Milano, Letizia Moratti si dimette dal consiglio comunale

L'ex sindaco di Milano Letizia Moratti
1' di lettura

L'ex sindaco ha comunicato la propria decisione con una lettera al presidente dell'Aula Basilio Rizzo: "Voglio impegnarmi in realtà che la mia famiglia segue da anni". Secondo indiscrezioni, questa scelta potrebbe segnare il passaggio a Futuro e Libertà

Guarda anche
AMMINISTRATIVE 2011: LO SPECIALE - TUTTE LE FOTO - L'ESITO DEL VOTO
Letizia Moratti lascia Palazzo Marino: "E' stato bellissimo"
Letizia Moratti dice addio all'Expo 2015

L'ex sindaco di Milano Letizia Moratti si dimette da consigliere comunale di Milano. La decisione - ha spiegato - è legata all'intenzione di "impegnarsi in realtà che la mia famiglia segue ininterrottamente da oltre 30 anni". La lettera è stata presentata oggi al presidente dell'aula, Basilio Rizzo. "Oggi mi trovo a comunicare una decisione sofferta ma lungamente ponderata", ha scritto l'ex sindaco.

In questi mesi ho intrapreso una intensa attività nel sociale in una realtà che la mia famiglia segue ininterrottamente da oltre trent'anni - spiega Letizia Moratti -. Un impegno che si è progressivamente accentuato e che giorno dopo giorno ha assorbito le mie energie e il mio tempo, tenendomi sempre più spesso lontana dal lavoro del Consiglio comunale". Il riferimento, anche se l'ex sindaco non l'ha citata direttamente, potrebbe essere alla comunità di San Patrignano verso la quale la famiglia Moratti si impegna da anni. Quindi, continua l'ex primo cittadino del capoluogo lombardo, "ritengo pertanto opportuno rinunciare al mio incarico di consigliere comunale. Ritornare ad essere per Milano un privato cittadino non significa però rompere il patto con le migliaia di cittadini che mi hanno eletto in questo consesso. Anche se in modo diverso e indiretto - conclude - continuerò a partecipare alla vita civile e politica della mia città".

Le motivazioni dietro alle dimissioni, però. potrebbero essere diverse. In ambienti vicini al leader di Fli, Gianfranco Fini, si legge la notizia delle dimissioni come propedeutica al passaggio verso Futuro e Libertà. Prima di Natale l'esponente del Pdl era stata vista a Montecitorio dove aveva incontrato tutto lo stato maggiore del partito. I contatti, a quanto risulta, sarebbero continuati anche a gennaio.

Leggi tutto