Parma, trionfo di Grillo. Ok anche Cialente, Doria e Orlando

Federico Pizzarotti, Massimo Cialente, Marco Doria e Leoluca Orlando: i vincitori del ballottaggio
1' di lettura

Ballottaggi, il centrosinistra vince a Genova e a L’Aquila. Il candidato Idv eletto sindaco a Palermo. Batosta per la Lega che ammette la sconfitta. Il comico dopo la vittoria di Pizzarotti: "Dopo Stalingrado ora Berlino". Affluenza in calo. MAPPE

I grillini a Parma, Orlando a Palermo, Doria a Genova, Cialente a L'Aquila: sono i risultati dei ballottaggi del secondo turno delle elezioni amministrative, che registrano una scarsissima partecipazione: dai dati forniti dal Viminale, l'affluenza è stata del 51,4% (al primo turno aveva votato il 65,4%).
A Parma il candidato dei grillini Pizzarotti è il nuovo sindaco della città (foto - le reazioni online), sconfiggendo il candidato di centrosinistra Vincenzo Bernazzoli e spingendo Grillo a esultare su Twitter: "Dopo Stalingrado ora ci aspetta Berlino" (foto).
A Genova il nuovo primo cittadino è invece Marco Doria (centrosinistra), a L'Aquila confermato Massimo Cialente, mentre a Palermo Orlando siederà per la quarta volta a Palazzo delle Aquile.
Batosta per la Lega che perde 7 ballottaggi su 7 (Maroni riconosce la sconfitta e dice: "Gli avvisi di garanzia a Bossi e ai figli hanno pesato").
Per la prima volta nella sua storia Como passa invece al centrosinistra. Bersani: "Abbiamo vinto senza se e senza ma". Debacle del centrodestra e del Pdl (che si fa soffiare 8 comuni). Il segretario Angelino Alfano dice: "I moderati pretendono una nuova offerta politica".

Tutti gli aggiornamenti della giornata:

Ore 23.36 Pizzarotti su Twitter: "Da domani iniziamo a lavorare per i nostri cittadini"



Ore 22.10 Vendola: "Vince la voglia di cambiare” -  “I ballottaggi sono attraversati dalla fortissima domanda di rinnovamento che c'è in un momento durissimo per i cittadini del nostro paese.  Eclatante è sicuramente la vittoria grillina a Parma, ma altrettanto  importanti sono le ottime notizie che vengono dalle più importanti città: la prima è che il Pdl è travolto e il Terzo Polo è irrilevante, la seconda è la larga affermazione del centrosinistra". Così Nichi Vendola, segretario di Sel e governatore della Puglia, in un post sul suo sito web, commenta i risultati uscita dalle urne.

Ore 21.50 Online le mappe elettorali di Genova, Parma e Palermo - Su Sky.it è possibile vedere, grazie alle mappe realizzate in collaborazione con Mappe Elettorali, come hanno votato i cittadini di Genova, Parma e Palermo suddivi per quartieri e zone delle città.

Ore 21.27 Grillo su Youtube: "Vittoria della democrazia" -
Dopo la vittoria di Federico Pizzarotti al ballottaggio di Parma, il leader del Movimento 5 Stelle esulta in un video sul web: “Una vittoria della democrazia sul capitalismo. Abbiamo conquistato Stalingrado, ora siamo sulla strada di Berlino". E aggiunge: "Abbiamo vinto senza soldi, si chiedano perché".

Ore 21.15
A Genova, trovata una scheda con il simbolo del Fai - Una scheda elettorale con il simbolo della Fai, la Federazione Anarchica Informale, è stata sequestrata a Genova da agenti della Digos in un seggio di Struppa, in Valbisagno. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, ignoti hanno disegnato sulla scheda lo stesso simbolo riportato nella rivendicazione per l'attentato dell'amministratore di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi (GUARDA). A segnalarlo è stata la presidente di seggio che durante le operazioni di scrutinio si è accorta della presenza del marchio degli anarchici e ha chiamato la Questura.

Ore 21 Civitavecchia, incendiata l'auto del neosindaco - Un incendio doloso ha distrutto l'auto del neosindaco di Civitavecchia, Pietro Tidei (Pd), poche ore dopo il termine dello scrutinio che ha sancito la sua vittoria al ballottaggio (qui i dati). L'auto di Tidei era parcheggiata in un viale all'uscita della stazione ferroviaria. Quando è divampato l'incendio il neosindaco era nel suo comitato elettorale con un folto numero di sostenitori. Tidei, sostenuto da un'ampia coalizione di centrosinistra ha vinto con il 52,7% contro il sindaco uscente Giovanni Moscherini (Pdl) fermo al 47,2%.

Ore 20.45
Parma, Pizzarotti: "Ringrazio anche chi non ci ha votato" - "Il primo punto è il bilancio: capire l'esatta entità del debito. Ci saranno da prendere decisioni, popolari e impopolari. Il secondo è quello dell'incerenitore: dobbiamo trovare degli accordi, una via d'uscita, una soluzione che tuteli la nostra salute". Così il neosindaco di Parma, Federico Pizzarotti (GUARDA IL VIDEO - Le reazioni online al risultato di Parma).

Ore 20.00 Belluno, il Pd perde la sfida interna al centrosinistra -
Si consola con le vittorie di Thiene e San Giovanni Lupatoto, ma perde l'occasione di conquistare un Comune capoluogo come Belluno il Pd che nella città ai piedi delle Dolomiti perde la sfida "tra democratici", cioè tra candidati entrambi riferibili all'area del centrosinistra. Il ballottaggio a Belluno va a Jacopo Massaro (liste civiche centrosinistra), che partiva in svantaggio rispetto a Claudia Bettiol, del Pd, ma alla fine si è imposto nettamente: 62,7% i voti per Massaro, solo 37,3% quelli della sua sfidante.

Ore 19.40 Parma, Bernazzoli (Pd): "Pizzarotti ha vinto grazie al centrodestra" -
La parte di centrodestra è confluita massicciamente su Pizzarotti. Così Bernazzoli, candidato del Pd a Parma, ha commentato a SkyTG24 la sconfitta al ballottaggio (GUARDA IL VIDEO e la mappa interattiva del voto).

Ore 19.30 Di Pietro: "E' vittoria della responsabilità" - "Dove il centrosinistra è andato unito ha sostanzialmente vinto. Gli italiani hanno fatto una scelta di campo, e va rilanciata la foto di Vasto". Così il leader Idv, Antonio Di Pietro a SkyTG24 (GUARDA IL VIDEO).

Ore 19.20 Parma, si dimette il segretario provinciale del Pd - E' resa dei conti in casa Pd, dopo la sconfitta a Parma di Vincenzo Bernazzoli, attuale presidente della Provincia e candidato sindaco sostenuto da tutto il centrosinistra: un summit del partito nella sede elettorale di Bernazzoli si è concluso con le dimissioni del segretario provinciale Roberto Garbi, che le presenterà al direttivo già convocato per questa sera.

Ore 19.15 Lega: perse 7 città su 7 -
La Lega Nord ha perso in 7 città su 7 nelle quali si presentava ai ballottaggi: si tratta di Tradate (Varese), Meda (Monza), Senago (Milano), Cantù (Como), Palazzolo sull'Oglio (Brescia), San Giovanni Lupatoto (Verona) e Thiene (Vicenza).

Ore 19.10 Grillo su Twitter: l'età media dei nostri sindaci è di 31 anni e 6 mesi -


Ore 19.00 Palermo, Ferrandelli: "L'alternativa fatta di giovani presto o tardi governerà" -
"Il voto dimostra che a Palermo c'è un'alternativa fatta di giovani che hanno sfidato tabù e diktat e che presto o tardi questa alternativa governerà la citta'". Lo ha  detto Fabrizio Ferrandelli, candidato a sindaco di Palermo, battuto da Leoluca Orlando. "Noi abbiamo guadagnato tre presidenti di  circoscrizione - ha aggiunto - e abbiamo consiglieri in ogni circoscrizione. I 60mila voti ottenuti sono altrettanti motivi per continuare ad occuparci della città a partire da stasera" (la mappa interattiva del voto).

Ore 18.38 Bersani ai grillini: "Confrontiamoci sul lavoro" - "Penso che alle elezioni politiche si presenterà anche il Movimento 5 Stelle che dovrà risolvere alcuni problemi di proposta. C'è un punto inevaso anche da Grillo: il lavoro che è il terreno su cui è necessario confrontarci". Pier Luigi Bersani, analizzando l'esito delle amministrative, sfida così il comico genovese, affermando che "la proposta del Pd non e' solo di un partito ma di una certa idea di sistema politico e istituzionale".

Ore 18.07 Orlando: "Bersani come Andreotti" -
"Bersani quando è venuto a Palermo ha parlato come Andreotti, invitando a votare. Ma i palermitani ovviamente hanno disatteso". Lo dice il nuovo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando parlando con la stampa. "A Palermo questo risultato fa nascere la Terza Repubblica, se mai c'e' stata la Seconda. I partiti devono capire che hanno fallito".

Ore 17,58 Perde l'unico grillino in Lombardia - Non ce l'ha fatta, nonostante la rimonta, l'unico candidato grillino presente nei ballottaggi dei 21 Comuni chiamati al voto in Lombardia. Matteo Afker, del Movimento 5 Stelle, a Garbagnate Milanese partiva da un modesto 10,7% raccolto al primo turno contro il 43,6% ottenuto da Pier Mauro Pioli, sostenuto dal centrosinistra. La rimonta di Afker si e' pero' fermata al 48,3% contro il 51,7% di Pioli.

Ore 17,45 A Meda il centrosinistra vince per un solo voto -
Ha vinto per un solo voto il candidato del centrosinistra Gianni Caimi a Meda (Monza e Brianza), il Comune dove la Lega Nord aveva ottenuto il suo primo sindaco nel 1992. Proprio il candidato del Carroccio, il sindaco uscente Giorgio Taveggia, è stato sconfitto per 3867 voti contro 3866, pari al 50,01% contro il 49,99%.

Ore 17,39 - Storace: "Una ecatombe per il centrodestra" -
"E' un'ecatombe per il centrodestra. A sinistra prevalgono grillini, Sel e Di Pietro. In Parlamento fermatevi e non fate altri danni con la legge elettorale. Al massimo una preferenza, ma si torni a votare!". Lo afferma Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra.

Ore 17,35 -Maroni: "Le indagini di Bossi non hanno aiutato" -
I risultati della Lega ai ballottaggi "non sono stati positivi" e tra l'altro "la notizia dell'avviso di garanzia a Bossi e ai suoi figli non ha aiutato, ma ha determinato un ulteriore allontanamento dalla Lega". Lo ha detto Roberto Maroni in conferenza stampa in via Bellerio.

Ore 17,28 A Parma Pizzarotti eletto sindaco -
A Parma il grillino PIzzarotti è stato eletto sindaco con il 60,22% (tutti i risultati).

Ore 17,19 Svolta a Como: sindaco passa al centrosinistra -Mario Lucini, candidato sindaco del centrosinistra (Pd, Sel, liste civiche), è il nuovo sindaco di Como. Al ballottaggio ha nettamente battuto la candidata del Pdl Laura Bordoli con il 74,86% dei voti (dato definitivo: 21.562 a 7.238). Per Como si tratta di una svolta storica: da quando c'è l'elezione diretta del sindaco, aveva sempre vinto il candidato del centrodestra, cinque anni fa addirittura al primo turno.

Ore 17,06 Massimo Cialente rieletto a L'Aquila -
Il sindaco uscente Massimo Cialente è stato rieletto sindaco a L'Aquila, prendendo il 59, 19% (i risultati).

Ore 17,03 Un altro candidato grillino eletto sindaco -
Il Movimento 5 Stelle festeggia il secondo sindaco in Veneto - dopo quello di Sarego (Vicenza) - nelle amministrative 2012: è Alvise Maniero, 26 anni, che si è imposto a Mira, nel veneziano. Il candidato 'grillino' ha battuto il candidato del Pd Michele Carpinetti, che con una coalizione comprendente anche Idv, Sel e Udc ha raccolto il 47,5%.

Ore 17,00 Sesto San Giovanni resta al centrosinistra -
Resta al centrosinistra Sesto San Giovanni. Il nuovo sindaco è Monica Chittò che ha vinto il ballottaggio con il 69,4% circa delle preferenze. L'avversaria del Pdl, Franca Landucci, si è fermata al 30,6%. Sesto San Giovanni, cittadina scossa di recente dall'inchiesta della Procura di Monza su un presunto giro di tangenti, è sempre stata governata dal secondo dopoguerra in poi dalla sinistra o dal centrosinistra e per questo viene ancora definita 'l'ex Stalingrado d'Italia'.

Ore 16,50 - Marco Doria è il nuovo sindaco di Genova
(qui i risultati) col 59,71% dei consensi. Enrico Musso si ferma al 40,28% (la mappa interattiva del voto).

Ore 16,45 La Lega: persi 7 ballottaggi su 7 -
La Lega Nord ha perso 7 su 7 ballottaggi a cui partecipava con un candidato sindaco: secondo i dati arrivati in via Bellerio sono state perse anche Tradate (Varese) e Meda (Monza).

Ore 16,40 Grillo su Twitter: "Forza belin!" - "Forza belin!". E' l'incitamento con cui Beppe Grillo apre la diretta Twitter e Facebook con cui sta seguendo i cinque ballottaggi in cui è impegnato il Movimento 5 Stelle. Il comico diffonde i "primi dati" dei candidati 5 Stelle. Tre le città in cui il M5S è in vantaggio: "Comacchio: Fabbri al 69,5%, Mira: Maniero 53,2%, Parma Pizzarotti al 59,8%". Testa a testa per il grillino a Budrio (Bologna): "Antonio Giacon ora al 49,14%". In svantaggio invece il M5S a Garbagnate Milanese (Milano) "Matteo Afker: 47,41%".

Ore  16,36 Palermo, 500 sezioni scrutinate su 600, Orlando avanti - I dati relativi alle prime 500 sezioni su 600 a Palermo confermano la vittoria di Leoluca Orlando, che si attesta al 73,16%, lasciando Fabrizio Ferrandelli al 26,84.

Ore 16.32 Lega: già perse 5 sfide su 7 -
La Lega Nord ha perso cinque dei sette ballottaggi cui partecipava un suo candidato sindaco, rimane ancora un testa a testa a Tradate (Varese) e Meda (Monza). Lo si apprende dai dati in possesso di via Bellerio, che danno già per persi dunque Senago (Milano), Cantu' (Como), Palazzolo sull'Oglio (Brescia), San Giovanni Lupatoto (Verona) e Thiene (Vicenza).

Ore 16.25 Affluenza definitiva al 51,4% -
Per i ballottaggi relativi alle elezioni dei sindaci e dei consigli comunali la percentuale di votanti rilevata alle ore 15 di oggi, alla chiusura dei seggi, è stata del 51,4%. Al primo turno aveva votato il 65,4%. Lo si apprende dal sito del Viminale (il dato non tiene conto dei comuni della Sicilia, gestiti direttamente dalla Regione).

Ore 16.22 - 16:17 Parma, Pizzarotti al 59,9% -
A Parma il candidato del Movimento 5 Stelle Federico Pizzarotti è sempre avanti con il 59,9 su Vincenzo Bernazzoli (40,%) quando sono state scrutinate 176 sezioni su 203.

Ore 16:15 Genova, Doria a un passo dalla vittoria –
Quasi concluso lo scrutinio a Genova (600 sezioni su 653): Marco Doria è avanti con il 60,2% su Enrico Musso 39,7%.

Ore 16.12 Como, avanti Lucini –
Quando sono state scrutinate 37 sezioni su 74, a Como il candidato di centrosinistra Mario Lucini è avanti con il 74,2% sul rivale, Laura Bordoli (Pdl-La Destra), ferma 25%.

Ore 16,10 Orlando avanti su Ferrandelli -
In 100 sezioni su 600 scrutinate a Palermo Leoluca Orlando resta in netto vantaggio con il 73,25% rispetto al 26,75% di Fabrizio Ferrandelli.

Ore 16,07 L'Aquila: avanti Cialente -
All'Aquila Massimo Cialente, sindaco uscente di centrosinistra, è al 58,75% dei voti, con 20 sezioni scrutinate su 81, secondo i dati diffusi dal ministero dell'Interno. Il centrista Giorgio De Matteis è al 41,24%. Al primo turno Cialente era al 40,58%. Matteis, consigliere regionale dell'Mpa, il 29,77%.

Ore 16.05 Genova, proiezioni: Marco Doria al 61,7% -
Secondo la IV proiezione Istituto Piepoli per Rai (riproduzione riservata), con copertura del campione 82%, al Comune di Genova il candidato sindaco di centrosinistra Marco Doria con il 61,7% è in testa sul candidato Enrico Musso, sostenuto da una lista civica, con il 38,3%.

Ore 16.00 Alemanno: "Ora nuovo nome per Pdl"
- "Adesso bisogna fare in modo di far emergere una nuova classe dirigente del Pdl e, probabilmente, un nuovo nome". Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Ore 15.58 Proiezioni SkyTG24: a Parma il candidato del Movimento, Federico Pizzarotti, al 59,4%


Ore 15.57 Proiezioni: Parma, Pizzarotti al 59,3% -
Secondo la II proiezione Istituto Piepoli per Rai, con copertura del campione 23%, al Comune di Parma il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle Federico Pizzarotti con il 59,3% è in testa sul candidato di centrosinistra Vincenzo Bernazzoli con il 40,7%.

Ore 15.54 Proiezioni: a Genova Doria al 61,2% - S
econdo la terza proiezione dell'Istituto Piepoli per la Rai, riguardante il voto per il sindaco di Genova, il candidato del centrosinistra Marco Doria è al 61,2%, mentre Enrico Musso del Terzo Polo è al 38,8%. Il dato si riferisce ad un campione del 26%.

Ore 15.49 Iniziato scrutinio a L’Aquila, Cialente in vantaggio –
Dopo 20 sezioni scrutinate (su 81) il sindaco uscente Massimo Cialente è in vantaggio 58,8% sul rivale Giorgio De Matteis (41,2%) .

Ore 15.50 Palermo, Orlando avanti con lo scrutinio -
Quando sono state scrutinate 23 sezioni su 600 a Palermo, per i ballottaggi per il sindaco, è in vantaggio Leoluca Orlando col 73,52%. Fabrizio Ferrandelli è al 26,48%.

Ore 15.46 Proiezioni SkyTG24: a Parma il candidato del Movimento, Federico Pizzarotti, al 58-61%

Ore 15.42 Palermo, seconda proiezione: Orlando sempre in testa -
Secondo la II proiezione Istituto Piepoli per Rai (riproduzione riservata), con copertura del campione 12%, al Comune di Palermo il candidato sindaco di Idv e Sinistra ed ecologisti per Palermo Leoluca Orlando è in testa con il 70,4% sul candidato di centrosinistra Fabrizio Ferrandelli al 29,6%.

Ore 15.42 il Pd: "Avanti anche a Piacenza, Lucca e Alessandria" -
Secondo i dati a disposizione del Partito democratico, il centrosinistra avrebbe vinto a Genova, Piacenza, Alessandria e Lucca. E' quanto si apprende da fonti del Pd.

Ore 15.40 A Parma grillini avanti - Secondo la prima proiezione dell'Istituto Piepoli per la Rai, riguardante il voto per il sindaco di Parma, il candidato del centrosinistra Vincenzo Bernazzoli è al 39,9%, mentre Federico Pizzarotti del 'Movimento 5 Stelle' è al 60,1%. Il dato si riferisce ad un campione del 13%.

Ore 15.35 Affluenza in picchiata a Palermo -
L'affluenza registrata alle urne per il turno di ballottaggio per il sindaco di Palermo è del 39,73%. Al primo turno era stata del 63,24%.

Ore 15.31 Palermo, prime proiezioni: avanti Orlando (Idv) -
Secondo la I proiezione Istituto Piepoli per Rai (riproduzione riservata), con copertura del campione 8%, al Comune di Palermo il candidato sindaco di Idv e Sinistra ed ecologisti per Palermo Leoluca Orlando è in testa con il 70,1% sul candidato di centrosinistra Fabrizio Ferrandelli con il 29,9%.

Ore 15.29 Genova, prime proiezioni: avanti Doria (Pd) -
Secondo la prima proiezione dell'Istituto Piepoli per la Rai, riguardante il voto per il sindaco di Genova, il candidato del centrosinistra Marco Doria è al 60,8%, mentre Enrico Musso del Terzo Polo è al 39,2%. Il dato si riferisce ad un campione del 9%.

Ore 15.26 A Parma affluenza intorno al 61% -
Secondo fonti di SkyTG24 l'affluenza a Parma si sarebbe fermata intorno al 61%.

Ore 15.25 Bassa l'affluenza -
A poco meno di metà delle rilevazioni pervenute al Viminale (42 comuni su 100), la percentuale di affluenza alle urne alle ore 15 per i ballottaggi va attestandosi al 54,5%, con un forte calo di circa 13 punti percentuali rispetto al primo turno.

Leggi tutto