Expo: Pisapia rimette mandato di commissario straordinario

1' di lettura

Il sindaco di Milano chiede al governo una persona che si occupi a "tempo pieno" dell'esposizione universale. Monti: "Auspico un opportuno ripensamento". Formigoni: "L'esecutivo esca dall'ambiguità e passi a gesti concreti".

Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha rimesso oggi 11 giugno nelle mani del premier Mario Monti l'incarico di commissario straordinario di Expo 2015, sollecitando da parte del governo una persona che si occupi a "tempo pieno" dell'esposizione universale. "E' una decisione che vuole e deve essere un passo avanti. E' fondamentale che ci sia per conto del governo una persona che si occupi a tempo pieno di un progetto fondamentale per Milano e la Lombardia", ha detto Pisapia all'assemblea generale di Assolombarda a Milano.
"Auspico un opportuno ripensamento di Pisapia", fa sapere con una nota il presidente del Consiglio Mario Monti. E per "rafforzare ulteriormente l’azione del Governo centrale, in funzione di indirizzo e sostegno all’opera dei Commissari straordinari" viene costituito un Tavolo di coordinamento. Ne faranno parte il Vice Ministro Vittorio Grilli, il Vice Ministro Mario Ciaccia, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Paolo Peluffo e il Sottosegretario agli Esteri Marta Dassù.

Plaude alla decisione del sindaco di Milano il governatore lombardo Formigoni. "Ha ragione il sindaco Pisapia a dire che il governo nazionale ha il dovere di uscire dall'ambiguità tra le lodevoli e buone parole, che non ci ha mai negato e la reticenza, per non dire lontananza dei gesti concreti, politici" per Expo, ha detto Formigoni intervenendo all'assemblea di Assolombarda. Nel suo discorso, il presidente della Regione Lombardia, ha tenuto a sottolineare il "contrasto tra la lentezza del governo e la credibilità che la proposta di Expo si è guadagnata di già".

Duro commento invece dal capogruppo della Lega Nord in Comune Matteo Salvini. Giuliano Pisapia, dice Salvini, "ha fallito", dopo aver "fatto fuori" dall'Expo l'assessore Stefano Boeri, "l'unico che proponeva qualcosa". "Il governo ignora ancora una volta Milano e il Nord", continua il leghista che torna anche a chiedere un passo indietro di Roberto Formigoni da commissario generale di Expo.

Leggi tutto