Fisco, spunta l'ipotesi di un fondo taglia-tasse

1' di lettura

Lunedì 16 aprile in Consiglio dei ministri Mario Monti potrebbe presentare una sorpresa: un pozzo dove i fondi recuperati dalla lotta all'evasione verrebbero destinati ad abbassare la pressione fiscale. Il giorno dopo vertice con Alfano, Bersani e Casini

La settimana prossima potrebbe iniziare con una sorpresa sul fronte politico. Lunedì 16 è previsto un consiglio dei ministri straordinario in cui si approverà il disegno di legge delega sulla riforma fiscale. All'interno di quel pacchetto, Mario Monti potrebbe preparare un cadeau da presentare il giorno dopo nel vertice con Alfano, Bersani e Casini: il "fondo taglia-tasse".

Un pozzo dove i fondi recuperati dalla lotta all'evasione fiscale verrebbero destinati ad abbassare l'altissima pressione fiscale. A rilanciare l'indiscrezione è anche La Stampa: "Nel momento in cui il livello dell'imposizione ha raggiunto in Italia un livello record, contribuendo a strozzare le potenzialità di ripresa - scrive il quotidiano - il governo potrebbe annunciare, se non proprio un 'meno tasse per tutti', quantomeno una misura destinata ad abbassare, sia pure gradualmente, il livello dell'imposizione".

Chi premiare e in quale misura con questo fondo sarebbe nuova materia del contendere, che andrebbe ad aggiungersi alle discussioni su riforma del mercato del lavoro e di come rilanciare la crescita. Sul lavoro, scrive Repubblica, l'esecutivo e il Pdl avrebbero trovato un'intesa. Un accordo che si articolerebbe in tre capitoli: risistemazione dei contratti a termine, in particolare sulla durata, i tempi per il rinnovo e l'esclusione dei contratti stagionali dal previsto aggravio contributivo dell'1,4% per finanziare l'Aspi; l'esclusione delle vere partite Iva dai nuovi vincoli introdotti dalla Fornero per combattere gli abusi; il recupero degli enti bilaterali nel settore dell'artigianato per la gestione degli ammortizzatori sociali".

Leggi tutto