Grillo cambia idea: niente intervista a SkyTG24

1' di lettura

Il leader del Movimento 5 Stelle avrebbe dovuto rispondere all'inviato Fabio Vitale dal suo camper. Ma su Twitter annuncia che non se ne farà niente. E non dà spiegazioni. Bersani: "Non va perché non vuole domande"

Beppe Grillo si è tirato indietro. Nonostante l’impegno preso e dopo aver annunciato in diverse occasioni, anche via Twitter, il suo ritorno in tv per domenica 17 febbraio su SkyTG24, il leader del Movimento 5 Stelle fa sapere, senza alcun motivo evidente, che si sarebbe sottratto all’intervista.
Il canale all news, diretto da Sarah Varetto, è stato presente comunque a Genova con Fabio Vitale, per invitare Beppe Grillo a mantenere il suo impegno e farsi intervistare, come da accordi. Grillo però, intercettato dal giornalista di SkyTG24 (VIDEO), non si è fermato ed è salito sul palco per iniziare il suo intervento. E anche al termine del comizio, chiamato ripetutamente da Fabio Vitale, non si è avvicinato.

Questo il tweet con cui Grillo ha rinunciato all'intervista con SkyTG24

Su Twitter SkyTG24 ha deciso di pubblicare le domande che sarebbero stare rivolte a Grillo. E via Twitter arrivano tanti commenti alla decisione di Grillo all'hashtag #skyvoto2013.

Ripensamento sabato sera - Era stato lo stesso Beppe Grillo, mercoledì scorso, ad annunciare a margine di un'intervista radiofonica (VIDEO) che sarebbe stato intervistato alle 20,30 da SkyTG24. Notizia poi riportata dal comico genovese anche via Twitter. Poi, spiega domenica 17 febbraio in diretta il giornalista Fabio Vitale (VIDEO), che avrebbe dovuto intervistarlo dallo studio - mentre Grillo sarebbe stato a bordo del suo camper a Genova - "ieri sera ci è arrivata una comunicazione da parte dello staff di Grillo in cui si diceva che questo non è più il momento opportuno per fare un intervento televisivo".

Sul suo blog scrive: "Ci sono due modi per fare politica"
- Sul blog di Beppe Grillo è stato pubblicato anche un post in cui si scrive: "Ci sono due modi di fare campagna elettorale: il primo, serviti e riveriti nei salotti tv, magari con trasmissioni cucite addosso. Noi preferiamo il secondo: nelle piazze, tra la gente. Perché la politica è delle persone. Per questo, il 24 e 25 febbraio votate per il Movimento 5 stelle. Ci vediamo in Parlamento, sarà un piacere".
Poi, dal palco di Genova, ha ribadito: "In tv noi non ci andiamo, lo lasciamo fare ai politici. Io li vedo nei talk show, e dico che io lì non ci vado. Noi non abbiamo bisogno delle tv. Noi andiamo in piazza, dove loro non vogliono venire". Concetto già espresso prima a Savona (VIDEO).

Bersani: "Non va perché ha paura delle domande" - Il ripensamento di Grillo viene commentato anche dal segretario del Pd Pier Luigi Bersani, che non usa mezzi termini: "Grillo non va in tv perché là qualche domandina devono fartela" (VIDEO). E ipotizza anche le domande che gli farebbe: "A Bologna come hai osato fare cenno a Berlinguer e poi a Roma stringere le mani a Casa Pound?", oppure "Per noi un figlio di immigrati nati qui e' italiano. Tu dici di no, perché?". Ed anche i 'montiani' rimbrottano il leader del M5S: "Monti chiede il dibattito. Grillo rifiuta anche le interviste. Questione di stile", si legge in un tweet di Scelta Civica. "La differenza balza agli occhi. I cittadini farebbero bene a riflettere", chiosa Benedetto Della Vedova.


Leggi tutto