Da Maradona a benzinaio: Monti e l’incubo dell'altro spread

1' di lettura

Il governo è nato con l’obiettivo di tenere a freno i mercati e superare la crisi. Ma c’è un altro differenziale che i tecnici devono tenere d’occhio, legato al gradimento dei partiti. Il feeling tra maggioranza ed esecutivo in due cronologie interattive

a cura di Filippo Maria Battaglia

In italiano si traduce con la parola “scarto” o “forbice”, in economia sta a indicare la differenza tra il rendimento dei titoli di stato italiani e quelli tedeschi. E in politica? Lo “spread” è diventato una parola chiave per capire il mondo di oggi. La sua impennata, nell’estate scorsa, ha provocato una crisi che ha contribuito – per alcuni, in modo decisivo – alla caduta del governo Berlusconi.
E l’attuale governo, guidato da Monti, è nato tra l’altro con l’obiettivo di abbattere, attraverso le riforme, una cifra che costa allo stato decine di miliardi di interesse. Ma nei sette mesi di vita l’esecutivo del ‘tecnico’ Monti ha avuto a che fare anche con un altro spread, stavolta legato alle dichiarazioni dei politici.
Insidioso quasi quanto l’originale perché decisivo per la sopravvivenza del governo, riguarda le frasi e le dichiarazioni dei politici dell’ampia maggioranza che lo sostiene. Un dato che ha oscillato persino di più dell’indice economico. Da “Maradona” a “benzinaio”, passando per “rimedio utile” e “scelta della provvidenza”, il lavoro del Professore ha toccato tutte le gradualità di valutazione, dal consenso alla contestazione.
Abbiamo provato a sintetizzarne l’andamento, raccontandolo attraverso due cronologie interattive con alcuni dei commenti più significativi degli esponenti dei due principali partiti di maggioranza, Pdl e Pd.

(Per consultare la timeline basta muoversi con il cursore lungo la barra in basso. Si possono visualizzare gli eventi per l'intero arco temporale oppure si può accorciare la barra e consultare così un periodo più breve. Cliccando su ciascun avvenimento si apre una nuvola con il dettaglio ed eventuali link all'articolo, con video e fotogallery per saperne di più)

La timeline del Pdl



La timeline del Pd


Leggi tutto