Lavoro, riforma entro marzo. Tensione Fornero-Passera

1' di lettura

Le parole di Monti sulla flessibilità in prima pagina sui giornali. Repubblica anticipa la road map del governo, che si muoverà su 4 tavoli. Sui quotidiani la stoccata al ministro dello Sviluppo economico: troppo ottimista, per la titolare del Lavoro

Guarda anche:
Monti ai sindacati: sul lavoro intesa in tempi stretti
Lavoro, al via il tavolo tra governo e sindacati

"Il mercato del lavoro ha bisogno di mobilità nel tempo”. Le parole del premier Monti che al TG1 invoca maggiore flessibilità portano la riforma del lavoro che il governo si appresta a varare in prima pagina sui principali quotidiani italiani.
"Lavoro, Monti chiede mobilità" è il titolo di apertura del Corriere della Sera, che riporta anche la stoccata del ministro del Lavoro Fornero al titolare dello Sviluppo economico Passera, definito: "troppo ottimista" sulla crescita, dato che "non esistono bacchette magiche" (guarda il video). Tra i commenti, sul Corriere della Sera, da segnalare, l’editoriale di Angelo Panebianco, che definisce la trattativa sul Lavoro "il passaggio più insidioso".

"Lavoro, ecco il piano Fornero" il titolo d’apertura de La Repubblica che in un articolo firmato da Massimo Gianni annuncia la road map del ministro e anticipa che il confronto sarà diviso su quattro tavoli che riguarderanno forme contrattuali, formazione, flessibilità e ammortizzatori sociali.

"Monti: entro marzo la riforma del lavoro" scrive La Stampa, secondo cui Monti "vuole evitare di finire in mezzo alla campagna per le amministrative".
Sul Messaggero, un retroscena firmato da Alberto Gentili, rivela inoltre che "per chiudere in fretta l’accordo non sarà toccato l’articolo 18".

Si concentra invece sulla tensione nel governo, l’Unità che dedica il titolo alto allo "Scontro tra Fornero e Passera". Sullo stesso tema, "Lavoro, scintille nel governo" è anche il titolo anche del Secolo XIX.
"Monti cadrà a marzo", profetizza invece Libero, riportando quanto affermato da Roberto Calderoli, secondo il quale, entro quella data, Berlusconi smetterà di sostenere il governo.

Leggi tutto