Spiagge, concessioni prorogate di 5 anni. Governo battuto

Ombrelloni chiusi e lettini e sdraio vuote sulla spiaggia di San Vincenzo (Livorno) in una foto di archivio
1' di lettura

La commissione Industria del Senato ha approvato un emendamento al dl Sviluppo contro il parere dell'esecutivo, che estende fino al 2020 le concessioni demaniali balneari. In una prima versione era previsto lo slittamento fino al 2045

Governo battuto in commissione Industria del Senato sulla proroga della concessione delle spiagge inserita nel dl Sviluppo. La proroga, inizialmente prevista di 30 anni, è stata ridotta a 5 dopo i rilievi della Bilancio, anche se il governo aveva espresso parere contrario.

L'emendamento presentato in commissione Industria dai relatori Simona Vicari (Pdl) e Filippo Bubbico (Pd)  prevedeva che le concessioni demaniali balneari fossero prorogate sino al 2045. La commissione Bilancio del Senato ha bocciato la modifica, dando invece il via libera condizionato a una proroga di 5 anni, sino al 2020, più compatibile con quello che potrebbe essere il frutto della mediazione del Governo con la Commissione europea che pretende invece l'indizione di un'asta.
Si attende ora il maxiemendamento sul quale l'esecutivo porrà la fiducia per sapere se, visto il parere contrario espresso dal Governo, conterrà comunque la modifica votata.

Leggi tutto