Rizziconi, elezioni rinviate dopo la morte di un candidato

Raffaele Anastasi, il candidato sindaco di Rizziconi morto il primo maggio per un infarto durante un comizio
1' di lettura

Nel comune in provincia di Reggio Calabria il voto slitta di un mese in seguito all’infarto che, la sera del primo maggio, ha ucciso Raffaele Anastasi, uno dei quattro aspiranti sindaco, durante un comizio. Le consultazioni si terranno il 17 e 18 giugno

Rinviate a giugno le elezioni comunali a Rizziconi in provincia di Reggio Calabria dopo la morte per infarto, mentre stava tenendo un comizio in piazza, di Raffaele Anastasi, uno dei quattro candidati sindaco che si sarebbero dovuti confrontare alle urne il 6 e 7 maggio.
La decisione di fare slittare di poco più di un mese il voto (il 17 e 18 giugno) nel comune della Piana di Gioia Tauro del quale Anastasi era stato sindaco socialista negli anni Ottanta è stata adottata dal prefetto di Reggio Calabria, Vittorio Piscitelli. A chiedere una sospensione delle consultazioni erano stati anche gli altri tre candidati alla carica di primo cittadino, Antonino Tripodi, Giuseppe Di Giorgio e Carlo Mazzù, che si erano rivolti al commissario prefettizio nominato dopo lo scioglimento del civico consesso.

A Rizziconi, comune salito agli onori della cronaca nazionale nel novembre scorso dopo che gli azzurri di Prandelli, raccogliendo un invito di don Luigi Ciotti e di Libera, avevano tenuto una seduta di allenamento in un campetto realizzato su un terreno confiscato alle cosche, la popolazione è ancora sotto choc per quanto accaduto la sera del primo maggio.
In molti, tra quanti assistevano all'ultimo comizio di Anastasi, raccontano di avere ancora davanti agli occhi le immagini dell'uomo che si accascia perdendo i sensi dopo avere detto a qualcuna delle persone che gli stavano accanto di sentirsi male. Le condizioni dell'uomo, che aveva subito un infarto anni addietro e recentemente era stato anche sottoposto a cure e accertamenti sia nell'ospedale di Polistena sia in quello di Catanzaro, erano apparse subito molto gravi.
A questo si sono aggiunte le polemiche per il ritardo, secondo alcuni testimoni, nell'arrivo di un'ambulanza del servizio 118 a cui si è ovviato chiamando un mezzo di soccorso privato. La corsa in ospedale, però, si è rivelata vana.

Tante le espressioni di stima e di cordoglio per Anastasi. Stefania Craxi, leader dei Riformisti Italiani, che solo poche ore prima aveva partecipato ad una manifestazione a sostegno di Anastasi, si è detta molto colpita e ha voluto ricordare "un uomo - ha detto - animato da una forte passione per la politica, intesa come servizio a favore del bene comune". Di "perdita dolorosa per il mondo socialista reggino e calabrese" ha parlato anche il consigliere regionale Candeloro Imbalzano.

Leggi tutto