Bersani: "La candidatura di Monti non ci preoccupa"

1' di lettura

"Aspettiamo ci siano decisioni e si esca da questa discussione un po' stucchevole" dice il segretario del Pd sulla possibilità che il premier si presenti alle elezioni. Poi si concentra sulle primarie per i parlamentari: "Vogliamo rinnovare la politica"

"Io e altri non abbiamo nessuna preoccupazione, siamo tranquilli e aspettiamo ci siano decisioni e si esca da questa discussione un po' stucchevole". Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani replica a una domanda sulla discesa in campo o meno di Mario Monti. "Leggo tante cose in politichese e tanto chiacchiericcio sui giornali e in televisione", ha spiegato il leader del Pd a margine della conferenza dell'alleanza dei progressisti. "Dal mio punto di vista da mesi ho espresso l'opinione che Monti possa essere piu' utile in una posizione di terzietà:è un'opinione poi Monti sceglierà cosa fare" ha detto ancora Bersani.

"Invece di questa discussione stucchevole su chi arriva e chi parte, vogliamo discutere di come si fa questo parlamento?", chiede poi il segretario. "Qualcuno vuole chiedersi e chiedere come gli altri scelgono i deputati o è un problema solo nostro? Eppure questo tema è totalmente scomparso dall'orizzonte politico”.

Bersani vuole dunque accendere i riflettori sulla iniziativa delle primarie per i parlamentari che Pd e Sel stanno organizzando per il 29 e 30  dicembre. Per quanto riguarda Pd e Sel, dice il segretario, "noi andiamo avanti con questa iniziativa ai limiti dell'impossibile e rivolgiamo un appello assieme con Vendola, ciascuno ai suoi, perché facciano questo sforzo perché noi vogliamo portare avanti un'operazione di rinnovamento della politica".

"Mentre assistiamo dotte disquisizioni sulla fuga dalla politica, Pd e Sel hanno messo in campo primarie con cui i cittadini sceglieranno i parlamentari. Sono il primo passo nel tentativo di una ricostruzione della politica come proprietà pubblica" dice anche Nichi Vendola.

Leggi tutto