Esodati, da Lega e Idv mozione di sfiducia contro Fornero

1' di lettura

Presentato alla Camera un documento contro il ministro del Lavoro, che riferirà in Aula martedì. A firmarlo il Carroccio e il partito di Di Pietro, più alcuni deputati Pdl. All'attacco anche Susanna Camusso: "Da lei reazione intollerabile sui dati Inps"

E' stata depositata, corredata di 78 firme, la mozione di sfiducia individuale al ministro del Lavoro Elsa Fornero, in seguito al balletto di cifre relativo ai cosiddetti esodati. La mozione è stata depositata dalla Lega con l'appoggio di Idv. A firmarla anche alcuni esponenti del Pdl.

"Dopo avere raccolto le firme necessarie abbiamo depositato la mozione di sfiducia individuale nei confronti del ministro Fornero" ha dichiarato il presidente dei deputati della Lega Nord, Gianpaolo Dozzo, che "ringrazia quei colleghi dell'Idv e del Pdl che hanno sottoscritto la nostra mozione".  Il deputato leghista ha poi spiegato che "la superficialità, per non dire l'indifferenza, con cui il ministro Fornero si sta occupando della drammatica questione degli esodati merita una presa di posizione netta da parte del Parlamento". "Non c'è forza politica o sociale che non abbia sottolineato l'inadeguatezza del ministro Fornero. E' ora di passare dalle parole ai fatti" ha aggiunto.

Torna all'attacco del ministro Fornero anche la leader della Cgil Susanna Camusso. "Questa reazione per cui di fronte ai dati ci sono dei colpevoli la trovo assolutamente intollerabile" ha detto Susanna Camusso. La Fornero "avrebbe dovuto arrabbiarsi perché ci abbiamo messo sette mesi a sapere quanti erano" gli esodati.

Sulla vicenda degli esodati è previsto un intervento alla Camera proprio del ministro Fornero martedì 19 o mercoledì 20 giugno. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo su richiesta del presidente della commissione Lavoro, Silvano Moffa.

Leggi tutto