Internet, dalla Camera stop alla norma bavaglio

1' di lettura

Bocciato l'emendamento proposto dalla Lega che avrebbe consentito a qualunque soggetto interessato di chiedere al provider la rimozione sul web di informazioni considerate illecite

Guarda anche:
Non solo ammazza-blog: cronistoria delle ultime leggi online
Da Wikipedia a Google, in Usa siti al buio contro la legge anti-pirateria

Salta dalla legge comunitaria la norma, battezzata 'bavaglio al web', secondo la quale un qualunque soggetto interessato avrebbe potuto chiedere al provider la rimozione su internet di informazioni da lui considerate illecite o la disabilitazione dell'accesso alla medesima.

La norma, che era stata introdotta in commissione alla Camera su iniziativa della Lega (e in particolare del suo deputato Gianni Fava), è stata cassata dall'Aula con l'approvazione di sei identici emendamenti soppressivi presentati da Pdl, Idv, Fli, Api, Pd e Udc. Gli emendamenti, che hanno cancellato l'intero articolo 18 del testo, sono passati con 365 voti a favore, 57 contrari e 14 astensioni.

Leggi tutto