Berlusconi: "Sostengo Monti". Bossi: "Mezza cartuccia"

1' di lettura

Il Senatur punta il dito contro l'ex premier: "Ha paura, per questo non vuole far cadere il governo". Il Cavaliere replica: "Siamo responsabili, non ci tiriamo indietro". Alfano: "Non accettiamo ricatti". VIDEO

Guarda anche:
Bossi a Berlusconi: "Fai cadere questo governo"
Umberto Bossi e la Lega. TUTTE LE FOTO
Regione Lombardia nel caos, Formigoni: "Non mi ricandiderò"

Berlusconi manderà a casa il governo? "Berlusconi è un po' una mezza cartuccia, ha paura". Parola del leader della Lega, Umberto Bossi, secondo il quale "c'è tutto un paese che vuole strozzare Monti e lui ha paura di mandarlo via". Insomma, "l'esecutivo non arriverà a Pasqua" ha dichiarato il Senatur lasciando la Camera. E proprio in transatlantico avrebbe incontrato Pier Luigi Bersani il quale, dopo averlo salutato, gli avrebbe detto: "Dai, sostieni 'sto governo". Immediata la replica di Bossi, che avrebbe risposto con un "Ma vaff...".

Il leader della Lega, dunque non molla, e dà nuovo vigore alle polemiche degli ultimi giorni suscitate dall'aut aut che ha dato a Berlusconi, minacciandolo di non dare più il suo appoggio al Pdl: "O cade il governo Monti o cade la Regione Lombardia". Questa la minaccia in aperta polemica con i casi giudiziari che hanno coinvolto la regione guidata da Roberto Formigoni.

Berlusconi: "Siamo responsabili"  - Silvio Berlusconi, però, ribadisce il suo appoggio all'esecutivo Monti. "Chi è stato responsabile dando il suo sostegno al governo non può tirarsi indietro"  ha risposto uscendo dall'aula di Montecitorio. L'ex premier si è detto comunque "sereno" circa la possibilità di ricompattare l'alleanza tra Pdl e Legaa. Nonostante Bossi abbia ribadito che la Lega farà cadere la giunta regionale lombarda, retta da Roberto Formigoni, se il Pdl continuerà ad appoggiare il governo Monti.

Bossi: "Il governo va a casa e tutto va a posto" - Ma per Bossi, "basta che vada a casa questo governo e tutto va a posto". Anche le proteste dei Tir che in questi giorni stanno agitando il Paese secondo il seantur potrebbero essere evitate se ci fosse un altro governo.

Alfano: "Non accettiamo ricatti" - A Bossi ha poi risposto anche il segretario del Pdl Alfano. "Abbiamo votato la fiducia su un provvedimento importante - ha detto in riferimento al decreto milleproroghe - siamo dell'idea di sostenere questo governo fino a quando ha uno scopo e cioè quello per cui è nato: mandare avanti l'Italia in un momento di crisi. Rimaniamo di questa idea, non accettiamo ultimatum e provocazioni e non le facciamo".
Non mi sembra saggio - ha detto inoltre - mettere in crisi l'alleanza di tre Regioni del Nord governate da Pdl e Lega.

Ascolta le parole di Alfano




Leggi tutto