“Politici zombie”: polemica tra Di Pietro, Casini e Galan

Antonio Di Pietro e Pierferdinando Casini - Getty Images
1' di lettura

Il segretario dell’Idv pubblica un video-montaggio horror in cui definisce gli avversari “morti viventi che hanno paura delle elezioni”. Il leader Udc su Twitter: “Matrice fascista”. Tonino: "Fascista è chi ha governato con i fascisti"

Video, zombie e polemiche di mezza estate. Proprio nel giorno in cui Antonio Di Pietro ha annunciato di voler lanciare l’”asse dei non allineati” insieme al Movimento 5 Stelle e Sinistra e Libertà, lo staff di Italia dei Valori ha pubblicato un video dal titolo “Terrificante: morti viventi in Parlamento”. Si vedono immagini di Montecitorio al ralenti, alternate da dichiarazioni dello stesso Di Pietro (“Non esiste più una maggioranza (...) Esistono soltanto dei morti viventi che hanno paura di andare alle elezioni”). Poi, all’improvviso, cambia lo scenario e ci troviamo catapultati dentro le immagini di un film di George Romero, con i morti viventi che indossano maschere insanguinate di Pierluigi Bersani, Angelino Alfano, Pierferdinando Casini e Mario Monti.



Il mashup horror-politico dell’Idv non ha mancato di scatenare polemiche. Il leader dell’UDC Pierferdinando Casini è andato al contrattacco con una dichiarazione su Twitter in cui attribuisce all'operazione una “matrice fascista”:


Sempre a mezzo Twitter è poi arrivata la replica di Di Pietro:



Nella conversazione si è poi inserito anche l’ex Presidente della Regione Veneto Giancarlo Galan:




Nessuna replica ufficiale invece dal Pd, almeno per il momento. Solo un commento affidato a Facebook da Palmiro Ucchielli, segretario del Partito Democratico delle Marche: “Io credo che il mestiere del politico non sia quello di fare né il comico né lo sceneggiatore horror. In Italia abbiamo un maestro come Dario Argento, lasciamo a lui il compito di occuparsene. Chiediamo a Di Pietro di tornare in sé e di rispettare le Istituzioni che rappresenta. Lo Stato è una cosa seria”

Ad ogni modo, alcuni utenti fanno notare che un’idea simile era già venuta a Beppe Grillo (quando dopo le ultime amministrative aveva definito Bersani “uno zombie”. Il segretario Pd allora aveva replicato: "Pollo che si crede un'aquila"). E avvertono: “Poco poco originale. Quella dei morti viventi l'aveva già tirata fuori Grillo! Di Pietro... non hai ancora capito che copiare non paga?”.

Leggi tutto