Monti ringrazia Napolitano. Poi chiama anche Berlusconi

1' di lettura

Telefonata di auguri del premier uscente al capo dello Stato, a cui esprime “profonda riconoscenza per l'alta guida morale e istituzionale”, e ai leader dei partiti. Casini su YouTube: "Avanti con la sua agenda. No a coalizione troppo di sinistra"

Telefonate di auguri e ringraziamenti di Mario Monti al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e ai leader politici: Silvio Berlusconi, Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini. Al capo dello Stato il premier ha espresso "profonda riconoscenza per l'alta guida morale e istituzionale". Ai leader politici, ha espresso "apprezzamento per l'impulso" impresso all'attività del Parlamento in questo periodo "di emergenza nazionale". Monti ha sentito anche Gianni Letta.
Una telefonata, quella di Monti al suo predecessore, che arriva dopo le tensioni nate dalle parole pronunciate dal presidente del Consiglio uscente durante la conferenza stampa di fine anno in cui ha annunciato la sua disponibilità a candidarsi come premier con chi sosterrà la sua agenda. "Berlusconi? Fatico a capire le sue linee di pensiero" aveva detto Monti. Parole a cui il Cavaliere aveva prontamente replicato senza mezzi termini: "Ho fatto un incubo: Monti era ancora premier".

La nota di Palazzo Chigi - "In occasione del Santo Natale, il presidente del Consiglio Mario Monti ha telefonato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per formulare a lui, alla consorte signora Clio e ai familiari, i più fervidi auguri, unitamente alla profonda riconoscenza per l'alta guida morale e istituzionale che il Presidente ha esercitato anche quest'anno nei confronti dell'intera comunità nazionale e del Governo" si legge in una nota diffusa da Palazzo Chigi. "Il presidente Monti ha poi telefonato ai presidenti del Senato, Renato Schifani e della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, ai quali ha porto gli auguri insieme con il grande apprezzamento per l'impulso che hanno impresso per tutto l'anno all'attività del Parlamento, in sinergia con l'opera del Governo in questo periodo di emergenza nazionale". "Sincero apprezzamento - prosegue la nota - il presidente Monti ha voluto anche ribadire alle forze politiche, in occasione delle telefonate da lui fatte per gli auguri natalizi al presidente Silvio Berlusconi, al segretario Alfano e al dott. Gianni Letta per il Pdl, al segretario del Pd Pierluigi Bersani e al leader dell'Udc Pierferdinando Casini".

Casini: "No a Berlusconi e a Vendola, avanti con Monti" - Intanto, il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini, ribadisce il suo invito a proseguire con l'agenda Monti in un videomessaggio di auguri pubblicato su YouTube. "Speriamo che nel 2013 gli italiani non ricadano nelle promesse del passato, negli inganni che vengono riproposti in questi giorni con forza da Berlusconi e dai suoi alleati: li abbiamo visti alla prova e hanno fallito. Noi siamo entrati 5 anni fa in Parlamento, battuti in partenza e emarginati. Ma i fatti, che sono più importanti delle nostre chiacchiere, hanno progressivamente portato la ragione dalla nostra parte e siamo riusciti a creare questo governo di responsabilità nazionale che è stato indispensabile per evitare che Roma facesse la fine di Atene", afferma Casini.
Ma, prosegue, "non cadiamo nella tentazione opposta di una coalizione troppo 'sinistra', con Vendola". C'è "un'agenda Monti, c'è un lavoro iniziato, ci sono i sacrifici che gli italiani hanno fatto: non disperdiamo tutto questo. C'e' ancora molto da lavorare, continuiamo il lavoro nell'anno prossimo".

Leggi tutto