Renzo Bossi: "La mia famiglia non ha mai preso soldi"

1' di lettura

Dopo l’inchiesta che ha investito la Lega e l’ex tesoriere Belsito, ora indagato, il figlio del Senatur si difende: “Non ci sono bilanci opachi. La villa di Gemonio? Dobbiamo ancora finire di pagare”. Salvini: “Se qualcuno ha rubato esce fuori a calci”

Chi è Francesco Belsito: la scheda - le foto
La sede della Lega perquisita: le foto - le reazioni
Soldi e politica: 20 anni da Tangentopoli, ancora scandali

(In fondo all'articolo tutti i video sul caso Belsito)

"Sono sereno, non ho mai preso soldi dalla Lega, né in campagna elettorale e neppure adesso da consigliere regionale": lo ha detto Renzo Bossi appena arrivato in Consiglio regionale commentando quanto emerso nell'inchiesta che coinvolge il tesoriere, ormai ex dopo le dimissioni, Francesco Belsito, indagato per appropriazione indebita, truffa ai danni dello Stato e riciclaggio.
"Anche la mia famiglia di soldi dalla Lega non ne ha mai presi, per esempio deve finire ancora di pagare la ristrutturazione della casa di Gemonio, perché i lavori sono stati fatti quando papà era ancora in ospedale".
Per i pm che indagano sulla vicenda, invece, "almeno a partire dal 2010, centinaia di migliaia di euro, provenienti dai rimborsi elettorali della Lega Nord e indicati falsamente nei bilanci, sono stati usati per pagamenti e impieghi, anch'essi non contabilizzati o contabilizzati in modo non veritiero finalizzati ad esborsi effettuati per esigenze personali di famigliari del leader della Lega Nord Umberto Bossi".

Renzo Bossi: "Non ci sono bilanci opachi" - "Non è che l'amministratore ha sempre fatto quello che voleva, perché è sempre stato controllato, quindi non ci sono bilanci opachi: c'è un Consiglio Federale che è a conoscenza dei bilanci della Lega, anche di tutti i gruppi parlamentari e regionali", ha continuato Renzo Bossi, soprannominato il Trota dopo una battuta di suo padre. "C'è un consiglio Federale – ha sostenuto - e ci sono sempre stati i probiviri che hanno potere di controllo sull'amministratore della Lega".

"Ho fiducia nella giustizia" - "Come tutti i miei colleghi - ha detto - do una percentuale al movimento e come tutte le persone mi pago le spese della macchina e vivo in affitto". Bossi Jr ha comunque concluso dicendo di avere "fiducia nella giustizia, perché so che di soldi non ne ho presi dalla Lega e quindi a ogni domanda verrà data la giusta risposta".

Formigoni: "Piena fiducia in Bossi" - Sul tema è intervenuto anche il presidente della giunta lombarda Roberto Formigoni che, ai giornalisti ha ribadito "la piena fiducia in Umberto Bossi. Chi ha visitato la sua casa, chi vede il tenore di vita che conduce, chi conosce la sua passione politica non può avere dubbi sull'intrinseca onestà di Umberto Bossi." Formigoni ha poi aggiunto che "c'è un inchiesta aperta, la magistratura lavora, si saprà la verità".

Guarda il video



Matteo Salvini: "Fuori a calci chi ha rubato" - "Prima dei magistrati intervengono i calci dei nostri militanti. Loro ci chiedono pulizia, se qualcuno ha rubato un euro esce fuori a calci. Facciamo tutte le verifiche del caso e poi contiamo di tornare a combattere", dice l'europarlamentare della Lega Nord. "Umberto Bossi non ne sapeva nulla, ne sono arciconvinto".

Guarda il video



Guarda il servizio di SkyTg24 sulle voci di Radio Padania:



Garavaglia a SkyTG24: "Bossi con la Lega ci ha rimesso" - Ospite di un "Caffè con..." il senatore leghista difende il Senatur (GUARDA IL VIDEO): "E' un momento difficile, ma con le dimissioni di Belsito ora c'è la possibilità di fare chiarezza".

Leggi tutto