Il Milleproroghe è legge. Ma Napolitano richiama le Camere

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano
1' di lettura

Il governo pone la fiducia sul decreto che ottiene così l’ok finale. Il capo dello Stato invia però una dura lettera per denunciare l’introduzione di troppi emendamenti fuori tema. Malumori nel Pd. GUARDA TUTTE LE NOVITA’ INSERITE NEL TESTO

Guarda anche:
Mario Monti e il suo governo: tutte le foto

Mentre non si allentano le polemiche sul tema delle liberalizzazioni, ll governo pone la fiducia sul decreto Milleproroghe che, con l'ok finale, ottiene il via libera definitivo e diventa legge. Il Parlamento riceve però una tirata d'orecchi da parte di Giorgio Napolitano, che contesta l'introduzione di norme non attinenti al decreto originale, che ora non può respingere.
Il capo dello Stato ha inviato una lettera ai Presidenti delle Camere e al Presidente del Consiglio in relazione agli emendamenti al decreto nella quale si richiama l'attenzione sulla sentenza della Corte Costituzionale n.22 del 2012 che ha, per la prima volta, annullato disposizioni inserite dalle Camere in un decreto nel corso dell'esame del relativo ddl di conversione. 

La preoccupazione del Pd - Dopo il messaggio in cui il Presidente della Repubblica ha invitato i gruppi parlamentari a limitare gli emendamenti ai decreti del governo, si è scatenato il dibattito nel Partito democratico sulle conseguenza del monito. In Transatlantico un gruppo di esponenti di primo piano del Pd, tra cui il capogruppo Dario Franceschini e Massimo D'Alema, ha cercato di decifrare il messaggio politico proveniente dal Quirinale. La sintesi che più spaventa il Pd è stata: "Ora i decreti del governo saranno inemendabili, a cominciare dal decreto legge sulle liberalizzazioni".

Governo battuto due volte
- Il via libera definitivo della Camera arriva con 336 voti favorevoli, 61 contrari e 13 astenuti.
Sui contenuti del decreto, l'esecutivo scivola però su alcuni ordini del giorno che passano nonostante abbia espresso parere negativo, uno dei quali riguarda la suola e chiede l'inserimento in fascia aggiuntiva alle graduatorie in esaurimento entro l'anno scolastico 2012-2013 dei docenti che si sono abilitati tra il 2008 e il 2011. Il secondo Odg chiede invece chiarimenti sull'applicazione del canone Rai.
Il testo, che non contiene gli attesi ritocchi sulle pensioni degli "esodati" - i lavoratori che hanno già concordato l'uscita dal lavoro ma che rischiano con le nuove regole di rimanere anni senza pensione - ha comunque molte misure: tra le norme si segnala dall'aumento delle sigarette per pagare le pensioni, passando alle liti con il fisco, che si potranno chiudere pagando entro fine marzo, fino allo stop agli sfratti.

Ecco le principali novità introdotta dal Milleproroghe:

- PENSIONI, PAGANO LE SIGARETTE: Mini ritocco per i lavoratori precoci e alcuni “esodati” (solo quanti hanno terminato di lavorare entro il 31/12/12): saranno esentati dalla riforma della previdenza targata Fornero. A pagare saranno i fumatori.

- ANCORA AUMENTI SULLE SIGARETTE: Altre cattive notizie per i fumatori arrivano con le modifiche in Senato: un nuovo aumento delle accise sui tabacchi coprirà i 3 milioni in favore dell'Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano.

- DESIGN: La proprietà intellettuale nel design storico entrato nell'uso comune, che oppone i mobilifici della Brianza e della Toscana, sarà in vigore dal 2014 e non dal 2016.

- AMIANTO: Proroga dei benefici previdenziali in favore dei lavoratori esposti all'amianto.

- NIENTE CONDONO MANIFESTI POLITICI: Salta il condono delle affissioni politiche abusive, proposto alla Camera e al Senato.

- RADIO RADICALE: 7 milioni nel 2012 per l'emittente.

- LITI FISCO: Possono essere chiuse fino al 31 marzo con somme ridotte le liti pendenti con il fisco fino al 31 dicembre 2011.

- STOP A SFRATTI: Differimento, al 31 dicembre 2012, dell'esecuzione degli sfratti "riguardanti particolari categorie sociali disagiate".

- ALLUVIONI: Proroga al 16 luglio degli adempimenti fiscali e previdenziali nei territori alluvionati di Liguria e Toscana.

- ASSUNZIONI P.A.: Scadono a fine anno i termini entro i quali le pubbliche amministrazioni possono assumere personale a tempo indeterminato. Prorogate anche le graduatorie dei concorsi.

- ASILI NIDO E VIGILI: I comuni potranno assumere a tempo determinato il personale scolastico per gli asili nido e le materne nonché vigili urbani nei periodi estivi, ma la spesa non e' in deroga dal patto di stabilità.

- PRECARI: Proroga alla fine dell'anno degli ammortizzatori sociali per i lavoratori a progetto e delle risorse destinate in via "transitoria" alla Cig ordinaria.

- ESULI LIBIA: Gli italiani cacciati da Gheddafi nel 1970 avranno nel 2012 benefici fiscali. Il costo è di 50 milioni.

- FMI: Proroga della partecipazione dell'Italia ai programmi del Fondo. Bankitalia tratterà per chiudere un accordo di prestito, con la garanzia dello Stato, per oltre 23 miliardi.

- COCER: prorogati fino al 30 maggio 2012: i rappresentanti potranno effettuare solo tre mandati.

- GRADUATORIE SCUOLA: rimangono chiuse ad esaurimento; e' istituita una 'fascia aggiuntiva' per una limitata serie di personale docente abilitato.

- VERIFICHE ANTISISMICHE: Scade a fine anno il termine per le verifiche sugli edifici di interesse strategico e sulle opere infrastrutturali chiave sotto il profilo antisismico.

- DEMANIO: Proroga sino al 31 dicembre 2012 di tutte le concessioni sul demanio marittimo, lacuale e portuale.

- PICCOLI COMUNI: Nove mesi un più per i piccoli comuni per associarsi e per ridurre i costi relativi alla rappresentanza politica nonché per la liquidazione di società partecipate.

- CONSORZI GRANDI LAGHI: Vengono ricostituiti, dopo la loro soppressione nel decreto Salva-Italia.

- CARCERI: Proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2012, della gestione commissariale in materia di edilizia.

- RIENTRO CERVELLI: Proroga al 2015 degli sconti fiscali per incentivare il rientro in Italia.

- IMMOBILI REGIONI: Le Regioni che non sono sottoposte a un piano di rientro possono vendere gli immobili per coprire il 'buco' della sanità.

- INTRAMOENIA: Il termine entro il quale entra in vigore l'attività intramuraria dei medici è fissato al 30 giugno 2012, e non più al 31 dicembre.

- CARTA IDENTITA': Ancora un anno di tempo per le impronte digitali sulle carte d'identità.

- TRASPORTI: Si prevede che fino alla fine di luglio i compiti della nascente Agenzia continuino ad essere svolti dall'Anas.

- ACERRA: Scadrà a fine gennaio il termine per il trasferimento della proprietà del termovalorizzatore.

- SISTRI: Slitta al 30 giugno 2012 il termine di operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti.

- POSTE E EDITORIA: Proroga al 2013 delle agevolazioni per le spedizioni effettuate dalle imprese editrici di quotidiani, periodici e libri. Gli sgravi valgono anche per le onlus.

- GIOCHI: Proroga a fine anno per la sperimentazione del Bingo e al 30/6 per le gare delle concessioni del poker sportivo.

- LIBIA: Aumento dell'Ires per società come l'Eni per garantire gli indennizzi per i profughi italiani dalla Libia anche per il 2012.

Leggi tutto