Rai, dopo le polemiche eletti i 7 consiglieri per il Cda

1' di lettura

Si tratta di Antonio Verro, Antonio Pilati, Luisa Todini e Guglielmo Rositani in quota Pdl; di Gherardo Colombo, Benedetta Tobagi vicini al Pd; e Rodolfo De Laurentiis appoggiato dall'Udc. Il voto è arrivato dopo lo scontro Fini-Schifani

La commissione di Vigilanza della Rai ha nominato sette consiglieri di amministrazione della tv pubblica dopo un lungo braccio di ferro tra le forze della maggioranza. Si tratta di un nuovo Cda che dà la maggioranza ai consiglieri in quota Pdl. Infatti sia Antonio Verro che Antonio Pilati, Luisa Todini e Guglielmo Rositani rappresentano il Popolo della libertà. Mentre, come è noto sono in quota Pd sia Gherardo Colombo che Benedetta Tobagi. Resta confermato il sostegno a Rodolfo De Laurentiis da parte del Terzo Polo. Rispetto al precedente Cda sono stati riconfermati Verro, Rositani e De Laurentiis.
Nei prossimi giorni la commissione dovrà votare con la maggioranza di due terzi il nuovo presidente della Rai, indicato dal governo nell'attuale vice direttore della Banca d'Italia Anna Maria Tarantola.

Le nomine arrivano dopo il duro scontro istituzionale di mercoledì 4. Nella bufera era finito il presidente del Senato, Renato Schifani, per la sua scelta di sostituire Paolo Amato, membro del Pdl in Commissione di Vigilanza, che aveva espresso l'intenzione di non votare con il suo partito, con Pasquale Viespoli di Coesione Nazionale. Ad attaccare Schifani era stato il centrosinistra e il presidente della Camera Fini, che aveva parlato di "fatto di inaudita gravità" (guarda il servizio di SkyTG24).

Leggi tutto