La squadra di Monti: 12 ministri con portafoglio

1' di lettura

Il presidente del Consiglio tiene l'interim dell'Economia. Tre le donne: Anna Maria Cancellieri all'Interno, Paola Severino alla Giustizia, Elsa Fornero al Lavoro e Pari Opportunità. Sviluppo economico, Infrastrutture e Trasporti a Corrado Passera. VIDEO

LA CRONACA DELLA GIORNATA

La squadra di governo: FOTO

Video:
Dal giuramento al saluto con Berlusconi - Monti: "No a un governo a tempo"

Le foto:
Monti premier, la notizia sui giornali stranieri - Da Berlusconi a Monti: le tappe della crisi - Berlusconi: il giorno più lungo - Ornaghi, il ministro nominato su Twitter

Le reazioni:
Napolitano - Casini (Udc) - Franceschini (Pd) - Romani (Pdl) - Ferrero (Prc) - Cota (Lega) - La Russa (Pdl) - Di Pietro (Idv) - Bernini (Pdl)

Approfondimenti:
I ministri da sostituire nei Cda - La reazione delle Borse - Snello e più vecchio: l'identikit del governo - Governo poco "social": nessun ministro su Twitter e Facebook

Con la presentazione della lista dei ministri, mercoledì 16 novembre vede la luce il governo Monti. Il premier incaricato, dopo oltre 115 minuti di colloquio con il capo dello Stato Giorgio Napolitano al Quirinale, ha annunciato la composizione della squadra che ha la responsabilità di far uscire l'Italia dall'impasse politica ed economica.
Si tratta di un governo di soli tecnici: la non presenza di esponenti politici "agevolerà piuttosto che ostacolare" il cammino dell'esecutivo perché "toglierà motivo di imbarazzo" ai partiti. E' quanto ha affermato Mario Monti.
I ministri donne sono tre (a loro vanno Interno, Giustizia, Lavoro); il Governo Berlusconi IV ne aveva sei (Istruzione, Ambiente, Pari opportunità, Affari Europei, Gioventù, Turismo).

Sedici ministri di cui 12 con portafoglio - Il Governo Monti ha 16 ministri più l'interim dell'Economia. Il Governo Berlusconi IV aveva 23 ministri. Le differenze sono: Passera ha le deleghe di Sviluppo e Infrastrutture (Romani e Matteoli); Fornero ha le deleghe di Lavoro e Pari opportunità (Sacconi e Carfagna). Scompaiono i ministri per l'Attuazione del programma di Governo (Rotondi), Pubblica amministrazione (Brunetta), Riforme per il federalismo (Bossi), Gioventù (Meloni), Semplificazione normativa (Calderoli). Nasce invece il ministro per la cooperazione internazionale e l'integrazione (Riccardi).

Di seguito i nomi dei 12 ministri con portafoglio:

Ministero dell'ECONOMIA: Mario Monti ad interim - Guarda la scheda del presidente del Consiglio

Ministero dell'INTERNO: Anna Maria Cancellieri (La scheda) - Per la seconda volta dal 1861 ad oggi una donna si siede sulla poltrona di ministro dell'Interno. La prima era stata Rosa Russo Iervolino (ottobre 1998-dicembre 1999, governo D'Alema).

Ministero degli ESTERI: Giulio Terzi di Sant'Agata (La scheda) -  Dalla prestigiosa poltrona di ambasciatore italiano a Washington alla guida della Farnesina. L'ambasciatore Giulio Terzi di Sant'Agata, chiamato a far parte della squadra dell'esecutivo di Mario Monti, è il nuovo capo della diplomazia italiana, succedendo a Franco Frattini.

Ministero della DIFESA: Ammiraglio Giampaolo De Paola (La scheda) - L'ultima volta che un militare ha ricoperto questo incarico è stato 16 anni fa, quando il generale Domenico Corcione entrò a far parte del governo Dini, dal gennaio '95 al maggio 1996.

Ministero della GIUSTIZIA: Paola Severino (La scheda) La prima donna ministro della Giustizia nella storia della Repubblica italiana è uno dei più noti avvocati penalisti. Sessantatré anni, napoletana, ha difeso, tra gli altri, Romando Prodi nel processo sulla vendita della Cirio, il legale della Fininvest Giovanni Acampora nel processo Imi-Sir, Francesco Gaetano Caltagirone nell'inchiesta di Perugia su Enimont, Cesare Geronzi per il crac della Cirio, l'ex segretario generale del Quirinale Gaetano Gifuni nell'indagine sui fondi per la gestione della tenuta di Castelporziano.

Ministero dello SVILUPPO economico e INFRASTRUTTURE e TRASPORTI: Corrado Passera (La scheda) - L'affidamento a una sola persona del Ministero dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture, "corrisponde alla logica di mettere al centro le iniziative coordinate per la crescita economica" ha detto Mario Monti.

Ministero della SALUTE: Renato Balduzzi (La scheda) - Giurista esperto di Sanità e presidente dell'Agenas, l'agenzia per i servizi sanitari regionali. Al Ministero della Salute ha già lavorato nell'ufficio legislativo del ministro di allora Rosy Bindi. Nato a Voghera, 56 anni, sposato con tre figli è professore ordinario di diritto costituzionale nell'Università del Piemonte Orientale e professore invitato nell'Università di Paris-Val de Marne (Paris XII).

Ministero dell'AMBIENTE: Corrado Clini (La scheda) - Negoziatore climatico per l'Italia in campo internazionale (nell'ambito della convenzione quadro delle Nazioni Unite4 sui cambiamenti climatici), ma è anche l'uomo che tiene insieme le aziende intorno all'idea di sviluppo sostenibile.

Ministero dell'ISTRUZIONE: Francesco Profumo (La scheda) - E' presidente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), già rettore del Politecnico di Torino. Con un curriculum scientifico e accademico degno di un Nobel, l'ingegnere 58enne torinese è di simpatie politiche opposte a quelle dell'ex ministro Mariastella Gelmini che lo ha indicato al Cnr, e ha partecipato, sia pure per pochi istanti, alle primarie del Pd per la candidatura del successore di Chiamparino a Torino, prima della discesa in campo di Fassino.

Ministero dei BENI CULTURALI: Lorenzo Ornaghi (La scheda) - Il neoministro nella squadra di Governo dopo una lunga carriera accademica. Nato a Villasanta (Monza) il 25 ottobre del 1948, è dal 1 novembre 2002 Rettore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Dal 1998 è membro del Consiglio di Amministrazione del quotidiano Avvenire, di cui dal 2002 è vicepresidente.

Ministero delle POLITICHE AGRICOLE: Mario Catania (La scheda) -  Dal novembre 2009 è capo Dipartimento delle politiche europee e internazionali del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Sale  quindi alla guida del ministero un tecnico, al Mipaaf dal 1978. E'  nato a Roma nel 1952.

Ministero del LAVORO, POLITICHE SOCIALI, PARI OPPORTUNITA': Elsa Fornero (La scheda) - Una signora minuta e gentile con carattere di ferro: la neo ministro del Welfare, economista, è una delle maggiori esperte di previdenza in Italia. Nata a San Carlo Canavese (Torino) nel 1948 è professore di Economia Politica presso l'Università di Torino. Convinta sostenitrice di una riforma strutturale e non estemporanea della previdenza che comprenda l'estensione del metodo "contributivo pro rata" per tutti Fornero ha sottolineato anche più volte la necessità di una fascia flessibile di uscita per uomini e donne tra i 63 e i 70 anni.

Cinque Ministeri senza portafoglio:

AFFARI EUROPEI: Enzo Moavero Milanesi - Già capo di gabinetto dei commissari europei Filippo Maria Pandolfi e Mario Monti a Bruxelles e consigliere a Palazzo Chigi di Amato e Ciampi nel 1992-1993, Moavero è esperto di mercato e concorrenza, con una vita trascorsa in gran parte all'estero, dedicata al mercato ed al diritto internazionale. (La scheda)

TURISMO E SPORT: Piero Gnudi - Classe 1938, grandissimo appassionato di ciclismo, tifoso del Bologna, si è laureato in economia e commercio, presso l'Università felsinea.  Già nel 1995 aveva vissuto un'esperienza politica quando fu nominato consigliere economico del Ministro dell'Industria. (La scheda)

COESIONE TERRITORIALE: Fabrizio Barca - Laurea in Scienze statistiche e demografiche (indirizzo economico) all'Università di Roma; master of  Philosophy in Economia all'Università di Cambridge e visiting  professor presso le Università Mit e Stanford, Barca vanta un curriculum di studi internazionale. (La scheda)

RAPPORTI CON IL PARLAMENTO: Piero Giarda - Laureato in economia e commercio  all'Università Cattolica di Milano nel 1962, ha studiato nelle Università di Princeton e Harvard nel periodo 1965-69. E' responsabile del Laboratorio di Analisi Monetaria dell'Università Cattolica. Componente del Comitato direttivo della scuola per il dottorato in Economia e finanza delle amministrazioni pubbliche. Ha svolto attività di consulenza alla Presidenza del Consiglio e al Ministero delle Finanze. (La scheda)

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTEGRAZIONE: Andrea Riccardi - Approda forte del suo  impegno per la pace e per la cooperazione con la Comunità di  Sant'Egidio, che fondò nel 1968, Riccardi, nato a Roma il 16 gennaio  del 1950, è ordinario di Storia contemporanea all'Università degli  Studi Roma Tre, noto come studioso della Chiesa in età moderna e  contemporanea. (La scheda)

Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà - Avvocato, consulente giuridico dei ministeri, segretario generale a Palazzo Chigi e, dal 2005, presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato. E' un profilo da uomo delle istituzioni quello di Antonio Catricalà, 59 anni, scelto da Monti come Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.

Leggi tutto