Articolo 18, giallo sul vertice segreto tra Monti e Camusso

1' di lettura

Polemiche e smentite dopo l’indiscrezione del quotidiano "La Repubblica" su un presunto faccia a faccia tra il premier e il segretario della Cgil per discutere della riforma del lavoro. Il giornale conferma la notizia. Sindacato e governo: "Falso"

Guarda anche:
Monti: "L'articolo 18 scoraggia gli investimenti"
Fornero a SkyTG24: "Siamo per la flessibilità buona"

(in fondo all'articolo tutti i video sulla riforma del lavoro)

Un faccia a faccia tra il premier Mario Monti e il segretario della Cgil Susanna Camusso per parlare della riforma del lavoro e tracciare un percorso comune. L’indiscrezione rilanciata nella giornata di domenica 12 febbraio dal quotidiano “La Repubblica” scatena subito il putiferio.
Insorgono gli altri sindacati, su tutti la Cisl. “Fa sorridere che taluni  discutano sotto banco quello che altri fanno sotto luce del sole", scrive il sindacato guidato da Raffaele Bonanni su Twitter.
Non serve a placare le polemiche la smentita, arrivata sempre domenica attraverso una nota comune, del presidente del Consiglio e del segretario generale della Cgil. “La Repubblica” infatti conferma l’indiscrezione: “Il nostro giornale ribadisce la ricostruzione, sottolineando di aver appreso la notizia dell'incontro e dei suoi contenuti da fonte certa”.

Secondo il giornale diretto da Ezio Mauro l’incontro si sarebbe svolto prima della partenza di Monti per gli Stati Uniti, dove ha incontrato il presidente Obama.  Nell'occasione non sarebbe stato stilato un testo definitivo o un documento, ma si sarebbe raggiunta un'intesa di massima per "una normativa che sospenda e non cancelli l'articolo 18 per chi esce dal precariato. E' una interpretazione meno rigida del principi giusta causa da parte del Tribunale del Lavoro", come spiega Repubblica.

Il premier sta studiando una soluzione che consenta al governo di presentare all'Unione europea e ai mercati una "moderna" riforma del lavoro. Si cerca dunque una mediazione che salvaguardi la sostanza dell'articolo 18 e al tempo stesso le esigenze del mondo occupazionale che rischia di diventare sempre più asfittico se non interviene proprio su quella stessa norma.
La Cgil nel corso della giornata ha però continuato a smentire l’incontro tra Camusso e Monti anche attraverso Twitter: “Ripetiamo. Quanto riporta oggi repubblica.it circa incontro Camusso e Monti è assolutamente falso. Su art18 nostra posizione è chiara”.
In un altro tweet il sindacato scrive: “Momento molto difficile per il Paese. Monti ha compito arduo ma Cgil non dirà si a tutti i provvedimenti a prescindere da proprie idee”.

Leggi tutto