Legge di stabilità, tripla fiducia alla Camera

1' di lettura

Il via libera di Montecitorio è previsto giovedì. Sindaci sul piede di guerra: protestano contro i tagli ai Comuni e minacciano le dimissioni. Il Tesoro, intanto, lavora a una nuova riformulazione della norma sull'Imu per il no profit

La Camera vota la fiducia posta dal governo sulla legge di stabilità, mentre dalle piazza si levano sempre più pressanti le richieste di modificare la legge. Mercoledì 21 novembre è la volta dei sindaci (LE FOTO) che si sono lamentati per i tagli, e dei malati di Sla (LE FOTO) che hanno chiesto fondi adeguati. E mentre già si ragiona alle possibili modifiche da introdurre in Senato, un'altra novità arriva dal governo: il Tesoro lavora a una nuova riformulazione della norma sull'Imu per il no profit, che potrebbe essere inserita nella legge di stabilità.

Tre voti di fiducia - L'aula di Montecitorio ha dato il proprio assenso alle tre richieste di fiducia poste dal governo sui tre articoli della legge di stabilità. I sì nelle tre 'chiame' uninominali sono stati in ordine 426, 433 e 395, quindi con la maggioranza parlamentare che ha mostrato poche falle. Giovedì 22 novembre la Camera darà il voto finale sul provvedimento e si esprimerà anche su diversi ordini del giorno presentati. Un "no" è invece giunto dai sindaci, riuniti a Milano in una manifestazione di protesta contro i tagli agli Enti Locali. Al termine di un incontro in prefettura con il ministro Piero Giarda, il presidente dell'Anci Graziano Del Rio ha detto che "se la legge di stabilità uscirà così com'è dal Senato i sindaci sono pronti a dare le dimissioni in massa".
Una manifestazione davanti al ministero dell'Economia, a Roma, ha fatto esplodere la rabbia dei malati di Sla, per le risorse a loro destinate, ritenute insufficienti. Alla Camera è stato presentato un ordine del giorno bipartisan, che impegna il governo a inserire le cure per la Sla tra i Lea (livelli essenziali di assistenza), cosa che garantirebbe servizi e finanziamenti permanenti. Si comincia dunque già a ragionare alle possibili modifiche da inserire al Senato. Sul tavolo anche la deroga al patto di stabilità interno per i comuni colpiti dalle alluvioni; i fondi per il comparto sicurezza; la tobin tax e il ripristino dei 250 milioni per la produttività, che la Camera ha stornato per assegnarli alle regioni colpite dal maltempo.

Imu per gli enti no profit - La novità emersa in giornata riguarda l'Imu per gli Enti No Profit. Il governo sta scrivendo sia il regolamento di attuazione della norma (inserita nel decreto sui costi della politica) che una nuova versione della stessa norma. La Camere aveva approvato un ordine del giorno nei gironi scorsi che invitava il governo a distinguere, tra le attività commerciali, quelle non lucrative, per evitare che per esempio una mensa per i poveri paghi l'Imu visto che acquista alcuni alimenti. Invece l'orientamento del Tesoro è di distinguere tra attività commerciali e non commerciali senza ulteriori estensioni. Per quanto riguarda le situazioni 'miste' ci si baserà sull'attività  prevalente e sul meccanismo delle quote. La norma potrebbe essere inserita o nella legge di stabilità o nel decreto sui Costi della politica ora in Senato.

Leggi tutto