Piazza Affari chiude in rosso. Monti: "Non drammatizzare"

1' di lettura

Vola lo spread all'annuncio di dimissioni del premier. Alfano: "Ma le Borse non dettano l'agenda". Il Professore: "Candidarmi? Non sto considerando la questione ora". Berlusconi: "Reazioni internazionali offensive". Cancellieri: "Voto il 17 o 24 febbraio"

Le annunciate dimissioni del premier Monti fanno paura ai mercati: la borsa di Milano apre in ribasso e va sempre più giù fino a -3,8%, con le banche sotto pressione che sprofondano, ed una raffica di sospensioni. In chiusura le perdite si attestano al 2,2%, maglia nera in Europa. Va male anche per lo spread: dopo un avvio a 340 sopra la chiusura di venerdì 7, il differenziale ha toccato quota 360, con un rendimento al 4,80% (le borse in tempo reale) per poi riscendere. "In Europa abbiamo bisogno di un'Italia forte e stabile", ha detto a SkyTG24 il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, a poche ore dalla consegna del Nobel per la Pace alla Ue ad Oslo.
Da parte sua, il premier invita a non drammatizzare la risposta dei mercati e assicura che non si deve temere in Italia un "vuoto decisionale". E sul suo futuro dice rispondendo ad una domanda ad Oslo, in occasione della consegna del Nobel: "Candidarmi? Non sto considerando ancora la questione". Per il leader del Pd Pier Luigi Bersani "è bene che resti fuori dalla contesa". Intanto Berlusconi replica duramente alle perplessità sorte a livello internazionale in seguito alla sua intenzione di ricandidarsi.

Tutti gli aggiornamenti

Ore 20.05 Alfano: "Le primarie non mi hanno portato fortuna" - "Non mi faccia parlare di primarie da capo, non è un terreno che mi ha portato fortuna fin qui". Così il segretario del Pdl, Angelino Alfano, durante la trasmissione Porta a Porta.

Ore 19.45 Berlusconi: "Speculazione contro aziende italiane" - L'ex premier, nella nota, parla inoltre di attacchi speculativi contro le aziende italiane. "Sarebbe fin troppo facile - scrive il Cavaliere - collegare queste ingerenze, del tutto ingiustificate sul piano della democrazia e del mio impegno in Europa, con l'ennesima manovra speculativa tesa a indebolire le nostre aziende e a renderle facile preda di acquirenti stranieri".

Ore 19.30 Berlusconi: "Offensive reazioni internazionali al mio impegno" - "Le reazioni eccitate e fuor di luogo di alcuni politici europei e di alcuni quotidiani stranieri (FOTO) alla notizia di un mio impegno rinnovato nella politica italiana risultano offensive non tanto nei miei confronti personali quanto per la liberta di scelta degli italiani". Così Silvio Berlusconi in una nota. "Sono sempre stato un europeista convinto - continua il Cavaliere -  e mi sono sempre battuto per un'Europa meno burocratica e più unita politicamente".

Ore 19.15 Moavero: "Ue confida che si continuino nostre riforme" - "Il governo Monti andrà al prossimo Consiglio europeo nella pienezza dei suoi poteri e delle sue funzioni. Si confida molto in Europa che il prossimo governo continui e mantenga l'azione riformatrice promossa in questi 12 mesi dal nostro governo". Lo ha detto il ministro delle Politiche Ue, Enzo Moavero Milanesi, ospite questa sera di Porta a Porta.

Ore 19.10 Alfano: "Mercati non dettano l'agenda" - "I mercati sono molto suscettibili ma non dettano l'agenda, non scelgono i governi: diversamente saremmo davanti alla bocciatura di ogni governo futuro". A dirlo, nel corso della registrazione di Porta a Porta Angelino Alfano. "Il governo è nel pieno esercizio delle proprie funzioni ed è in carica, e il percorso informalmente concordato prevedeva elezioni il 10/3 mentre ora si parla del 17 o 24 febbraio". "Se la reazione dei mercati è la sfiducia a prescindere per qualsiasi governo noi ci schieriamo con il popolo italiano e non con i mercati".

Ore 18.15 Passera: "Spero in approvazione dl sviluppo" - "Mi auguro questo possa succedere". Così il ministro per lo sviluppo economico Corrado Passera ha risposto a chi gli chiedeva se il decreto sviluppo possa essere approvato prima della fine della legislatura.

Ore 18.05 Cancellieri: "Voto il 17 o il 24 febbraio" - Si andrà a votare il 17 o il 24 febbraio per le elezioni politiche e contestualmente per le regionali in Molise e Lombardia. A dirlo il ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri. Il voto nel Lazio invece resta per ora fissato al 3-4 febbraio.

Ore 17.45 Monti: "No a mistificazioni in campagna elettorale"
- L'importante è che "dal dibattito elettorale i cittadini escano con le idee un po' più chiare e non con mistificazioni e promesse irrealizzabili". Lo ha detto il premier Mario Monti da Oslo. "Se qualcuno vorrà negare il fondamento di queste cose fatte, mi auguro che ci siano altri che argomenteranno in senso opposto", ha aggiunto.

Ore 17.30 Milano maglia nera d'Europa, chiude a -2,2% - Chiusura in netto ribasso per la Borsa di Milano, che si ferma sopra i minimi di giornata ma conserva la maglia nera in Europa nella prima seduta dopo l'annuncio delle dimissioni di Mario Monti. L'indice Ftse Mib cede sul finale il 2,2% a 15.354 punti, appesantito dai forti cali registrati nel comparto bancario in scia all'impennata dello spread Btp-Bund.

Ore 17.00 Monti: "Candidarmi? Non sto considerando la questione ora" - "Non sto considerando questa questione. In particolare in questa fase tutti i miei sforzi sono concentrati nel completamento del tempo rimanente, che sembra limitato ma richiede applicazione intensa ed energia anche da parte mia". Lo ha detto il premier Mario Monti, rispondendo a Oslo alla domanda se stia pensando a candidarsi.

Ore 16.50 Monti: "Non drammatizzare reazione dei mercati" - "Non bisogna drammatizzare le reazioni dei mercati". Lo ha detto il premier Mario Monti, in conferenza stampa ad Oslo. E ha aggiunto: "Ricordo ai mercati che questo governo è ancora in carica" e lo sarà fino alle prossime elezioni. Il presidente del Consiglio si è anche detto "fiducioso" che le elezioni politiche daranno all'Italia "un governo molto responsabile". E ancora: "Non ho dubbi che l'Italia continuerà a essere un protagonista molto attivo e impegnato della costruzione dell'unione europea unita".

Ore 16.46 Patroni Griffi: spero reazione dei mercati sia temporanea -
"Ci auguriamo che sia solo, veramente, una reazione temporanea". Lo ha detto il ministro per la Pubblica Amministrazione, Filippo Patroni Griffi, conversando con i giornalisti a margine di un convegno all'università Bocconi di Milano a proposito dell'andamento odierno della Borsa e dello spread.

Ore 16:40 Hollande: "Monti è attivo, non è in disarmo" - "Monti è attivo non so quale ruolo sceglierà ma l'ho visto piuttosto attivo, tutt'altro che in disarmo". Lo ha detto il presidente francese Francois Hollande, parlando con i giornalisti, al termine del pranzo offerto ai leader ai leader presenti alla cerimonia di consegna del Nobel.

Ore 16.30 Ddl stabilità, relatore: passerà alla Camera entro il 19/12 -
La "fiducia" sul ddl Stabilità al Senato "è inevitabile". Lo afferma uno dei due relatori al provvedimento, Paolo Tancredi (Pdl). Per quanto riguarda il timing, il senatore non si sbilancia troppo ("spetta alla conferenza dei capigruppo", dice infatti) ma sostiene che "entro il 19 il provvedimento passerà all'esame della Camera".

Ore 15.54 Lo spread torna sotto 350 -
Lo spread tra Btp e Bund torna sotto la soglia dei 350 punti base, toccando quota 347 punti. Il rendimento del Btp a 10 anni è in calo al 4,77%.

Ore 15.45 Borse europee calme dopo Wall Street, Milano -2,6% -
Borse europee piatte dopo l'avvio di Wall Street, con l'esclusione di Madrid che cede circa un punto percentuale e soprattutto di Milano, che sta tentando di contenere le perdite: a meno di due ore dalla chiusura l'indice Ftse Mib cede il 2,6%. In Piazza Affari rimangono molto deboli i titoli bancari (Mps -6%), con Fiat e Telecom che perdono oltre il 3%. Mediaset si muove attorno alla parità mentre Stm sale del 3,5% dopo l'addio a Ericsson.

Ore 15.42  Lombardia, Cicchitto: da Lega proposito egemonico eccessivo - "Stando alle dichiarazioni di Salvini e di Zaia, la Lega pretenderebbe di avere un appoggio in Lombardia sulla presidenza Maroni lasciandosi le mani totalmente libere a livello nazionale, il che francamente ci sembra essere un proposito egemonico francamente eccessivo": così Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera.

Ore 15.40 Crosetto: "Mercati reagiscono alla nascita del Monti politico" - "Sabato è morto il Monti tecnico ed è nato quello politico. Con la scelta, con i modi e con le parole delle dimissioni, ampiamente previste da chiunque capisse un minimo di politica, ha costruito le condizioni per ciò che sta succedendo oggi sui mercati finanziari che non avrebbero certo reagito in questo modo di fronte alla posizione del Pdl". E' quanto dichiara il deputato del Pdl, Guido Crosetto.

Ore 15.38 Wall Street apre negativa -
Apertura in territorio negativo per Wall Street. Il Dow Jones perde lo 0,05% a 13.153,52 punti, il Nasdaq cede lo 0,20% a 2.971,82 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,16% a 1.415,85 punti.

Ore 15.35 Grilli mercoledì negli Usa: incontro con Geithner -
Missione Usa per il ministro dell'Economia Vittorio Grilli che da mercoledì 12 dicembre sarà prima a New York e poi a Washington. La missione, che avrà anche l'obiettivo di rassicurare i mercati, prevede incontri con investitori, con il segretario al Tesoro Usa Timoty Geithner e il capo dei consulenti economici di Obama, Alan Krueger.

Ore 15.23 Tremonti: "Spread ad personam prova spreco di un anno" -
L'ipotesi che ci sia uno spread 'ad personam' è la prova più evidente del fatto che quello passato è stato un anno perso o peggio". Lo afferma  in una nota alla stampa, l'ex ministro dell'Economia Giulio Tremonti.

Ore 14.50 Spread a 353
- Lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti è a 353 punti, dopo aver toccato un massimo a quota 363, sulla scia delle incertezze per il dopo Monti in Italia. Venerdì scorso aveva chiuso a 323 punti. Il rendimento è al 4,81%. Lo spread sui Bonos spagnoli si attesta a 430 punti, per un tasso del 5,59%.

Ore 14.20 Moavero: "Lavoriamo per non vanificare i risultati" - "Il nostro impegno continua come se fosse il primo giorno. I meccanismi dei mercati sono una variabile, sono guidati in modo indipendente dagli operatori. Noi ci impegniamo perché quanto realizzato finora dal governo non sia pregiudicato" dice il ministro degli Affari Europei Enzo Moavero a SkyTG24 (VIDEO).

Ore 14.06 Elezioni, Zaia: "La Lega andrà da sola" -
"Fino a prova contraria la Lega va da sola alle prossime elezioni politiche". Lo ha affermato il presidente del Veneto, Luca Zaia. "Non conosco le definizioni delle ultime ore tra il Cav e i dirigenti della Lega a proposito delle future alleanze, sempre ci siano state. Dico solo che la strada è molto impervia".

Ore 13.53 Bersani: "Combatteremo tutti insieme, anche con Renzi" -
Il corteggiamento del cavaliere a Matteo Renzi non ha avuto alcun effetto. "Si combatterà insieme, anche con Renzi". Ne è convinto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, che ha invitato Berlusconi "a non cadere nel ridicolo, anche se quello è un luogo che lui ha già frequentato ampiamente".

Ore 13.50 Ue sorpresa da fine repentina -
L'Ue è stata colta di sorpresa dalla caduta del governo Monti. "Non ci aspettavamo una fine della legislatura così repentina", hanno detto fonti europee secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Ansa. "L'importante" è che venga approvata la legge di stabilità e, da quanto assicurato finora, "questo sarà fatto", hanno aggiunto riferendo di contatti tra Roma e Olli Rehn.

Ore 13.45 Bersani: "Meglio Monti fuori da contesa" -
"Ho sempre detto che Mario Monti deve essere ancora utile per il Paese, per questo sarebbe meglio che rimanesse fuori dalla contesa". Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani ha risposto a chi gli ha chiesto cosa ne pensasse di un impegno del premier alle prossime elezioni. E aggiunge: "Ognuno sceglie come crede e fa le proprie valutazioni con serenità. Non ho la volontà di inibire in alcun modo le scelte personali di Monti".

Ore 13.40 Borsa amplia calo: -3,60% a metà seduta -
Prosegue in grave calo la seduta della Borsa valori, sull'onda dei timori per la crisi di governo e l'innalzamento dello spread sui 360 punti. L'indice Ftse Mib cede il 3,60% a 15.134 punti, vicino al minimo di giornata del -3,8%; All Share a -3,45%.

Ore 13.17 Barca: "Mercati comprensibili ma continuiamo nostro lavoro" -
La reazione dei mercati all'annuncio delle dimissioni di Mario Monti è "comprensibile" ma il governo continuerà a rispondere con "la serenità e la durezza del suo lavoro". Lo dice Fabrizio Barca, ministro per la coesione territoriale, a margine della presentazione di una ricerca nella sede di Mediobanca.

Ore 12.45 Formigoni: "La candidatura di Berlusconi apre a novità" - La candidatura di Silvio Berlusconi alla guida del Paese "è un punto e a capo ma questo apre a novità che non sono escluse nei prossimi giorni". Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, risponde alla domanda su eventuali primarie del Pdl.

Ore 12.40 Gelmini: "Mercati non possono sovvertire regole democratiche" -
“Con il massimo rispetto dei mercati l’Italia è vicina alla naturale scadenza della legislatura e i cittadini hanno il diritto di scegliere chi li guiderà. Il governo tecnico è stato una parentesi importante del Paese ma non si possono sovvertire le regole democratiche, non lo possono fare neanche i mercati. Credo che la lettura che si sta dando dell’andamento della giornata di oggi sia molto strumentalizzata per mettere da parte il presidente Berlusconi” lo ha detto a SkyTG24 l’ex ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini (VIDEO).

Ore 12.30 Il ministro Catania: candidarmi? Comincio a pensarci -
"Comincerò a pensarci adesso". Così il ministro dell'Agricoltura Mario Catania ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se intende candidarsi alle prossime elezioni politiche.

Ore 12.20 Il portavoce di Angela Merkel: "La cancelliera ha sempre lavorato bene con Monti" -
Angela Merkel "ha sempre lavorato bene" con Mario Monti "e ha un rapporto di stima" con lui. Lo ha detto il portavoce della cancelliera Georg Streiter rispondendo a una domanda sulle dimissioni del premier. Ad una domanda su Silvio Berlusconi, Streiter ha precisato che il governo non commenta la politica interna degli altri Paesi.

Ore 12.15  Van Rompuy: "Monti ha restituito fiducia verso l'Italia" -
"Mario Monti ha fatto un buon lavoro da primo ministro. Ha restituito fiducia verso l'Italia" ed "è stato utile a mantenere la stabilità nell'eurozona". Lo ha detto il presidente permanente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, poche ore prima dalla consegna del premio Nobel alla Ue a Oslo.

Ore 12 Cicchitto: "Election day a tutti i costi" -
L'election day va fatto "a tutti i costi". A sottolinearlo è Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl alla Camera. "Per una questione non solo di risparmio ma anche di serietà - spiega - bisogna a tutti i costi fare l'election day tra elezioni regionali - Lazio, Lombardia, Molise - e elezioni politiche".

Ore 11.50 Spread a quota 360 -
Lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti vola sui massimi di giornata a 361 punti, sulla scia delle incertezze per il dopo Monti in Italia. Venerdì scorso aveva chiuso a 323 punti. Il rendimento è al 4,86%. Lo spread sui Bonos spagnoli avanza a 439 punti, per un tasso del 5,65%. 

Ore 11.30 Barroso a SkyTG24: "Abbiamo bisogno di un'Italia stabile e forte" -
"In Europa abbiamo bisogno di un'Italia forte e stabile". Lo ha affermato il presidente della Commissione europea, Jose' Manuel Barroso, in un'intervista a SkyTG24. Barroso ha parlato anche del premier italiano Mario Monti che, a suo dire, ha dato "un grande contributo al dialogo europeo".

Guarda il video



Ore 11.15 Il governo spagnolo: "Dall'Italia rischio contagio" -
I dubbi sull'instabilità politica di paesi come l'Italia hanno "un contagio immediato" sulla Spagna. Così' il ministro dell'Economia Luis de Guindos alla Radio Rne commenta l'annuncio di dimissioni di Monti. "Quando sorgono dubbi sulla stabilità di un paese vicino come l'Italia, a sua volta percepito come vulnerabile, ci contagiano subito".

Ore 11 Terzi: "L'Italia continuerà ad essere un partner credibile" -
L'Italia "continuerà ad  essere un partner efficace e credibile" quale che sia l'esito delle prossime elezioni. E' la rassicurazione arrivata dal ministro degli Esteri Giulio Terzi, mentre sui mercati si registrano fortissime  tensioni a causa della crisi politica  (VIDEO).

Ore 9.25 Raffica di sospensioni a Piazza Affari -
Raffica di sospensioni a PiazzaAffari dove vengono fermate dalle contrattazioni Finmeccanica (teorico -1,6%) e alcune banche. Stop per Mps (teorico -3,56%), Ubi Banca (-2,47%), Bpm (-2,59%).

Ore 9.05 Milano apre in forte calo -
Apertura in forte calo per la Borsa di Milano. L'indice Ftse Mib di piazza Affari ha esordito a -2,30% a 15.331 punti mentre l'All Share ha segnato - 2,29% a 16.192 punti. A "picco" soprattutto i bancari.

Ore 8.40 Spred sopra quota 350 -
Il differenziale tra Btp e Bund sale ancora e supera la soglia dei 350 punti (351) con un rendimento che arriva al 4,77%.

Ore 8.30 Renzi risponde all'invito di Berlusconi -



Ore 8.20 Spread Btp-bund sopra i 340 punti all'apertura dei mercati -
Il differenziale tra il Btp e il Bund tedesco a 10 anni apre in netto rialzo rispetto alla chiusura di venerdì (323 punti) sopra 340 punti (341,7 dopo aver toccato 342). Il rendimento sale al 4,7% dal 4,52% (video).

Leggi tutto