Profumo: "Per la scuola un maxi-concorso entro il 2012"

1' di lettura

Il ministro dell'Istruzione: "Manca da 13 anni e potrebbe interessare oltre trecentomila persone, dalle elementari alla medie fino alle superiori". In arrivo un piano organico da presentare a gennaio in commissione

Guarda:
Lo speciale scuola e università
Fai-da-te e poco 2.0: le curiosità tra i libri di scuola
Pc e wi-fi: la scuola digitale resta una chimera

(in fondo all'articolo tutti i video sulla scuola)

"Credo che la scuola, che è il fondamento della crescita di un paese, debba avere un'attenzione diversa rispetto a quella che c'è stata fino ad oggi".
Per questo, occorre un piano organico "da presentare gennaio allle commissioni parlamentari", e soprattutto un nuovo concorso.
Ne è convinto il ministro della Pubblica Istruzione, Francesco Profumo, che ha confermato che saranno riaperti "al più presto" i concorsi nella scuola pubblica, come del resto anticipato dal quotidiano Repubblica.
"Dobbiamo farlo al più presto. Da 13 anni non ci sono più concorsi pubblici, e questo è senz'altro un tema su cui bisogna lavorare".
L'ultimo concorso per la scuola risale al 1999. Secondo il ministro "è ormai tempo" di varare entro il 2012 un maxi concorso, al quale potrebbero essere interessate "trecentomila persone", dalle scuole elementari, alle medie, alle superiori.

"La sicurezza come elemento chiave della crescita" - Spazio poi al tema della sicurezza delle scuole, "come elemento di crescita del Paese": "il governo Monti punterà sulla sicurezza delle scuole inserendo questa tema nel piano che verrà portato all'esame della commissione parlamentare il prossimo mese - ha detto Profumo, che a Savona ha inaugurato i nuovi alloggi per studenti del campus universitario -. Rendere gli edifici scolastici più sicuri per gli studenti significa prestare attenzione al fondamento stesso della crescita del nostro Paese".
Secondo Profumo, se davvero l'Italia vuole crescere, deve essere complessivamente "più attenta" alla scuola. "Dobbiamo avere molto più rispetto e attenzione di quanto e' stato fatto finora. Università, ricerca e innovazione sono il punto di partenza del nostro Paese".

Leggi tutto