Governo, c'è una maggioranza. Anzi no

1' di lettura

Monti incontra a pranzo Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pierferdinando Casini. Per Di Pietro è la dimostrazione che esiste una nuova maggioranza politica, ma il leader del Pdl replica: "Tra noi e il Pd le differenze restano"

Guarda anche:
Merkel: "Impressionata dalle riforme dell'Italia"
Monti a Parigi: "Ogni Stato Ue faccia la sua parte"
Monti: ora via alle liberalizzazioni
Monti: le mani in tasca agli italiani le mettono gli evasori

(in fondo all'articolo tutti i video sulla crisi economica)

Il 'vertice di maggioranza' c'è  stato. Ed è stato pure lungo. Circa tre ore a palazzo Chigi. Sul  racconto del 'pranzo' con Mario Monti, però, le versioni di Angelino  Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini non coincidono. Il segretario del Pdl e quello del Pd mettono subito in chiaro che la  riunione non sancisce la nascita di una nuova maggioranza. Da versanti opposti e per motivi diversi, il leader dell'Udc e quello dell'Idv,  Antonio Di Pietro, ribattono che invece la maggioranza che sostiene  Monti c'è ed è politica.

Di Pietro: "Prendiamo atto che esiste una nuova maggioranza"
- Anche sull'obiettivo dell'incontro, il sostegno in Ue alle  politiche del governo contro la crisi, gli esiti non collimano. Pd e Udc sono pronti a una mozione unitaria in Parlamento. Il Pdl invece frena. "Vedremo", dice Alfano riferendo che "anche oggi sono emerse le differenze tra noi e il Pd". Di Pietro, invece, fa sapere che si  muoverà da solo: "Prendiamo atto, per bocca di uno dei protagonisti  dell'incontro, che oggi è nata una maggioranza politica, checché ne dica il finto ingenuo Bersani. Maggioranza di cui non facciamo parte" e per questo l'Idv farà una sua mozione.

Mozione comune sull'Europa
- Insomma, appena lasciato palazzo Chigi (in ordine sparso, nessuna foto di gruppo), i partiti si riposizionano dopo un incontro valutato positivamente dal premier Mario Monti che, a quanto si apprende, avrebbe accolto con "molta soddisfazione" la volontà di una mozione in Parlamento di sostegno alle politiche dell'esecutivo. Un sostegno gradito vista la situazione della crisi in Europa. Oggi Mario Draghi l'ha definita "gravissima". E di questo, e di quali contramisure adottare, Monti ha discusso con Herman Van Rompuy a palazzo Chigi. "Ho manifestato con chiarezza quali sono le esigenze dell'Italia, sia per il trattato sia per la governance".

Alfano: "Anche oggi emerse le differenze tra il Pd e noi" - "No, non ci siamo messi le dita negli occhi e poi con Monti si va sul concreto, mica si sta a far chiacchiere". Bersani  racconta così il tono del vertice a palazzo Chigi. Il segretario del  Pd non accenna a tensioni con il Pdl. Del resto, argomenti caldi come  le liberalizzazioni, sarebbero rimasti fuori dal tavolo. Alfano,  però, che non proprio tutto sia filato liscio lo dice: "Anche oggi sono emerse le differenze tra noi e il Pd". La prima, sulla mozione unitaria in Parlamento. "Vedremo - dice  Alfano - noi abbiamo indicato nell'ex ministro degli Esteri, Franco  Frattini, l'uomo che per il Pdl si occuperà della stesura della mozione". Il Pd una bozza l'ha già messa a punto e la offrirà agli altri partiti per arrivare a un testo comune. Nel dispositivo si impegna il governo a "proseguire con determinazione il rafforzamento del tradizionale ruolo dell'Italia", dice no al "rigore eccessivo", sollecita un maggiore "collegamento tra azione di risanamento e quella per la crescita" e chiede di applicare  in tempo brevi la "tassa sulle transazioni finanziarie". Bersani ha  chiesto l'appoggio di tutte le forze politiche per arrivare a una  "piattaforma nazionale", ma l'Idv si è subito tirato fuori e il Pdl ha risposto con un "vedremo".

Bersani: "Cambiare la linea della Germania" - "Noi abbiamo una nostra mozione ma siamo assolutamente disponibili a discutere con tutti per arrivare a una  posizione comune". Questa l'offerta di Bersani che però ha incontrato un sì, per ora, solo da Casini. "Serve una piattaforma nazionale" che dia più forza al governo  in Ue. Tocca a tutte le forze politiche anche dentro le rispettive  famiglie europee, sostenere una piattaforma nazionale. Tocca a Monti,  ma tocca anche ai partiti" dare più forza al nostro Paese in Europa. "L'Italia man mano che si riafferma nello scenario europeo ha il dovere e il diritto di far valere la sua piattaforma, di questo abbiamo discusso con Monti", spiega Bersani. "Un passo deve farlo l'Italia e un passo l'Europa - aggiunge - ci vuole una piattaforma nazionale perché è necessario cambiare la linea" finora dettata dalla Germania all'Ue.

Casini: "Obiettivo rendere il governo più forte" - Anche il leader dell'Udc la vede alla stessa maniera.  L'obiettivo, spiega Casini, è quello di consentire al governo di arrivare al vertice europeo di fine mese con il "supporto forte" della maggioranza che oggi sostiene il premier, con l'auspicio che la  mozione europea "abbia voti aggiuntivi" a quelli dei partiti che oggi appoggiano l'esecutivo. La mozione servirà a sostenere la trattativa  europa di Monti per un "risanamento sostenibile, con una forte sponda europea, nuove regole di governance". Se la mozione unitaria divide Pd e Pdl, la  smentita di ogni 'legame' accumuna Bersani e Alfano che al termine del vertice a palazzo Chigi si sono affrettati a smentire la nascita di una nuova maggioranza. "Assolutamente no", dice il segretario del Pd ai cronisti spiegando che su grandi temi è giusto e normale che leader si confrontino. Solo questione di "metodo". Nulla di più.

Di Pietro: "Non ci mescoleremo con nessuna mozione unitaria" - E anche Alfano specifica: "Non c'è una maggioranza politica perché, in un Paese democratico, per essere tale deve avere il  consenso dei cittadini". Ma Casini ribatte: "Una maggioranza non può che essere politica. E questa lo è. Ogni volta che sarà opportuno, siamo disponibili a vederci. Questo non è un evento. E' la normalità piena". Parole che fanno saltare Di Pietro: "Prendiamo atto, per bocca  di uno dei protagonisti dell'incontro, che oggi è nata una  maggioranza politica, checché ne dica il finto ingenuo Bersani.  Maggioranza di cui non facciamo parte, nè vogliamo far parte perché la consideriamo del tutto innaturale rispetto al sistema bipolare  maggioritario con cui questo Parlamento si è costituito ed è stato eletto". Quindi per quanto riguarda la mozione sull'Ue: "In alcun modo ci mischieremo a nessuna mozione unitaria e coalizione politica  eterogenea e estemporanea che confondono solo l'elettorato".

Leggi tutto