Il Financial Times critica Monti. Fini: "Misure a breve"

1' di lettura

Il quotidiano londinese: "I piani economici dell'esecutivo avvolti nella nebbia". Fonti governative: “Provvedimenti entro il 5 dicembre”. E il presidente della Camera aggiunge: "Polemiche risibili. Bisogna fare in fretta, ma fare bene ". VIDEO

Guarda anche:
Monti a Bruxelles: inizia l'operazione "credibilità"
La gaffe di Monti: "Potremo andare a fondo. In senso buono"

Il presidente del Consiglio Mario Monti ha presieduto in giornata un vertice interministeriale per fare il punto sulle misure da varare per il risanamento e la crescita. Queste prime misure arriveranno sul tavolo del Cdm il 5 dicembre. E' quanto riferiscono diverse agenzie, citando alcune fonti ministeriali.
Il vertice interministeriale, a via XX settembre, con il presidente del Consiglio Mario Monti, è servito a mettere a punto "un primo pacchetto di provvedimenti per seguire la strategia della crescita, della stabilità e dell'equità".
All'incontro hanno partecipato oltre al premier i ministri Corrado Passera, Elsa Fornero, Pietro Giarda, Enzo Moavero Milanesi

L'attacco del Financial Times -La notizia arriva dopo le polemiche susictate da un duro articolo del Financial Times, intitolato "Monti’s budget plans shrouded in fog" ("I piani economici di Monti avvolti nella nebbia").
A poco meno di due settimane dal suo insedimento, il nuovo governo presieduto dall'economista milanese inizia dunque a ricevere le prime critiche dalla stampa internazionale.
Il giornale economico critica l'inerzia dell'esecutivo che sta rendendo gli italiani "un po' nervosi", specie se si considera - prosegue il giornale -  che tra "le priorità all'agenda di un consiglio dei ministri c'è stata la discussione di accordi bilaterali con le Mauritius e le Isole Cook".

Fini: "Nessuna nebbia, provvedimenti a breve" - Una presa di posizione netta, che rimbalza in Italia e provoca le prime reazioni della politica.
A cominciare da quella del presidente della Camera, Gianfranco Fini, che ritiene "risibili" le polemiche sollevate e sostiene che non ci sia "alcuna nebbia", ma piuttosto "la necessità di fare le cose bene".
"Sono convinto - aggiunge il leader di Fli - che la prossima settimana saranno noti" i primi provvedimenti. Quando alla crisi, secondo Fini l'Italia "dovrà farcela, e le misure del governo saranno all'insegna del rigore e dell'equità.
Nessuno può permettersi il lusso di non appoggiare queste misure, sulle quali servirà il massimo della condivisione possibile". Dunque, per il presidente della Camera da parte del governo "non c'è nessuna nebbia. ma la necessità di fare le cose bene e non solo in fretta".
Guarda il video:


Leggi tutto