Lavoro, Fornero: "Se non va, pronti a correggere la riforma"

Il ministro del Lavoro Elsa Fornero
1' di lettura

Il giorno dopo l'approvazione del ddl al Senato, il ministro spiega: "Se una cosa non funziona nel modo auspicato la si modifica per aumentare produttività e occupazione". E aggiunge: "Avrei voluto fare qualcosa di più per le donne"

"Attiveremo un monitoraggio sul funzionamento della riforma del mercato del lavoro, se una cosa non funziona nel modo auspicato la si modifica per aumentare produttività e occupazione".
A dirlo è il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, illustrando il provvedimento approvato in Senato.
Sulle modifiche all'articolo 18 - spiega il ministro - "abbiamo modificato il sistema delle garanzie, è stato mantenuto il principio del reintegro per motivi discriminatori. Per i licenziamenti per motivi economici e disciplinari, invece, il reintegro viene sostituto da un indennizzo di tipo monetario".

"Se avessi potuto - ha aggiunto Fornero - avrei introdotto delle modifiche strutturali sull'occupazione delle donne ma, dovendo fare i conti con la carenza di risorse finanziarie, ho potuto introdurre soltanto dei piccoli cambiamenti in materia di conciliazione".
Replicando infine alle polemiche scaturite dalla decisione di porre la fiducia sul provvedimento il ministro ha detto che "il Parlamento non ha subito alcuna privazione. E' una riforma molto complessa, e' stata esaminata a lungo in commissione lavoro ed e' stata discussa e migliorata attraverso gli emendamenti

Leggi tutto