Decreto sanità, via libera dal governo

1' di lettura

Balduzzi e Monti presentano il testo varato dal consiglio dei ministri. Tra le norme inserite: medici di base sette giorni su sette, 24 ore su 24 e meccanismi più meritocratici nelle nomine dei direttori delle Asl e dei primari

Medici di base sette giorni su sette, 24 ore su 24. Sembra essere questo il punto forte del decreto sanità approvato dal governo, dopo una riunione fiume durata ben sette ore. Il ministro Balduzzi nel presentare il testo ha infatti sottolineato che il decreto prevede tra le altre cose anche "una nuova alleanza tra utente e medici di famiglia che richiede un'organizzazione integrata della medicina di famiglia". L'assistenza sanitaria di base verrebbe dunque garantita 24 ore su 24 attraverso l'impegno dei medici di base.

Monti: "Più meritocrazia, meno politica"
- Nel corso della conferenza stampa Mario Monti ha inoltre sottolineato l'importanza che il governo intende dare al capitolo Salute, "un vero e proprio asset produttivo del paese". Tra gli obiettivi del decreto, ha spiegato il premier, ci sarà quello di dare "maggiore riconoscimento al merito e una maggiore distanza" dalla politica. Al centro del ragionamento la nomina dei primari e dei direttori delle Asl, scelta che resterà di competenza delle regioni ma che dovrebbe seguire meccanismi più legati a logiche meritocratiche. 

Bibite gassate e gioco d'azzardo
- Per quanto riguarda invece il tanto discusso intervento del governo su bibite gasate e slot macchine, il testo prevede che le bibite analcoliche non possano avere un contenuto di succo naturale inferiore al 20% (oggi è al 12%), mentre per quanto riguarda le ludopatie saranno previsti controlli più stringenti nei locali che si trovano vicino alle scuole e l'obbligo a una maggiore pubblicità per quanto riguarda le reali possibilità di vincita. Sono inoltre previste "chiusure temporanee" delle slot machine "in presenza di fenomeni estesi di ludopatia, anche su segnalazione dei sindaci competenti per territorio". Vietati infine pesce e latte crudo nelle mense.

Leggi tutto