”.
Quanto alla sua candidatura, il premier uscente spiega: "Credo che il merito o demerito lo abbia l'onorevole Alfano con il suo discorso in Parlamento con il quale sostanzialmente ha sfiduciato il governo". "Ho capito - aggiunge - di avere il dovere di impegnarmi per impedire che, come per le crepes suzette, venisse rivoltata la frittata di un anno di governo e riscritta la storia, togliendo lavoro e significato ai tanti sacrifici fatti dagli italiani". Berlusconi, da parte sua, avverte la Lega che, in caso di vittoria,: "Se crea problemi al governo, possiamo sempre far cadere la giunta delle tre regioni" guidate dal Carroccio.
Intanto SkyTG24, dopo il dibattito di venerdì scorso, oggi pomeriggio alle 15,30 proporrà il confronto tra gli altri candidati alla Regione Lazio. Sarà possibile seguire il faccia a faccia anche in streaming su Sky.it.

19.15 Fini: “La coalizione di Monti entrerà in Parlamento” – Gianfranco Fini è intervenuto ai microfoni di SkyTg24 (IL VIDEO) e, riferendosi alla promessa di Berlusconi di ubriacarsi se Monti, Fini e Casini non entreranno in Parlamento, ha detto: “Si può star tranquilli che le sue promesse rimangono tali. La nostra coalizione entrerà largamente in Parlamento”. Il presidente della Camera non ritiene plausibile l’ipotesi di nuove elezioni a breve: “Ci credo pochissimo, gli italiani voteranno per scegliere un governo e non per protestare”. E su Grillo ha aggiunto: “Ormai è diventato come Berlusconi, fanno a gara a chi la spara più grossa”.

18.20 Bersani: "Grillo ci porterebbe fuori dalle democrazie" - "Mi preoccupa perché è uno che in vita sua non ha mai risposto a una domanda e questo ci porterebbe fuori dalle democrazie". Così ospite di 'Pomeriggio cinque', Pier Luigi Bersani a proposito di Beppe Grillo. "Grillo dice 'via dall'euro', 'non paghiamo il debito', ma questo ci porta verso la Grecia. Attenzione, perché questo Paese non è fuori dai guai", avverte il segretario Pd.

16.11 Fact cheking sul sito del Pd: con Pdl e Lega tutti a piedi - "Con PdL e Lega tutti a piedi. Con il Governo Berlusconi-Maroni-Tremonti meno risorse ai trasporti". Con questo titolo e l'immagine 'Fuori servizio', caratteristica degli autobus in sciopero o a fine turno, sul sito del Pd esce la nuova puntata del fact checking sul programma del Pdl per quel che riguarda i trasporti.

15.41 Ambrosoli raccogli l'endorsement di Ichino -
Non è "solo l'area montiana a dire che c'è un'unica possibilità di cambiamento nella nostra Regione, una sola". Umberto Ambrosoli accoglie l'endorsement di Pietro Ichino e lo espande, titolandosi come sola discontinuita' reale: "Per quanto onorevoli e importanti siano le proposte dei montiani, di Fare per fermare il declino, del Movimento a 5 Stelle, vi assicuro che se si vuole il cambiamento alla presidenza della Regione si deve votare Ambrosoli".

15.40 Zingales lascia Giannino e accusa: "Ha mentito sul master" - Luigi Zingales lascia "Fare per fermare il declino" e l'economista, che del movimento è uno dei promotori, rivela in un lungo 'post' su Facebook di aver scoperto "quattro giorni fa, per caso" che Oscar Giannino "ha mentito in televisione sulle sue credenziali accademiche, dichiarando di avere un master" nella sua università, "anche se non era vero". "Questo è un fatto grave, soprattutto per un partito che predica la meritocrazia, la trasparenza, e l'onestà" scrive oggi Zingales.


15.08 Ichino: in Lombardia voterò Ambrosoli - Il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Lombardia, Umberto Ambrosoli, incassa l'endorsement di Pietro Ichino, che segue quello di altri esponenti 'montiani'. "Il mio voto per Umberto Ambrosoli alle regionali lombarde nasce dall'amicizia antica che mi lega alla sua famiglia e a lui, cementata dal dolore per l'assassinio di suo padre - scrive Ichino sul suo blog -e nell'autunno scorso mi sono convintamente impegnato a sostegno della formazione della sua lista civica e della sua candidatura".

14.34 Vendola: "Non ho pregiudizi, ma solo giudizi politici" - "Non ho pregiudizi nei confronti delle persone. Ho simpatia personale per Monti, ho simpatia per Casini. Non ho pregiudizi di tipo personale, ho giudizi politici". Lo ha detto Nichi Vendola a margine della presentazione di uno spot sulla 'intercettazione dei bisogni dei cittadini'.

14.29 Berlusconi: "Certi di vincere. C'è più entusiasmo che nel '94" - "Sono sicuro sull'esito di queste elezioni. C'è un entusiasmo in giro, che riscontro ovunque, superiore a quello del '94". Così l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a margine di un incontro con Confindustria Monza e Brianza ha risposto a chi gli chiedeva se fosse ottimista sull'esito delle prossime consultazioni politiche.

13.35 Berlusconi: "Alfano migliore di tutti i politici di adesso" - Parole di stima per il suo 'delfino' Alfano, sono arrivate da Silvio Berlusconi nell'intervenire alla Confindustria di Monza e Brianza."Angelino Alfano è una persona straordinaria e intelligente, ha solo bisogno di tempo per farsi conoscere" ha detto il Cavaliere. E ancora: "Alfano è nettamente il migliore di tutti i protagonisti della politica che ci sono adesso".

13.25 Di Pietro: "C'è accordo pre-elettorale tra Bersani e Monti"
- "C'è un accordo pre-elettorale tra Bersani e Monti per continuare a governare nel solo ed esclusivo interesse di mantenere le poltrone senza un programma di Governo univoco e convergente perché in questa coalizione c'é Vendola che ha raccolto le firme per abrogare la riforma Fornero e c'è Monti che ha fatto quella riforma e che la vuole ampliare". Lo ha detto il leader Antonio Di Pietro, nel tour elettorale all'Aquila.

13.00 Berlusconi: "Se la Lega crea problemi facciamo cadere Regioni"
- Ostenta tranquillità, Silvio Berlusconi, sulla possibilità di governare in sintonia con il Carroccio, in caso di vittoria. E spiega perché, parlando alla Confindustria di Monza-Brianza: "Se la Lega ci crea problemi al governo, possiamo sempre far cadere la giunta delle tre regioni" dove governano. VIDEO

12.57 Maroni: "I media sono cascati nel trucco di Grillo" - "Ci sono cascati tutti, lui aveva già in mente di non farlo e ha montato questa aspettativa per poi smontarla e far parlare di sè". Così il segretario della Lega Roberto Maroni ha risposto sulle polemiche per la mancata intervista televisiva a SkyTG24 di Beppe Grillo. "Mi pare - ha aggiunto a margine di un incontro con le professioni a Milano - un trucco normale che si fa e tutto il mondo dell'informazione ci è cascata in pieno". VIDEO

12.31 Monti a Giannino: "Diffamante" - Duro botta e risposta casuale su la7 tra Mario Monti e Oscar Giannino. "Per favore, non dica cose che escono dalla sua mente fantasiosa che sono gravemente diffamanti" e che "se non si fosse in campagna elettorale" potrebbero avere conseguenze anche giudiziarie, dice il presidente del Consiglio al candidato premier di Fare per fermare il declino che aveva paventato nei giorni scorso conflitti di interesse tra il premier e Fiat.

12.25 Berlusconi in dialetto: "Ghe vedi no" -
E' arrivato con un leggero ritardo l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi all'incontro nella sede di Confindustria di Monza e Brianza e ha spiegato ai presenti di vedere "solo fino alla quarta fila". "Mi hanno attaccato la congiuntivite emorragica - ha spiegato - e riempito di cortisone, ghe vedi no". Berlusconi ha dunque motivato il suo ritardo con una visita al San Raffaele per questo motivo.

11.32 Monti: "Io nulla in comune con questa coalizione di sinistra" -
"Io non ho e non avrò niente in comune con questa coalizione di sinistra". Lo ha detto Mario Monti su La 7 a 'L'aria che tira'. VIDEO

11.19 Monti sul dibattito tv -
Silvio Berlusconi ha paura di un confronto tv con Mario Monti? "Non lo so, ma - risponde il premier a 'L'aria che tira' - il fatto che dica con Bersani sì e con Monti no aggiungendo espressioni diminutive verso me come 'centrino'... Allora dovrebbe essergli facile distruggermi in un dibattito televisivo, peraltro tre mesi dopo avermi offerto la guida dei moderati italiani al suo posto...".

10.35 Monti: "Italiani non sono minorati" -
"Non possiamo trattare i cittadini italiani come dei minorati". Lo dice Mario Monti arrivando a un convegno a Roma, e ribadendo la necessità di un confronto fra i candidato premier.

09.25 Berlusconi: "Tangentopoli? No fumo per coprire Mps" -
Non è possibile "nessun paragone" tra l'attuale ondata di arresti e di scandali e Tangentopoli. Lo ha affermato in una intervista a Rtl Silvio Berlusconi secondo il quale le attuali iniziative della magistratura sono "una cortina fumogena" per coprire la vicenda Mps.

09.15 Monti: “Imu era terapia di urgenza” - "L'Imu non l'ho inventata io" e se ora si può promettere di ridurla è perché "se il paziente non è più in emergenza, il medico non insiste con la stessa terapia". Così Mario Monti a Rainews 24.

08.45 Berlusconi: “Grillo fenomeno da baraccone” - Beppe Grillo "è un fenomeno da baraccone" che però "sottrae voti ai moderati e fa vincere la sinistra". Lo ha detto Silvio Berlusconi in una intervista a Rtl.

08.25 Berlusconi: “Sì a un confronto, ma solo con Bersani” - Sì a un confronto tv tra i candidati alle elezioni, ma solo tra "gli unici due che hanno possibilità di vincere" e cioè Bersani e Berlusconi. Lo ha detto il presidente del Pdl, Silvio Berlusconi, commentando in una intervista a Rtl la richiesta di Mario Monti di un confronto televisivo.

08.11 Monti: “Confronto sarebbe segno di democrazia matura” - Mario Monti torna a proporre un confronto tv a Berlusconi e Bersani: "Io sono schivo ma esigente - ha detto a Rainews24 - ma sarebbe possibile per tutti noi parlare e fantasticare meno se ci fosse un confronto serrato davanti agli italiani che devono votarci. Sarebbe segno di una democrazia matura" altrimenti si rischia di "involvere verso una democrazia senile e immatura. Spero di no". Un confronto in tv entro venerdì? "Magari con qualche minuto di preavviso..." ha concluso.

Alle 15,30 su SkyTG24 il secondo dibattito sulle regionali del Lazio – Sky TG24 propone domani (18 febbraio) il dibattito tra i candidati alla Regione Lazio. In diretta a partite dalle 15.30, si confronteranno Alessandra Baldassarri (candidata di FARE per fermare il declino), Roberto Fiore (candidato per Forza Nuova), Luca Romagnoli (candidato per Fiamma Tricolore), Sandro Ruotolo (candidato per Lista Ingroia), Luigi Sorge (candidato per il Partito comunista dei lavoratori) e Giuseppe Strano (candidato per Rete dei Cittadini). Dopo il confronto che venerdì scorso ha visto affrontarsi Davide Barillari, Giulia Bongiorno, Simone Di Stefano, Giuseppe Rossodivita, Francesco Storace e Nicola Zingaretti, il canale all news diretto da Sarah Varetto, organizza il dibattito tra tutti gli altri candidati alla Presidenza della Regione Lazio. In diretta su Sky TG24 a partire dalle 15.30 Paola Saluzzi guiderà il dibattito. Sarà possibile seguire il faccia a faccia anche in streaming su Sky.it

Leggi tutto