Gasparri a SkyTG24: da Boccassini dichiarazione di voto

1' di lettura

A 'Lo Spoglio', l'esponente Pdl interviene sulla polemica tra Ingroia e il magistrato: "Sembra quasi una direttiva da parte di un'icona della sinistra giudiziaria per dire votate per il Pd". Grasso contrario: "Parliamo di idee e progetti"

Sono l'ex procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso (candidato col Pd) e  l'ex ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri (Pdl) gli ospiti della puntata di mercoledì 30 gennaio de Lo Spoglio, lo spazio di approfondimento politico di SkyTG24 condotto e curato da Ilaria D'Amico (TUTTI I VIDEO).
Nelle precedenti puntate sono stati intervistati Silvio Berlusconi, Mario Monti, Pier Luigi Bersani, Antonio Ingroia e gli economisti Tinagli e Brunetta.

Gasparri: "Quella di Boccassini dichiarazione di voto" -
Grasso commenta il duro botta e risposta tra Ilda Boccassini e Antonio Ingroia, che aveva tracciato un paragone tra sé e Giovanni Falcone: "Riferire le cose di un morto non è di buon gusto - dice l'ex procuratore - Dobbiamo uscire tra queste polemiche e parlare di idee e progetti. Io mi sono impegnato a non cercare di strumentalizzare sotto alcun profilo le figure di Falcone e Borsellino" (VIDEO).
"Troppi magistrati entrano in politica", dice invece Gasparri che aggiunge: "La dichiarazione di Boccassini sembra una dichiarazione di voto", quasi a dire "votate per altri, votate per il Pd" e non per Ingroia. "C'è troppa politica tra le toghe", aggiunge l'ex ministro.

Grasso: "Pd primo a lanciare immagine della politica nuova" - Quanto alla mancata candidatura di alcuni esponenti Pdl, tra cui Cosentino e Dell'Utri, dice Gasparri, "ho condiviso la decisione che non fossero candidati", "era un gesto di discontinuità pur in assenza di condanne definitive". Il Pd è stato il primo a lanciare un'immagine della politica nuova, ribatte Grasso, e "ha innescato un meccanismo virtuoso"

Gasparri: "Monte Paschi, il Pd ha potuto scegliere gli amministratori" - Spazio poi al caso Monte Paschi di Siena: "Io vorrei tanto che ci fossero delle indagini bancarie che consentissero non solo all'Agenzia delle entrate, ma anche alla magistratura di aver poteri maggiore di indagini sulle banche", dice Grasso. "Dobbiamo preoccuparci di tutelare i risparmiatori, però il Pd ha potuto scegliere 13 dei 15 amministratori" del Monte Paschi Siena, ribatte Gasparri che attacca il Partito democratico sulle sue "responsabilità politiche" nella vicenda (VIDEO).

Gasparri: non escludiamo di poter riesaminare falso in bilancio - Grasso poi aggiunge: "Dobbiamo eliminare i derivati, queste assolute scommesse su tutto ciò che può esserci al mondo. Questa è economia? Bisogna tornare all'economia reale".
E se Gasparri non esclude di poter riesaminare la legge sul falso in bilancio, l'ex procuratore dice che il "falso in bilancio è il grimaldello sul quale scoprire tante cose, a cominciare dalle tangenti".

Grasso: "Anticorruzione, il dl Alfano non conteneva nuove ipotesi di reato" - Quanto alla legge anticorruzione, dice Gasparri, "nasce dal governo Berlusconi, non dal governo Monti, noi lo rivendichiamo come tale. E' stato varato un impianto che consentono sanzioni esemplari. Noi abbiamo potenziato il ruolo del procuratore nazionale antimafia, che fino a qualche tempo fa era proprio il dottor Grasso".
"Il progetto di legge Alfano è nato in un modo che non conteneva nuove ipotesi di reato" ma "solo l'aumento delle pene, non conteneva nulla di quello che l'Europa ci chiedeva". Le nuove figure di reato della legge anticorruzione, spiega Grasso, avranno "pene però irrisorie".
"La norma di legge è generale, astratta ed erga omnes. Oggi di volta in volta sembrano fatte per risolvere problemi personali. E siamo arrivati al punto che ci siamo 130mila processi prescritti per la legge Cirielli", aggiunge Grasso (VIDEO).

Intercettazioni e lotta alla mafia - Si parla poi di intercettazioni. "Le indagini vanno tenute segrete, anche perché spesso le fughe di notizie favoriscono gli imputati", dice l'ex magistrato.
"E' uno dei campi non risolti della giustizia", ribatte Gasparri che spiega che bisogna ridurre gli abusi, a cominciare dall'eccesso e dalla divulgazione di certi dettagli.
Sulla mafia, spiega invecel'ex procuratore, restano ancora tante pagine da scrivere. "In questa legislatura la legislazione antimafia è stata rafforzata", ribatte invece l'ex ministro Pdl (VIDEO).

Il fact checking di SkyTG24 - Le dichiarazioni degli ospiti nel corso del programma sono state "verificate" in tempo reale tramite il metodo del fact checking, grazie alla collaborazione della redazione di SkyTG24 con la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Anche Il Sole 24Ore contribuisce per questa parte al progetto editoriale del canale all news (I RISULTATI: VIDEO 1- 2/ FOTO).
#LoSpoglio, #Skyvoto2013 e le hashtag per interagire su Twitter.



Il voting - Ecco come funziona

Leggi tutto