Bindi: "I soldi di Lusi devono tornare allo stato"

1' di lettura

Ospite di Maria Latella il presidente del Pd critica le dichiarazioni di Alfano: "Penso che il Pdl abbia l'intenzione di indebolire il governo e accelerare la campagna elettorale". Ma sulle unioni gay dice: "Non gli chiamerei matrimoni". Ed è polemica

Guarda anche:
Lusi: "Se parlo salta tutto". E la Margherita querela
Lusi, sequestrata una villa, 5 case e 2 milioni di euro
Welfare ed elezioni, scintille tra Pdl, Lega e Pd

Ospite nell'intervista di Maria Latella, lo spazio di approfondimento di SkyTG24, Rosy Bindi è voluta intervenire sul caso di Luigi Lusi, l'ex tesoriere della Margherita accusato di aver sottratto rimborsi elettorali al suo partito. I fondi del suo ex partito, ha spiegato l'attuale presidente dell'assemblea del Pd, "devono  essere restituiti allo Stato".

Restando invece sul piano dell'attualità politica, la Bindi ha sostenuto che questo governo "reggerà alle prove che lo attendono" solo se saranno rigorosamente rispettate le scelte già fatte da forze politiche che sono antagoniste e lo saranno anche nella prossima legislatura". Il governo Monti, ha proseguito, deve rimanere "strettamente tecnico" perché la sua forza è essere sostenuto, nell'interesse dell'Italia, da forze antagoniste che lo saranno "anche nella prossima legislatura". E in questo senso non sono piaciute alla Bindi, le affermazioni fatte a Orvieto da Angelino Alfano. "Ieri - dice la BinDI - ho pensato che Pdl abbia intenzione di indebolire questo governo e accelerare la campagna elettorale".

Per quanto riguarda invece il futuro "ci sono tutte le condizioni perché Bersani possa candidarsi a guidare il governo del Paese o comunque  sarà Pd a scegliere" un eventuale altro candidato. "Che ci sia bisogno di cambiamento non ci sono dubbi. Detto  questo - aggiunge riferendosi alla parole di Carlo De Benedetti su Bersani - non credo che si possa pensare che il segretario di un  partito venga candidato o meno da una persona. Credo sia una scelta del partito".

Parla anche di matrimoni tra omosessuali, Rosy Bindi. Anche se il presidente del Pd sostiene che  "non userei mai la parola matrimonio", vista anche la natura giuridica che ha nel nostro Paese.

Le dichiaraizoni di Bindi:



Parole che hanno sollevato non poche polemiche. La deputata Anna Paola Concia, in un messaggio diretto alla Bindi le ha chiesto: "Sai presidente Bindi quale è il tuo
problema nell'affrontare il tema dei diritti degli omosessuali? Che sei ossessionata dal fatto di dover parlare alle gerarchie cattoliche anzichè a tutti i cittadini.", Duro anche Franco Grillini, leader storico del movimento gay in Italia: "Spiace che Rosy Bindi, che  apprezziamo per altri versi, sul matrimonio tra gay dica praticamente  le stesse cose di Alfano, confermando più o meno direttamente che in  caso di vittoria del centrosinistra la garanzia dei diritti civili è  tutt'altro che certa".

Leggi tutto