Di Pietro: fiducia, ma diteci il programma. E attacca Letta

1' di lettura

Alla Camera il leader Idv apre al nuovo governo Monti, ma chiede anche di conoscere cosa intenderà fare "dal Ponte sullo Stretto ai conflitti di interesse". Poi rivendica l'assenza nell’esecutivo dell’ex sottosegretario. VIDEO

Schede: Tutti i ministri del governo Monti - Le foto - L'esordio di Monti al Senato: la tag cloud

Video:
Dal giuramento al saluto con Berlusconi - Monti: "No a un governo a tempo"

Le foto:
Da Berlusconi a Monti: le tappe della crisi - Berlusconi: il giorno più lungo

(in fondo all'articolo tutti i video sulla fiducia alla Camera di Monti)

"L'Idv darà la fiducia al suo governo" ma bisognerà vedere "i contenuti del suo programma", che "ancora non conosciamo".
Antonio Di Pietro non usa troppi giri di parole per dare il proprio via libera al nuovo esecutivo guidato da Monti.
Via libera condizionato, però, al fatto che il nuovo premier comunichi quanto prima "i punti dettagliati" di cosa intenderà fare, dalla Tav al Ponte sullo stretto, dal piano idrogeologico ai problemi di sicurezza fino ai possibili conflitti di interesse.

Di Pietro rivendica poi il fatto che non siano entrati nel nuovo esecutivo nomi legati al precedente governo: "L'avremmo considerata una presa in giro, per questo abbiamo detto no alla presenza di quelle alte personalità che lei ha voluto ringraziare".
L'allusione è al ringraziamento di Monti a Gianni Letta, il cui nome era circolato nei giorni scorsi come sottosegretario anche nel nuovo governo.

Leggi tutto