Renzi: "Ingroia non corre per vincere, ma per farci perdere"

1' di lettura

Da un comizio elettorale a Napoli il sindaco di Firenze attacca Rivoluzione Civile e avverte: "Ogni voto dato a schieramenti lontani dalla possibilità di governare è oggettivamente buttato via". L'esponente del Pd contestato dagli antagonisti

"La lista di Ingroia sta cercando non di vincere di far perdere noi e questo non è accettabile". Da un comizio elettorale a Napoli, il sindaco di Firenze Matteo Renzi attacca la lista di Rivoluzione civile.

In questa campagna elettorale – ha detto Renzi – uno schieramento sta cercando di vincere, mentre gli altri stanno cercando di pareggiare, di far sì che al Senato non ci sia una maggioranza stabile, così da fare gli accordi dopo. Ma il compito di un partito deve essere dire perché vuole governare il Paese non perché vuole far perdere gli altri". "Questo paese ha conosciuto troppe volte una sinistra radicale che per ragioni di testimonianza ha ridotto il centrosinistra alla sconfitta e questo sta facendo la lista di Ingroia" ha continuato. Per questo, secondo Renzi, "ogni voto dato a schieramenti lontani dalla possibilità di governare è oggettivamente buttato via". Poi un'altra stoccata al magistrato: "Ingroia ha detto che se non viene eletto torna a fare il magistrato, come se fosse possibile farlo senza problemi, senza offendere tanti magistrati che fanno il loro lavoro con passione".

Guarda un estratto del discorso di Renzi



Ma il pomeriggio napoletano del sindaco di Firenza si era aperto in un clima di tensione. All'appuntamento convocato con la stampa davanti al Caffé Gambrinus si sono presentati anche alcune decine di disoccupati del "collettivo flegreo", spuntati all'improvviso alla sue spalle nella ressa di giornalisti ed operatori, con un grande striscione nero (che ha indotto qualcuno a pensare ad una contestazione dell' estrema destra) che invitava all'astensione. Contemporaneamente tra i passanti sono partite grida di "mariuoli, mariuoli". Renzi è stato messo in salvo dalla polizia all' interno del Gambrinus, insieme al segretario del Pd Campano Enzo Amendola e ad altri dirigenti. La polizia ha sequestrato lo striscione ed avrebbe identificato alcuni manifestanti.

Leggi tutto