Bersani: "Statuto dei lavoratori un fatto epocale"

1' di lettura

Il segretario del Pd, all'indomani delle parole di Monti, difende la norma del 1970: è un simbolo di "civilizzazione e cittadinanza". E sullo sfidante alle primarie Renzi: "Il suo discorso merita un approfondimento"

"E' 24 ore che volevo dirlo: è venuta fuori credo casualmente una discussione sullo Statuto dei lavoratori. Tutte le norme fondamentali possono essere aggiustate. Ma lo statuto è stato un fatto epocale di civilizzazione e cittadinanza". Così, il segretario del Pd Pierluigi Bersani, a Perugia alla Festa socialista, commenta le parole del premier Monti, secondo cui la legge del 1970 ha fatto si che si creassero meno posti di lavoro.

Bersani ha parlato anche della crisi che colpisce tutto il mondo del lavoro: "Temo questo autunno, non sarà semplice. Ci sono difficoltà nelle grandi industrie, ma c'è anche la moria delle piccole imprese". Il segretario del Pd ha anche invitato il governo a "buttarsi dentro i problemi": Veniamo da anni in cui Berlusconi diceva: 'Ho parlato con Scaroni, il problema è risolto. Ho parlato con Putin, il problema è risolto. I problemi, invece, sono tutti lì, perché le pratiche non sono state seguite".

Dal segretario, poi, un commento sul suo principale sfidante alle primarie, il sindaco di Firenze Matteo Renzi: "Ieri era la giornata di Renzi e io l'ho rispettata. Preferisco sempre dire che voglio fare io, non cosa non va di quello che dice l'altro. Io dico guardate che dobbiamo parlare dell'Italia. Quello che ho sentito merita un qualche approfondimento, poi penso che possa venirne fuori un dibattito sereno".
E sull'appello di Renzi ai delusi del Pdl: "Noi dobbiamo avere un sentimento comune - ha detto Bersani - anche di fronte ad una campagna elettorale vera, il voto va chiesto a tutti  gli italiani. Ma io chiedo un voto per il cambiamento rispetto ad anni di berlusconismo. E non voglio che ci siano ambiguità su questa cosa qui". E sul dibattito interno al partito, Bersani conferma che nel 2013 il Pd terrà il suo congresso. "Dall'anno prossimo vanno messe in moto energie nuove, un passaggio di generazione è una cosa giusta".

Leggi tutto