Palermo: indagati due rappresentanti di lista di Ferrandelli

Ferrandelli festeggia la vittoria alle primarie del centrosinistra di Palermo con il suo staff
1' di lettura

Nell'inchiesta sui presunti brogli alle primarie, ai due sono contestati reati elettorali generici. Al vaglio dei pm anche le ipotesi di violenza privata e minacce. Orlando: "Eclatante inquinamento del voto". Borsellino fa ricorso ai garanti

Guarda anche:
Primarie a Palermo, Bersani sotto attacco
Primarie: forza d'urto che "ammacca" il Pd e contagia il Pdl
Primarie, da Milano a Genova: tutte le batoste del Pd

Due rappresentanti di lista di Fabrizio Ferrandelli, vincitore per 150 voti  delle contestate primarie del centrosinistra per il sindaco di Palermo, sono stati iscritti dalla Procura nel registro degli indagati per l'ipotesi di reati elettorali generici. Al vaglio, ma non ancora formalmente contestate dai Pm, anche le ipotesi di violenza privata e minacce. Lo staff di Rita Borsellino aveva chiesto il riconteggio dei voti per presunte irregolarità.

Una dei due indagati è Francesca Trapani, rappresentante di lista nel gazebo allestito al quartiere Zen. Secondo alcune testimonianze raccolte dai carabinieri, che martedì 6 marzo hanno compiuto accertamenti e interrogatori sui rappresentanti di lista, la donna sarebbe stata in possesso di certificati elettorali che sarebbero stati consegnati, assieme a un euro, alle persone che poi votavano nel seggio.

"Sono sereno. Anzi sono contento. Bene fa la magistratura a fare chiarezza. Vada avanti e sono certo che verrà accertato che non c'è nulla di torbido e che le primarie sono state corrette da ogni punto di vista" ha detto Ferrandelli una volta appresa la notizia. "So che sono state interrogate varie persone, in particolare quelle che operavano nel seggio dello Zen. Dico solo che lì ho preso più o meno gli stessi voti di Rita Borsellino. Se ci fosse stato qualcosa di strano, ne avrei presi molti di più" ha aggiunto l'ex dipietrista, espulso dal partito proprio per aver scelto di sfidare la Borsellino.

"Sono totalmente sconcertata. E' una vergogna, molti politici non sanno perdere. Io ho fatto tutto alla luce del sole" ha detto invece Francesca Trapani, 50 anni, quattro figli, qualche vecchio precedente penale. Il marito fa il posteggiatore abusivo "e non ha ricevuto - dice - da Ferrandelli né da altri la promessa di un posto di lavoro".

Intanto, in serata, Rita Borsellino ha presentato presso il Comitato dei Garanti, il ricorso alle primarie del centrosinistra per "chiedere una verifica per la regolarità delle operazioni" mentre il deputato Idv, già sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ospite su SkyTG24 di Un caffè con, ha parlato di "un eclatante inquinamento delle primarie". "Normalmente votano 20mila persone, questa volta 30mila, anche perché migliaia di elettori del centrodestra sono andati a votare per inquinare il voto". "Lo scarto di 150 voti è minimo rispetto alla dimensione dell'inquinamento che si è registrata".

Guarda il video



Leggi tutto