Casini: "Alcuni ministri tecnici con noi alle elezioni"

Pier Ferdinando Casini
1' di lettura

Il leader dell'Udc lancia il Partito della Nazione, il progetto politico del Terzo Polo, e annuncia che ne faranno parte alcuni componenti del governo Monti. Allarme nel Pdl: "Dichiarazioni pericolose per il futuro di questo esecutivo"

Annuncio a sorpresa di Pier Ferdinando Casini che accelera sul partito della Nazione, e fa sapere che sono in arrivo importanti novità per la 'sua creatura che avrà il battesimo in occasione delle prossime politiche: della nuova formazione faranno parte anche alcuni ministri dell'attuale governo tecnico guidato da Monti. Venerdì 20 dovrebbero essere azzerati i vertici dell'Udc in vista della costituzione del nuovo partito.

Il leader Udc ne ha parlato a Otto e mezzo e alla domanda se nel Partito della Nazione entreranno anche alcuni tecnici dell'attuale esecutivo, ha risposto sornione "penso di sì". Ci sarà anche Corrado Passera? "E chi sa...' ha ribattuto Casini consapevole di scatenare così una grande curiosità ma anche allarme in alcuni settori della politica. Ed infatti, a stretto giro, è arrivato la preoccupata reazione del Pdl che ha affidato a Maurizio Lupi vicepresidente della Camera, il compito di 'smontare' il progetto. "Le dichiarazioni di Pier Ferdinando Casini sono azzardate se non addirittura gravi e pericolose per il futuro del governo Monti", ha attaccato Lupi che ha aggiunto: "Se è vera infatti la notizia che ministri dell'attuale esecutivo sarebbero gia' pronti ad entrare nel suo Partito, mi sembra evidente che questo non è più un governo tecnico. E non mi sembra una buona notizia".

Ha gettato il sasso nello stagno, dunque, Casini che ha fatto intendere come i lavori in corso per la nuova formazione siano a buon punto: il partito della Nazione sarà in pista per le politiche perché "c'è bisogno di un nuovo soggetto", e quello sarà il banco di prova. "Penso che ci saranno novità nelle prossime ore", ha detto Casini dosando sapientemente le informazioni. "Già dei gesti ci sono stati all'interno dell'Udc - ha continuato - e noi dell'Udc e del terzo Polo siamo convinti che c'è bisogno di un nuovo soggetto politico, una cosa diversa che metta insieme tecnici e politici, sindacalisti intelligenti e imprenditori illuminati".  Il soggetto non verrà costruito prima delle amministrative "perché - ha spiegato - è impossibile, visto che si vota domani l'altro, ma sarà pronto prima delle elezioni politiche".

Leggi tutto