Bersani: "Monti? Ogni giorno ci trova un difetto"

1' di lettura

Il segretario risponde al premier che, nel commentare il caso Monte Paschi, ha detto: "Il Pd c'entra, no alla commistione fra banca e politica". Poi, il Professore apre a una collaborazione con il Pdl ma senza Berlusconi. Alfano: se lo scordi

Ieri, 24 gennaio, sul lavoro ed il ruolo della Cgil, oggi sul caso del Monte dei Paschi di Siena. La campagna elettorale entra nel vivo, ormai a un mese esatto dal voto (LO SPECIALE), e si riscaldano gli animi tra Monti ed il Pd. E' il Professore, ospite di Radio Anch'io (VIDEO), che accende i fuochi delle polemiche rispondendo così a Pier Luigi Bersani, che ha ripetuto che il Pd non c'entra nulla: "Non voglio attaccare Bersani, ma il Pd c'entra nella questione Mps. Il Partito democratico è coinvolto in questa vicenda perché ha sempre avuto grande influenza sulla banca attraverso la sua fondazione e il rapporto storico con il territorio culturale e finanziario senese". Pronta la replica del Pd. Pronta la replica del Pd: "Monti trova un difetto al Pd tutti i giorni, per un anno non ne ho mai sentiti" dichiara il segretario del Pd Pier Luigi Bersani.
Questa però non è l'unica uscita di Monti che dispiaccia al centrosinistra. C'è anche quella porta aperta ad un dialogo postelettorale con il Pdl che Vendola commenta così:"E' un 'va dove ti porta il cuore'". E se Monti si affretta a spiegare che dialogo con il Pdl non significa apertura alla persona di Silvio Berlusconi, questa volta è Angelino Alfano che taglia corto: "Se lo scordi".

Tutti gli aggiornamenti:

18.03 Caso Mps, martedì Grilli in diretta web - Martedì 29 gennaio, alle ore 15, la Commissione Finanze svolgerà l'audizione del Ministro dell'Economia e delle Finanze, Vittorio Grilli, sulle tematiche relative alla situazione del Gruppo Montepaschi. L'appuntamento sarà trasmesso in diretta sulla webtv e sul canale satellitare di Montecitorio.

17.55 Della Vedova a SkyTG24 - "Io credo che se Bersani continuerà a fare una campagna elettorale tutta spostata sulla Cgil e Vendola, alla fine vince Monti". Lo ha detto il capogruppo di Fli alla Camera, Benedetto Della Vedova a SkyTG24. 

17.47 Mps rimbalza in Borsa -  E nel giorno in cui l'Assemblea di Monte dei paschi di Siena approva l'aumento capitale fino a 6,5 mld a garanzia Monti bond, il titolo rimbalza in Borsa che chiude la seduta con un rialzo dell'11,36% a 0,259 euro, recuperando parzialmente la perdita di circa il 20% accumulata nelle tre precedenti sedute. Sul titolo scambi da capogiro, quasi 1,42 miliardi di pezzi, pari al 12% circa del capitale.

17.13 Bersani: "Troppo comodo dire che gli altri sono conservatori" - "Servono coesione e cambiamento anche se a tanti politici e tanti tecnici questa cosa risulta un ossimoro". Pier Luigi Bersani, dalla Conferenza Cgil, torna a ribadire che "si deve trovare una sintesi, ma non si può - avverte - definirsi innovatori solo dicendo che l'altro è conservatore. Così è troppo comodo e troppo facile". E aggiunge: "Produrre cambiamento significa offrire un terreno in cui ciascuno ritrovi qualcosa dei suoi valori e delle sue ragioni - conclude - perché cambiare bisogna cambiare. Tocca a chi ha la regia trovare il modo e il terreno su cui discutere".

16.55 Bersani: "Esodati e Cig? Chi ha governato deve saperlo" "Sono sorpreso che in questa campagna elettorale ci sia raramente un resoconto della difficoltà del momento. Nel dibattito sento che tutto si può, tutto è possibile, che i problemi si sono risolti. C'è chi più di altri dovrebbe saperlo perché ha governato: nei prossimi mesi o settimane saremo a posto con gli ammortizzatori sociali, gli esodati, i disabili, o gli sportelli sociali? No, non siamo a posto. E si deve partire da lì". Lo dice Pier Luigi Bersani intervenendo alla Conferenza di programma della Cgil (VIDEO).

16.45 Bersani: "Senso politica economica è occupazione
" - La politica economica deve avere come obiettivo l'occupazione. Lo ha detto Pier Luigi Bersani intervenendo alla conferenza della Cgil. "Quando parliamo di lavoro sappiamo bene a quale livello si pone la questione e può essere colta solo a livello di innovazione, ma questa innovazione comincia da un concetto che ha un sapore antico". Qual è il senso della politica economica se non la buona occupazione, il lavoro?", ha chiesto. E ha aggiunto: "Austerità e rigore sono la condizione delle politiche economiche, non possono essere l'obiettivo, la cosa raggiunta la quale tutte le altre cose vanno bene". Guarda un estratto dell'intervento di Bersani:


16.40 Bersani a Monti: "Prima di lezioni dica quante donna ha in lista" -
"Il Pd sta facendo lo sforzo di dare un contributo alla civilizzazione della politica, la mia forza politica porterà il 40% di donne in Parlamento e dico a chi ci dà qualche lezione di troppo sull'Europa chiedo: quante donne ci sono nella tua lista?". Lo dice Pier Luigi Bersani intervenendo alla Conferenza di programma della Cgil. "L'Europa non è solo fiscal compact - ha aggiunto - e quando ci si dà qualche lezione di troppo vorrei ricordare che prima di farci lezioni sull'Europa bisogna pensare anche ad altro".

16.11 Monti: "In giro vedo troppi pifferai magici" -
"Vedo in giro troppi pifferai magici, troppo illusionisti. Mi auguro che gli italiani abbiano gli anticorpi giusti per saper scegliere il loro futuro". Così Mario Monti alla Prealpina. "Ci sono molti indecisi perché l'offerta politica non si può limitare alla destra e alla sinistra. Sono due categorie importanti ma del secolo scorso. Bisogna rimescolare le carte e mettere insieme i riformisti in entrambi gli schieramenti, abbandonando la politica fatta di promesse mai mantenute, di sogni che restano irrealizzabili".

15.30 Fini: "Escluso dal Pdl chi non obbediva al Cavaliere" -
"Non mi sono meravigliato di alcune esclusioni perché ho conosciuto Berlusconi meglio di altri. Il criterio delle liste prevedeva, non all'ultimo posto, il grado di assoluta obbedienza a Berlusconi, anche quando dice cose che non stanno ne' in cielo ne' in terra". Lo ha detto Gianfranco Fini durante la video chat a Quotidiano.net.

15.15 Lettera di Ingroia alla Cgil: "Noi contro Monti" - Il leader di Rivoluzione civile Antonio Ingroia, non invitato dalla Cgil alla conferenza sul programma, decide di scrivere una lettera aperta agli iscritti del sindacato per far capire quanto sia intenzione del suo movimento difendere il lavoro e per ricordare che comunque il Pd votò "senza battere ciglio" la modifica dell'art.18 dello Statuto dei lavoratori voluta da Monti e dal ministro Fornero. Nella sua lettera Ingroia ribadisce anche di come "gli avversari da battere siano Berlusconi e Monti". E aggiunge: "Rivoluzione Civile rappresenta oggi il vero voto utile per impedire che si realizzi il progetto sciagurato, già annunciato e temo per molti versi già deciso, di un governo Pd-Monti".

14.50 Ingroia: Monti poco credibile -
"Il governo dei banchieri e la sua maggioranza hanno aiutato le banche e bastonato gli onesti cittadini. Ormai è chiaro a tutti. Se il senatore Monti assolve il suo esecutivo da ogni responsabilità nella torbida vicenda dell'Mps, diventa poco credibile per non dire ridicolo. Lo scandalo dei 3,9 miliardi di euro, che corrispondono ai soldi prelevati dalle tasche degli italiani per la prima rata dell'Imu, ha fatto tante vittime: i cittadini, che con i loro soldi sono costretti a finanziare i prestiti alle banche, i piccoli risparmiatori e anche i lavoratori del Monte Paschi di Siena, ingannati dai loro vertici". Lo scrive sul sito rivoluzionecivile.it Antonio Ingroia, candidato premier della lista Rivoluzione Civile.

14.42 Lazio, candidati del Pd: Touadì e 12 donne in lista -
Il Partito democratico del Lazio ha definito tutte le candidature per le elezioni regionali del 24 e 25 febbraio, a sostegno di Nicola Zingaretti. Ventinove i candidati per il collegio di Roma e provincia, 4 per Latina, 2 per Viterbo, 4 per Frosinone e uno per Rieti. Capolista Jean Leonard Touadì, seguito da Valentina Grippo, vice segretario del Pd della capitale, e dal segretario provinciale di Roma, Daniele Leodori. In testa di lista, come chiesto dal segretario regionale, Enrico Gasbarra, le candidate 'democrat', la cui campagna elettorale sarà sostenuta direttamente dal partito per dare forza alla presenza femminile nel prossimo Consiglio regionale.

14.18 Mps, Grilli riferirà alla Camera il 29 gennaio
- Il ministro dell'Economia Vittorio Grilli riferirà sulle tematiche relative alla situazione del Monte dei Paschi di Siena alla commissione Finanze della Camera martedì 29 gennaio alle 15. Lo hanno reso noto il sito web di Montecitorio e lo stesso ministro conversando con i giornalisti a Davos.

14.05 Berlusconi: "Con impresentabili avremmo perso 1,5-2 milioni di voti"
- "Eravamo, siamo e saremo sempre garantisti ma abbiamo fatto una ricerca con Euromedia e ci hanno comunicato che candidando i cosiddetti impresentabili avremmo perso tra 1,5 e 2 milioni di voti tra coloro che nel 2008 avevano votato per noi e sono tra gli indecisi o astenuti". Lo afferma Silvio Berlusconi dal palco del Teatro Capranica alla presentazione dei candidati del Pdl.

13.55 Bersani: "Monti ogni giorno trova un difetto al Pd
" - "Monti trova un difetto al Pd tutti i giorni, per un anno non ne ho mai sentiti". Così Pier Luigi Bersani ha replicato ai cronisti che, sotto la sede del Partito Democratico, gli chiedevano un commento all'accusa di Mario Monti al Pd di aver avuto un ruolo nella vicenda del Monte dei Paschi di Siena.

13.45 Berlusconi: "Bilancio del governo Monti è tragico" - "Il rendiconto finale del governo Monti è tragico: siamo dentro una pericolosa spirale recessiva ed è un qualcosa che ci può portare alla depressione, al disastro e alla povertà". Lo ha detto Silvio Berlusconi, parlando dal palco del Teatro Capranica dove si svolge la presentazione delle liste del Pdl. "Abbiamo quindi sbagliato a  sostenerlo? Col senno di poi certamente sì", conclude Berlusconi.

13.30 Maroni: "In Lombardia sarà battaglia all'ultimo voto"
- Alle regionali in Lombardia "la battaglia sarà dura, si andrà all'ultimo voto ma sono ottimista". Così Roberto Maroni interpellato dai giornalisti sui sondaggi in vista delle elezioni regionali lombarde in cui lui corre come candidato governatore. Sulle liste, ha aggiunto Maroni, "ho dato carta bianca al segretario nazionale Matteo Salvini", si tratta di liste "venute dal territorio, attraverso un processo di selezione dal basso".

13.00 Vendola: "C'è chi fa il Grillo con il loden" - C'è chi continua a "raccontare che i guai dell'Italia sono figli della destra e della sinistra a fare il Grillo con il loden di fronte alla verità che è che la destra ha governato e ha avuto l'egemonia per un ventennio, il ventennio del berlusconismo". Lo ha detto il leader di Sel, Nichi Vendola.

12.55 Berlusconi: "Fondatissimo timore sinistra al governo" -
"Abbiamo il fondatissimo timore dell'andata al Governo di questa sinistra con radici saldamente piantate nell'ideologia comunista che è la ideologia più disumana della storia". Lo ha detto Silvio Berlusconi, presentando i candidati del Pdl alla Camera e al Senato. "L'invidia della sinistra - ha aggiunto Berlusconi - si trasforma in volontà continuativa di tassare chi, con sacrificio, ha raggiunto posizioni di benessere".
Ne è un esempio, per Berlusconi, "la patrimoniale che vogliono mettere per i ceti abbienti, ignorando che non accadrà, come diceva la Cgil, di veder arrivare nelle casse dello Stato 40 miliardi perché in Italia quelli che dichiarano più di 1 milione sono appena 3mila persone". 

12:50 Berlusconi: "Nel primo contratto diremo cosa faremo in primo Cdm" -
Presenteremo il nuovo contratto in cui metteremo gli impegni in modo ancora più preciso, e cioè diremo cosa faremo nel primo Consiglio dei ministri, nel secondo e fino al quinto. Stiamo studiando anche le date in cui tenerli". Lo afferma Silvio Berlusconi dal palco della convention del Pdl (VIDEO).

12.25 Alfano: "L'Italia va mondata da Monti" -
"Rispondo subito a Monti che ha detto che può avere dei contatti con il Pdl solo se viene mondato da Berlusconi. Se c'è qualcosa da cui l'Italia deve essere mondata è Monti e il governo tecnico. Senza Berlusconi il Pdl non è". Lo ha detto Angelino Alfano alla kermesse del Pdl.



11.47  Mps, Maroni: "Se ci sono tangenti, servono commissari"
- Secondo il segretario della Lega, Roberto Maroni, nella vicenda Mps "il governo deve procedere al commissariamento della banca, se viene accertata la tangente, visto che ci ha messo 4 miliardi di euro, per procedere a risanamento e vendita".

11.45 Berlusconi: "Qui contro il futuro illiberale per Paese" -
"Siamo qui insieme, per la prima volta, con ancora 30 giorni di battaglia, per raggiungere un risultato capace di sottrarre il Paese a un futuro illiberale e confuso". Lo ha detto Silvio Berlusconi, dal palco del Teatro Capranica. Al suo fianco il segretario Angelino Alfano, al quale Berlusconi tiene una mano appoggiata sulla spalla come per abbracciarlo.

11.21 Camusso presenta piano lavoro -
"Creare lavoro per dare futuro e sviluppo al Paese": con questo slogan la Cgil, con il segretario generale Susanna Camusso, ha presentato alla Conferenza di programma il Piano del lavoro. Un nuovo Piano del lavoro, a distanza di 64 anni da quello firmato nel 1949 da Giuseppe Di Vittorio. Al centro ci sono i giovani. E, appunto, la creazione di posti di lavoro. A questo obiettivo possono essere destinati 50-60 miliardi di euro nel triennio.



10.38 Monti: "Con Casini piena armonia ma ognuno su sua strada" -
Con Casini "ci vediamo più raramente adesso di quando il governo lavorava a pieno regime". Mario Monti, a 'Radio Anch'io', parla dei rapporti con il leader Udc e spiega: "Adesso ognuno va per la sua strada, Casini ed io, in modo coordinato sullo stesso progetto politico, intepretato in modi diversi, ma con piena armonia".

10.26 su Twitter #IlConfrontoSkyTG24



10.15 Monti: Possibile accordo con Pdl senza Berlusconi -
Mario Monti, oltre che con il Pd, ipotizza un accordo con il Pdl, ma senza Silvio Berlusconi. Il Pdl "chissà magari - afferma a 'Radio Anch'io' - non sarà sempre guidato dall'on. Berlusconi" e si "potrebbe benissimo immaginare una collaborazione con quella parte una volta mondata e emendata dal tappo che impedisce le riforme".

10.09 Botta e risposta tra Grillo e Profumo -
Botta e risposta tra Beppe Grillo e Alessandro Profumo in assemblea. Il leader del Movimento 5 stelle parlando ai soci ha lanciato l'allarme di "un buco nei conti di 14 miliardi di euro, bisogna subito aprire un'inchiesta". Dichiarazione che ha fatto subito intervenire il presidente Profumo che ha chiesto: "Mi dica da dove viene questa indicazione? Qui non c'è nessun buco".Nel corso del suo intervento Grillo si è anche augurato che "chi ha preso i soldi" "venga processato dall'opinione pubblica".



09.59 Berlusconi: “Non credo voto cattolico vada a Monti” - "No, non credo". Risponde così Silvio Berlusconi a "La telefonata" alla domanda se il mondo cattolico abbia abbandonato il Pdl e ora stia con Monti.
"Noi - aggiunge - abbiamo dalla nostra parte tantissimi motivi per pensare che non sia così. Cattolico è parola che deriva dal greco e significa su tutta la terra e i cattolici italiani sono presenti nel nostro partito. Il Pdl è particolarmente orgoglioso di questa presenza e di quanto fatto dal nostro Governo sulla difesa della vita, per questo ritengo che il voto cattolico scelga il Pdl". Berlusconi è poi tornato sulla questione liste: "Si tratta di persone ingiustamente aggredite", ha detto.



Ore 9.52 Monti: “No lavoro comune con Pd se prevarranno massimalisti” - "Non ho nessuna intenzione di fare un accordo con partiti che non abbiano un forte orientamento riformista". Lo afferma Mario Monti a 'Radio anch'io'. Dipenderà da quali politiche Bersani "riterrà di mettere in campo", osserva il Professore, dipenderà "se prevarranno i massimalisti", in quel caso "non ci sarà una possibilità di un lavoro comune" con il Pd, aggiunge Monti. . Quindi "massima apertura" ai riformisti di Pd e Pdl anche sul tema delle alleanze, "stretta chiusura" ai massimalisti che "impediscono le riforme".



Ore 9.25 Grillo: “Peggio di Tangentopoli” - "Quello che hanno fatto alla banca Monte dei Paschi è peggio della Tangentopoli, di Craxi e di Parmalat insieme, questoè il danno che hanno fatto". Così Beppe Grillo arrivando nella sede dell'Assemblea di Mps, accolto da una ressa di giornalisti, cameraman e fotografi. "Hanno fatto di un partito una banca e di una banca un partito", ha aggiunto mentre entrava in Assemblea. "Mussari è un incompetente, lo hanno messo lì a fare il linoleum: stanno vendendo una banca del 1500 al mercato", ha concluso.


Leggi tutto