Dopo 18 anni Sesto San Giovanni va al ballottaggio

1' di lettura

Il candidato del centrosinistra, Monica Chittò, si ferma al 46%. Tra due settimane sfiderà Franca Landucci, sostenuta dal Pdl e dalla Destra. Sul voto il peso dell’inchiesta che ha coinvolto Filippo Penati e l’amministrazione guidata da Giorgio Oldrini

A Sesto San Giovanni si va al ballottaggio. Non succedeva da 18 anni. Le conseguenze dell’inchiesta che pochi mesi fa ha colpito uno dei suoi simboli, l’ex Pd Filippo Penati, e che hanno lambito anche l’amministrazione del sindaco Giorgio Oldrini si sono fatte sentire. E forse era inevitabile.
Il candidato del centrosinistra, Monica Chittò, assessore uscente alla Cultura che ha raccolto l’eredità di Oldrini, forte del 46 per cento dei voti sfiderà Franca Landucci (Pdl e la Destra). Rischia di restare fuori dal Consiglio invece la Lega.

Landucci ha staccato sul filo di lana Gianpaolo Caponi, presidente dei Lions locali e candidato dalle civiche Sesto nel cuore e Terzo Polo. In linea con gli altri Comuni l'affermazione del Movimento 5 Stelle che porta a casa quasi il 10% con Serena Franciosi.

Ma il dato che esce dalle urna riconsegna anche la fotografia dei partiti in crisi. Il Pd ha perso circa 7 punti (è al 28% contro il 35% dell'Ulivo del 2007), il Pdl è crollato di 13 (è al 16%, mentre Forza Italia e An sommavano il 29%) e la Lega, che si aggira sul 4%, rischia di non eleggere consiglieri.

Leggi tutto