Lega sconfitta a Monza, Mariani: non dovevamo andare da soli

1' di lettura

Il sindaco uscente a SkyTG24 critica la decisione del Consiglio federale del Carroccio di non stringere alleanze per le amministrative. "La stessa ricetta è stata applicata a tutti, anche a chi non piaceva"

Debacle della Lega Nord a Monza dove il sindaco uscente Marco Mariani, esponente del Carroccio, non andrà al ballottaggio. Mariani ha ottenuto solo l'11,23% dei consensi e così a contendersi la poltrona di primo cittadino saranno Roberto Scannagatti (sostenuto dal Pd, Idv, Sel, Lista civica 'Citta' persone' e Moderati ecologisti) e Andrea Mandelli, espressione di Pdl e La Destra, che hanno rispettivamente ottenuto il 38,29% e il 20,04% dei consensi.

Una sconfitta amara, che non va giù al sindaco uscente: "La decisione del consiglio federale di mandarci soli dappertutto ci è stata comunicata da Maroni qualche mese fa ed è stata una sorpresa" dice Mariani a SkyTG24. E continua: "Io gli ho detto: 'Così stai decretando la perdita della terza regione della Lombardia'. La stessa ricetta è stata applicata a tutti, anche a chi non piaceva. Un movimento come il nostro, nato per il rispetto delle autonomie locali non può comportarsi in questo modo".

In queste amministrative la Lega Nord, a parte l'ottimo risultato di Tosi a Verona, ha registrato una perdita di consensi in molti comuni.

Leggi tutto