Nicole Minetti: "Mi dimetterò a Ottobre"

Nicole Minetti - Foto: Kika
1' di lettura

La consigliera regionale Pdl giura che in autunno farà un passo indietro. E che rinuncerà al vitalizio: "Non voglio dare a nessuno la soddisfazione di potermi rinfacciare in eterno il privilegio". E sostiene: "Berlusconi non mi ha chiesto le dimissioni"

Dimissioni entro ottobre e rinuncia al vitalizio della Regione Lombardia. E' la promessa fatta da Nicole Minetti in un'intervista a Vanity Fair dopo aver tenuto per settimane un rigidissimo silenzio sul suo futuro al Pirellone. "Piuttosto che prendere un vitalizio dalla Regione Lombardia mi dimetto il giorno prima che scatti il diritto, il prossimo ottobre. Giuro" dice la Minetti nel numero della rivista in edicola dal 25 luglio, prima di partire per una settimana di vacanze a Los Angeles.

La consigliera del Pdl in Regione Lombardia parlando con il settimanale delle sue possibili dimissioni aggiunge: "Decido da sola quando dare le dimissioni, non ho bisogno di ordini o pressioni. E non voglio dare a nessuno la soddisfazione di potermi rinfacciare in eterno il privilegio". E commentando le dichiarazioni di Daniela Santanchè che l'aveva definita "inadatta alla politica" replica: "Mi domando se è la stessa Santanchè che una volta mi paragonò a Nilde Iotti. Per carità, cambiare opinione è legittimo. Io comunque non mi sento finita".

Il pressing su Nicole Minetti per farla dimettere ha avuto inizio lo scorso 15 luglio quando, Angelino Alfano, segretario del suo partito, nel corso dell'intervista con Maria Latella su SkyTG24, le ha seccamente chiesto di fare un passo indietro. Nei giorni successivi, oltre al commento della Santanché, interventi analoghi erano arrivati anche da Franco Frattini e altri esponenti del Pdl, tanto che il coordinatore regionale lombardo Mario Mantovano dava le dimissioni per certe la scorsa settimana.

In un'altra intervista, questa volta al settimanale Chi, la Minetti sostiene però che dietro queste richieste non vi sarebbe la volontà di Berlusconi: "Io non sono andata ad Arcore perché Berlusconi ha chiesto le mie dimissioni. Il presidente non le ha mai chieste. Non sono neppure andata a contrattare la mia buonuscita. Volevo solo capire come poter gestire la bufera mediatica". Anzi, secondo la sua versione, il Cavaliere le avrebbe consigliato di non dimettersi, perché sarebbe apparso come un'ammissione di colpa. "Mi ha esortato a resistere", ha dichiarato.

Nicole Minetti è sotto processo a Milano con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione insieme a Emilio Fede e Lele Mora. La procura le contesta la gestione delle ragazze che frequentavano i presunti festini nella residenza di Arcore di Silvio Berlusconi (processato in un procedimento a parte); festini ai quale avrebbe partecipato anche Karima el Mahroug, in arte Ruby Rubacuori, quando era ancora minorenne.

Leggi tutto