Lavoro, Passera: "Puntiamo a intesa". Fornero: "Fiduciosa"

1' di lettura

Il ministro per lo Sviluppo economico ospite di Maria Latella su SkyTG24: “Dalla collaborazione con le parti sociali si può arrivare a grandi risultati". L’Ici alla Chiesa? "Scelta saggia". Ottimista sull'accordo anche la titolare del Welfare. IL VIDEO

Guarda anche:
Monti: nei primi 100 giorni tagli di 43 milioni di euro
Ici alla Chiesa, i vescovi: scuole private a rischio chiusura

"Noi vogliamo modificare in meglio tante fasi del lavoro e bisogna fare di tutto per trovare un accordo". Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, torna così su uno dei temi caldi dell'attualità politica di questi giorni. Lo fa a "SkyTg24 L'intervista", il programma condotto da Maria Latella. 
"E' chiaro - spiega Passera - che il governo alla fine ha la responsabilità di fare sintesi e superare le impasse ma l'accordo è l'obiettivo". Nessuna parola sulle voci di un suo futuro in politica. E a chi lo paragona a "Superman" risponde con una battuta: "Di Super c'è solo Mario Monti". Perché nei primi 100 giorni ha fatto un "miracolo di credibilità".

Lavoro, si può arrivare a grandi risultati - "Flessibilità in entrata e in uscita, ammortizzatori sociali, politiche attive del lavoro". Sono alcuni dei punti su cui il governo vuole intervenire.  "Sono convinto - aggiunge Passera - che si riesce a lavorare solo se sindacato e aziende trovano la maniera di lavorare insieme. Nel ripensare molte regole del lavoro, sono convinto che dalle collaborazioni tra parti sociali, imprese, sindacato e governo che poi alla fine deve trovare una sintesi si possa arrivare a grandi risultati".

Anche Fornero fiduciosa su intesa - D’accordo con Passera, anche il ministro del Lavoro Elsa Fornero. "Sono con il ministro Passera fiduciosa che si possa raggiungere un'intesa", ha detto infatti da New York ai microfoni di SkyTG24. "La flessibilità in passato - ha detto Fornero - non è stata ben impiegata e ha dato vita a forme contrattuali povere per il lavoratore e produttività bassa per il datore di lavoro. Vogliamo contrastare la flessibilità che crea precarietà". Fornero ha ribadito infine che la riforma degli ammortizzatori sociali sarà decisa prossimamente, ma sarà attuata nei prossimi anni perché oggi c'è da affrontare ancora una situazione di crisi. Ho fiducia che lo affronteremo in maniera laica senza levate di scudi".

Ascolta le parole di Elsa Fornero



Imu alla Chiesa: scelta saggia -
Oltre alla riforma del lavoro, nel corso dell'intervista, Passera ha affrontato anche la decisione di tassare con l'Imu/Ici la Chiesa, definendola una scelta "saggia, ragionevole, molto determinata". "Ora - ha aggiunto - dovrà essere definita nelle sue componenti. L'importante è che non si penalizzi il vero no profit nel rendere operativa questa decisione". 

"Sul tesoretto inutile fare annunci" - Tra i temi affrontati anche quello della crescita: "Noi dobbiamo creare un 'tesoretto'. Con la riduzione dell'evasione, con la spending review, con cessioni noi dobbiamo creare risorse per favorire la ricrescita dell'Italia e per risolvere problemi che ci sono: redditi bassi troppo tassati, mancano risorse  per iniziative per lo sviluppo, restituzione del debito pubblico, aiuti alla famiglia. Ci sono quindi tante destinazioni e c'è da trovare le risorse". Ma, premette Passera, non è ancora chiaro il quanto e il quando di queste cifre disponibili: "Credibilità è anche non fare annunci aperti, non definiti, e quindi quello del rimandare il discorso sul 'tesoretto'".

"Quando si arriva alla prescrizione è un fallimento" - "Non so valutare se questa sentenza può avere un effetto sulla politica ", dice Passera riferendosi al processo Mills. "Certo - ha aggiunto - e questo non attiene alla specifica sentenza, è che quando in generale si arriva ad una prescrizione è un fallimento, una delusione sia per il sistema di giustizia che per l'imputato. E' una chiusura senza risultato. Il numero dei casi che nel nostro paese finiscono in prescrizione (la scheda ndr) è un indicatore grave della necessità di intervenire su procedure, meccanismi e regole che troppo spesso non portano a giustizia".

Leggi tutto