Laziogate: governo pronto a tagliare i costi della politica

1' di lettura

Secondo alcuni quotidiani, l'esecutivo sarebbe intenzionato ad accelerare sul piano Amato, che dovrebbe prevedere l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Spazio sulle prime pagine anche al monito di Napolitano contro la "corruzione vergognosa"

Sono le parole "vergogna” e “vergognoso" quelle più usate in apertura dai quotidiani in edicola, per restituire il duro monito del Capo dello Stato Napolitano sullo scandalo che ha travolto il consiglio regionale del Lazio. “Corruzione vergognosa” è il virgolettato di Napolitano che apre La Stampa, il Messaggero, il Secolo XIX. “La vergogna della corruzione” il titolo de l’Unità, "Il Colle ai partiti: vergogna" l’apertura de Il giorno, mentre Avvenire titola “I giorni della vergogna".
Oltre all’indignazione di Napolitano, sui giornali trova spazio anche la difesa a tutto campo di Renata Polverini, che dopo le dimissioni è passata al contrattacco, presenziando in diverse trasmissioni televisive e tappezzando Roma di manifesti con la scritta eloquente “Questa gente la mando a casa io”.

Secondo Repubblica, poi, di fronte allo scandalo, il governo sarebbe pronto ad agire d’urgenza per tagliare i costi della politica, dando il via al "piano Amato" per ridurre i fondi ai partiti. Secondo il retroscena a firma di Liana Milella, Monti, da New York, avrebbe rassicurato il Capo dello Stato sul ddl corruzione: "diventerà legge al più presto", ma anche su nuove misure sui costi della politica. Il piano Amato dovrebbe abolire il finanziamento pubblico ai partiti e Monti, secondo Repubblica, non esclude di farlo diventare legge per decreto.
Sul Corriere della Sera, invece, una mappa restituisce le spese senza controllo delle Regioni. "Su dodici assemblee prese in considerazione, otto non pretendono alcuna giustificazione" si legge nell'approfondimento di Alessandra Mangiarotti e Andrea Senesi dal titolo "Le Regioni bancomat: soldi senza ricevuta”.

Leggi tutto