Bersani: "Ora il programma". Renzi: "Dispiaciuto"

1' di lettura

Il segretario Pd dopo la vittoria alle primarie: "E' stata una splendida pagina di democrazia, la prossima avventura è il governo". Il sindaco di Firenze commenta la sconfitta: "Scontato perdere, ma a metà ottobre i sondaggi erano fantastici"

Pier Luigi Bersani pensa al futuro di governo, Matteo Renzi torna a fare il sindaco di Firenze. Il giorno dopo il ballottaggio delle primarie del centrosinistra, in cui ha trionfato il segretario del Pd, i due sfidanti commentano il nuovo scenario.

Renzi: "Scontato perdere al ballottaggio"
- "Era scontato straperdere al ballottaggio", ma "sono dispiaciuto anche perché a metà ottobre i sondaggi erano fantastici ed io ci ho creduto" ha detto Matteo Renzi. Il sindaco di Firenze è arrivato in Comune intorno alle 9.30 e a chi gli ha chiesto quando aveva capito che avrebbe perso le primarie, ha risposto "l'ultima settimana prima del primo turno". "Il risultato politico c'è comunque, anche se avessi perso 55 a 45, 66 a 34 o 59 a 41" ha precisato ancora Renzi, dopo aver ribadito già nel suo intervento di domenica sera alla Fortezza da Basso, che sarebbe tornato a fare il sindaco a tempo pieno. "E' stato un privilegio accompagnare la vostra speranza e fare questo tratto di strada insieme. Grazie" ha inoltre scritto questa mattina su Facebook e Twitter, ringraziando i suoi sostenitori.

Bersani: "Prossima avventura è il governo" - "E' stata una splendida pagina di democrazia, una bellissima avventura: la prossima avventura' è il governo, il governo del cambiamento. Ora ci si mette al lavoro per allestire il programma" ha commentato invece, il giorno dopo la vittoria alle primarie, Pierluigi Bersani.
Nel pomeriggio inoltre il segretario del Pd ha riconosciuto al suo avversario di essere stato "protagonista di questa bella avventura, ci ha messo energia, freschezza, è una risorsa come siamo tutti in questo grande squadrone".

Leggi tutto