Napolitano: "Auguri Obama, ammiro responsabilità candidati"

1' di lettura

Il Capo dello Stato al presidente rieletto negli Stati Uniti: "Stretta collaborazione per la pace, la democrazia e i diritti umani". Monti: "Sintonia tra noi". Vendola a SkyTG24: "Notizia straordinaria". Fini: "Con Romney rischio isolazionismo"

"Il popolo americano e il popolo italiano hanno bisogno della più solida amicizia tra i nostri due paesi e della più stretta cooperazione tra Stati Uniti ed Europa perché possa avanzare nel mondo la causa della pace, della democrazia e dei diritti umani": lo afferma Giorgio Napolitano in un messaggio inviato a Barack Obama dopo la rielezione alle presidenziali americane (LO SPECIALE).
"E' un piacere poterle indirizzare le più calorose congratulazioni e i più fervidi auguri miei personali e dell'Italia per la rielezione a Presidente e per l'avvio del suo secondo incarico", scrive Napolitano.

Napolitano: "Ammirazione per senso responsabilità candidati"
- "Mi consenta - prosegue il capo dello Stato - anche di manifestare ammirazione per l'alto senso di responsabilità con cui i due candidati hanno fatto seguire immediatamente all'annuncio del risultato espressioni di reciproco riconoscimento e di comune impegno a operare per l'unità della nazione". “Il popolo americano - sottolinea - ha affidato a lei l'ulteriore mandato per la soluzione dei suoi problemi e innanzitutto per il superamento di una grave crisi economica globale come quella che stiamo insieme vivendo. Il popolo americano e il popolo italiano hanno bisogno della più solida amicizia tra i nostri due paesi e della più stretta cooperazione tra Stati Uniti ed Europa perché possa avanzare nel mondo la causa della pace, della democrazia e dei diritti umani. Il mondo ha bisogno di un forte apporto dell'America per la costruzione di nuovi equilibri e per uno sviluppo sostenibile nella sicurezza e nella giustizia da cui nessun popolo e nessun paese siano esclusi. In questo spirito accolga anche i miei voti di serenità e benessere personale per lei e per la sua consorte".

Monti: “Continua cooperazione e sintonia tra i due paesi” - "Guardo con piacere alla continuazione della cooperazione tra noi, fondata sulla particolare sintonia che si è venuta creando, a livello personale così come tra i nostri due Governi". Lo dice il premier Mario Monti nel suo messaggio di congratulazioni a Obama.
Il premier formula dunque al confermato presidente Usa "i più calorosi auguri di buon lavoro" e, aggiunge a mano (qui il comunicato originale, con l'aggiunta a penna), "di serenità a lei, alla gentile consorte e alla vostra splendida famiglia. Guardo con piacere alla continuazione della cooperazione tra noi, fondata sulla particolare sintonia che si è venuta creando, a livello personale così come tra i nostri due governi".

Alfano: “Straordinaria prova di democrazia”
– Il segretario del Pdl Angelino Alfano ha commentato con soddisfazione la vittoria di Barack Obama alle presidenziali negli Stati Uniti. "Ha vinto Barack Obama, congratulazioni a lui e agli Stati Uniti d'America, ancora una volta capaci di una straordinaria prova di partecipazione democratica", ha detto il segretario del Pdl in un videomessaggio.

Vendola: “Notizia straordinaria per tutti”
- "Four more years. Obama ce l'ha fatta. Buongiorno a tutti", si è aperta così mercoledì 7 novembre la pagina Facebook di Nichi Vendola, con la foto dell'abbraccio tra Barack Obama riconfermato Presidente degli Stati Uniti d'America e la moglie. Poi, intervenuto a SkyTG24 (VIDEO), il governatore pugliese, candidato alle primarie del centrosinistra, ha detto: “Il bis di Obama è una notizia straordinaria per tutti”.

Bersani: "Grande soddisfazione"
- "La conferma di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti è un motivo di grande soddisfazione. Questo risultato favorisce il rapporto tra Usa ed Europa, in particolare sulla necessità di rilanciare lo sviluppo". Lo afferma il segretario del Pd Pier Luigi Bersani. "E' significativo - aggiunge - che Obama abbia vinto combattendo ogni linguaggio populista, scegliendo la strada difficile della verità e mettendo al centro del proprio programma i temi della solidarietà e del lavoro. Con Obama vince l'America dell'inclusione e delle libertà. Questo risultato è uno sprone per i partiti  democratici e progressisti europei. Ora tocca a noi fare la nostra  parte per vincere e contribuire ad un'uscita dalla crisi nel segno dell'equità".

Fini: "Con Romney si rischiava isolazionismo"
- "Personalmente sono soddisfatto perché il secondo mandato di Obama garantirà la continuità della politica statunitense nell'ambito di una visione di carattere occidentale. Alcune posizioni di Romney avrebbero fatto correre il rischio all'Europa di trovarsi di fronte a una politica statunitense quasi isolazionista". Così il presidente della Camera, Gianfranco Fini, sulla conferma di Barack Obama alla Casa Bianca.

Leggi tutto