Regione Lazio, alle urne il 10 e 11 febbraio

1' di lettura

La governatrice dimissionaria Renata Polverini ha formalizzato la comunicazione al Viminale. Il governo dovrà ora valutare la possibilità di accorpare nella stessa data le elezioni in Lombardia e Molise

A 65 giorni dalle dimissioni sull'onda del caso Fiorito, la governatrice dimissionaria della Regione Lazio, Renata Polverini, ha deciso di convocare le elezioni il 10 e 11 febbraio. Le date sarebbero state comunicate direttamente al ministero dell'Interno e ora il governo sta valutando se far tenere negli stessi giorni le consultazioni anche in Lombardia e Molise. Il governatore Roberto Formigoni si era già detto favorevole all'election day con il Lazio e lo ha confermato con un tweet. Per il Molise è ancora più urgente la consultazione dato che il governo regionale è stato azzerato dall'annullamento delle precedenti elezioni. Consiglieri e assessori non sono quindi neanche in regime di 'prorogatio'.



Verso l'election day - Il 10 e 11 febbraio potrebbe tenersi anche il referendum sul passaggio di Piacenza alla Lombardia e quello su 8 Comuni del bellunese che vogliono passare alla provincia di Trento. Per questi però serve un decreto del Consiglio dei ministri firmato dal presidente della Repubblica. Il 31 ottobre il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri aveva annunciato che per le tre regioni la prima data utile era il 27 gennaio, rinunciando all'election day nazionale - anche con le politiche - per non lasciarle troppo a lungo senza governo. Mentre però per Lombardia e Molise la data del voto non viene decisa dalla Giunta regionale, ma dal governo, per il Lazio è diverso.
La decisione della Polverini mette così fine a uno stallo che durava da oltre due mesi, da quando la governatrice si dimise con una drammatica comunicazione alla stampa a seguito dell'inchiesta sui fondi del gruppo Pdl, cui pure era estranea (LE FOTO). Da allora è stato un durissimo braccio di ferro con l'opposizione alla Pisana, con alcune associazioni di cittadini, che hanno fatto ricorso al Tar chiedendo e ottenendo una sentenza per l'immediata convocazione delle elezioni. Il Consiglio di Stato - cui Polverini aveva fatto ricorso - ha confermato la decisione del Tar e disposto, tre giorni fa, che il voto regionale venisse fissato entro cinque giorni.

Le polemiche  - Il presidente della Provincia di Roma e candidato Pd alla Regione Nicola Zingaretti, saputo della decisione della Polverini, chiede di rispettare le sentenze, "una del Tar molto chiara anche sulla tempistica e un'altra del Consiglio di Stato a conferma".
"Il ministro Cancellieri non può limitarsi a farci sapere cosa ha fatto la Polverini - dice l'avvocato Gianluigi Pellegrino, che ha rappresentato il Movimento Difesa del Cittadino davanti al Tar -, ma in ottemperanza all'ordine del giudice che l'ha nominato come commissario ad acta deve verificare che il decreto emesso costituisca esatta ottemperanza alla sentenza". Polverini, che ha sempre giustificato il rinvio anche con l'intenzione di ridurre da 70 a 50 il numero dei consiglieri regionali, viene oggi attaccata per un'altra serie di nomine in extremis. Secondo il capogruppo Pd alla Regione Esterino Montino, il 23 novembre sarebbe stato designato presidente dell'Ipab (Istituto pubblico di assistenza e beneficenza) Sacra Famiglia "uno degli amici più fidati" della Polverini. "Cautela nella nomine" viene chiesta anche dal capogruppo Pdl alla Regione, Chiara Colosimo.

Leggi tutto