Scandalo Lazio, consiglieri del Pd pronti alle dimissioni

1' di lettura

Il capogruppo in Regione del Partito democratico, Esterino Montino: "Abbiamo iniziato la raccolta firme. Bisogna sciogliere il consiglio regionale e andare al voto". La Corte dei Conti sul caso fondi Pdl: "Fatti gravissimi". Bagnasco: vicenda vergognosa

"Abbiamo avviato la raccolta di firme per le dimissioni dei consiglieri regionali del Pd. Spero che l'iniziativa venga accolta anche da tutti i consiglieri di opposizione, da tutti coloro che non sopportano più i assistere inermi alla deriva della Regione Lazio". E' quanto ha affermato il capogruppo del Pd in Regione Esterino Montino. "Le priorità oggi - aggiunge  - sono le dimissioni della Polverini e lo scioglimento del Consiglio regionale. Per farlo è necessario un atto di forte rottura: abbiamo avviato la  raccolta di firme per le dimissioni dei consiglieri regionali del Pd".
La notizia irrompe sulla bufera che ha investito la giunta Polverini dopo lo scandalo dei fondi Pdl, per il quale è indagato per peculato l'ex capogruppo del Pdl Franco Fiorito, il giorno in cui interviene anche il presidente del tribunale Luigi Giampaolino, che dichiara: "Occorre un controllo dei bilanci dei partiti ed anche di altre spese da parte di un organo esterno e indipendente". Immediata la riposta del presidente della Regione Renata Polverini: "Giusto che ciascuno paghi il conto".

Consiglieri Pd pronti alle dimissioni - "Il centro destra ha ridotto la Regione Lazio in uno stato comatoso non più sopportabile - afferma il consigliere Montino - Il limite di guardia è superato. Occorre uno sforzo corale per costringere questa Giunta alle dimissioni e allo scioglimento del Consiglio regionale come previsto dal documento presentato venerdì scorso insieme a tutti i gruppi d'opposizione. La parola deve tornare ai cittadini, solo così si uscirà dalla crisi attuale e si darà un segnale di forte rinnovamento nella politica regionale".
E la proposta di dimissioni lanciata da Montino trova sostegno tra i consiglieri. "E' una decisione dolorosa, ma sosteniamo Montino" afferma il senatore del Pd Roberto Di Giovan Paolo, dirigente del partito nel Lazio. E aggiunge: "Nei fatti questa decisione libera la Polverini da tante prigionie. Infatti, i nemici del governatore sono più dentro il Pdl che fuori - continua Di Giovan Paolo - speriamo che la scossa di Montino abbia effetti".

Bagnasco: una cosa vergognosa -
Lo scandalo del fondi Pdl nella Regione Lazio ha fatto prendere posizione anche a esponenti della Chiesa e non solo. Il cardinale vicario di Roma, Agostino Vallini, ha condannato gli "scandali ed abusi di denaro pubblico che sono intollerabili". Gli sprechi di cui si sente parlare in questi giorni "sono una cosa vergognosa", ha rincarato il cardinal Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana.
Il governatore Renata Polverini, intanto, è tornata a prendere di petto la questione parlando da un palco, alla festa dell'Uva "Io ho cercato di scusarmi con chi ha visto quello spettacolo indecente. La settimana che abbiamo vissuto è stata la più brutta della storia di questa Regione: da oggi dobbiamo rialzare la testa per tornare a rioccuparci dei problemi della gente. Delle cose concrete"'.

Leggi tutto