Elezioni, depositati i simboli. E' sfida sul premier

1' di lettura

Berlusconi nel logo Pdl, ma Maroni frena: è il capo solo del suo partito. Vendola chiude a un'alleanza del centrosinistra coi centristi. Scontro tra Pd e Udc. Stasera il Cavaliere a SkyTG24 ospite di Ilaria D'Amico

La corsa frenetica per depositare al Viminale i simboli e aggiudicarsi la possibilità di partecipare alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio si è conclusa. Sono 215 i loghi di partito depositati per le politiche. E ora è sfida sulla premiership.
I quotidiani in edicola lunedì 14 gennaio dedicano ampi spazi ai retroscena e alle polemiche interne ed esterne alle coalizioni (LA RASSEGNA STAMPA).

"Un caso il logo del Pdl" - E' il titolo dell'articolo del Corriere della Sera a pagina 3 nel quale ci si chiede "chi è veramente il candidato premier della coalizione di centrodestra?". Domenica 13 gennaio, infatti, è stato depositato al Viminale il logo Pdl con la scritta "Berlusconi presidente". Maroni minimizza: "Berlusconi è presidente solo del Pdl". E nell'intervista rilasciata al quotidiano di via Solferino afferma: "Il nome del premier lo indicheremo al capo dello Stato al momento opportuno". E aggiunge: "Il leader del Nord sarò io" (qui il link).

"Pd-centristi, sfida sul premier" - Scrive a tutta pagina Repubblica, che apre l'edizione con la polemica tra Bersani e Casini. "Non basta vincere solo alla Camera" ha detto il leader dell'Udc al segretario del Pd. Immediata la replica del candidato premier del centrosinistra: "Vuol comandare senza voti".

Il restroscena - "Basta fare regali al Cavaliere" scrive Goffredo De Marchis su Repubblica. E fa riferimento alle presunte tensioni tra Bersani e Casini, Pd e Udc, quindi. "Perché il segretario del Partito democratico ha individuato nel leader Udc il più accanito avversario del centrosinistra dentro l'area moderata. E Casini non fa nulla per nascondere le sue intenzioni: sbarrare la strada al Pd, creando lo stallo al Senato che gli impedirebbe l'ingresso a palazzo Chigi".

L'intervista - “Non potevo più essere connivente con il Cavaliere” dichiara l'ex sindaco di Milano Gabriele Albertini, ora candidato "montiano" alla guida della Lombardia a La Stampa (qui il link). Proprio domenica 13 gennaio, infatti, il candidato al Pirellone è stato protagonista di una polemica contro l'ex governatore Roberto Formigoni.

Pdl, scoppia il caso liste pulite - Accende i fari sulla questione liste pulite il quotidiano romano il Messaggero. Sembra imminente, infatti, l'annuncio delle candidature di Nicola Cosentino, di Marcello Dell'Utri, al Senato, e di Marco Milanese imputato a Roma per finanziamento illecito nell'ambito del processo sugli appalti Enav e indagato a Milano per corruzione nell'inchiesta sul presidente di Bpm, Ponzellini.

Berlusconi ospite de "Lo spoglio" con Ilaria D'Amico - Lunedì 14 gennaio Silvio Berlusconi sarà il primo ospite de ‘Lo spoglio’, il programma curato e condotto da Ilaria D’Amico su Sky TG24, in onda ogni lunedì e mercoledì alle 20.30 (qui la programmazione del canale all news per le elezioni).
In occasione dell’appuntamento prosegue anche la collaborazione con la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata per il fact checking: la “verifica” in tempo reale delle affermazioni dei protagonisti della campagna elettorale alle domande dei giornalisti di SkyTG24.

Leggi tutto