Napolitano: "Da maggio 2013 sarò un privato cittadino"

1' di lettura

Il presidente della Repubblica chiude all'ipotesi di un secondo mandato e auspica l'arrivo di una donna al Quirinale. Lo fa in un incontro con un gruppo di studenti. E aggiunge: "Ho lavorato molto ma sono avanti negli anni". VIDEO

Guarda anche
Omaggio a "re Giorgio" incoronato dal New York Times

Napolitano e la crisi: se il presidente diventa supplente

2011, l'anno di 're Giorgio': è lui il protagonista politico

"E' necessario passare la mano, è necessario che si facciano avanti altri anche per la carica di presidente della Repubblica. Quindi, dopo il maggio del 2013 ci potremo vedere di nuovo, quando vorrete ma sarà da privato cittadino". Il capo dello Stato Giorgio Napolitano annuncia durante un incontro con alcuni ragazzi al Quirinale che alla scadenza del suo mandato tornerà privato cittadino. Il presidente della Repubblica risponde alla domanda di un'alunna della Scuola media Virgilio di Roma in visita al Palazzo del Quirinale nell'ambito di un documentario prodotto da Rai Educational.

"Più le donne si faranno sentire - aggiunge il presidente della Repubblica - prima arriverà, e mi auguro presto, il momento in cui ci sarà anche una candidata donna a presidente della Repubblica e potrà essere eletta". Perché "sicuramente rimane ancora, se non un vero pregiudizio, una resistenza a scegliere una donna per certi incarichi".

Quando gli chiedono se pensa di ricandidarsi Napolitano replica: "C'è stata una tua collega che molto gentilmente si è preoccupata della mia stanchezza! Effettivamente la stanchezza c'è e poi non si deve mai ritenere di essere insostituibili. Sono una persona che ha lavorato molto, ha avuto molte soddisfazioni, molte responsabilità ma sono una persona avanti negli anni. E' necessario passare la mano", sottolinea Napolitano nel corso di questo incontro svoltosi il 16 gennaio scorso.

Leggi tutto