La missione dell'ammiraglio Di Paola: ministro della Difesa

1' di lettura

Dopo 16 anni un militare torna a far parte della squadra di governo, quella nominata da Mario Monti. Di Paola, attuale presidente del Comitato militare della Nato, è esperto di sommergibili. Guarda le ultime interviste rilasciate a SkyTG24. LA SCHEDA

GOVERNO MONTI: LA SQUADRA - LA CRONACA DELLA GIORNATA

Guarda anche:

Video:
Monti: "No a un governo a tempo" - Napolitano: "Non è ribaltone"

Le foto:
Da Berlusconi a Monti: le tappe della crisi - Berlusconi: il giorno più lungo

(in fondo all'articolo tutti i video sulla crisi)

Un militare alla guida della Difesa. Non succedeva da 16 anni. Ora tocca all’ammiraglio Giampaolo Di Paola, 67 anni, campano di Torre Annunziata e attuale presidente del Comitato militare della Nato. Mario Monti ha scelto lui come ministro della Difesa: l'ultima volta che un militare ha ricoperto questo incarico è stato nel 1995, quando il generale Domenico Corcione entrò a far parte del governo Dini, dal gennaio '95 al maggio 1996.

Di Paola indossa l'uniforme da circa 48 anni e in questi giorni si trova a Kabul in missione con il Comitato militare in Afghanistan. Per questo non sarà presente al giuramento dei ministri del governo Monti. Il suo incarico come ammiraglio sarebbe scaduto a giugno 2012. Ovviamente l’ammiraglio Di Paola dovrà anticipare i programmi.

Guarda l'intervista di SkyTG24 a Di Paola per il decennale dell'11 settembre:



Entrato all'Accademia navale nel 1963, è stato nominato guardiamarina nel 1966. Quindi una serie di promozioni, fino a quella di ammiraglio di Squadra, il primo gennaio 1999.
E' un sommergibilista. Dopo la specializzazione presso la Scuola sommergibili, infatti, dal 1968 al 1974 ha prestato servizio con vari incarichi a bordo dei sommergibili convenzionali. Dopo la promozione a capitano di vascello ha comandato la portaerei Garibaldi, negli anni 1989-'90.

Si tratta di un ufficiale dalla vasta esperienza internazionale. Nel 1981 Di Paola ha frequentato il Nato Defence College a Roma; dall' '81 all' '84 ha prestato servizio a 'Saclant' (a Norfolk, in Virginia), nel settore della pianificazione di lungo termine, come ufficiale 'Asw' (guerra antisommergibile) e addetto al programma di guerra subacquea.

Nell'ambito dello Stato maggiore della Marina ha assunto diversi incarichi di rilievo, tra cui quello di capo del 3/o Reparto piani e operazioni (1992/94). Dal '94 al 1998 è passato allo Stato maggiore della Difesa, come capo del Reparto politica militare.
Il 30 novembre 1998 è stato nominato capo di gabinetto del ministro della Difesa, all'epoca Carlo Scognamiglio. Un incarico che ha mantenuto anche con il ministro Sergio Mattarella.

Dal 26 marzo 2001 al 9 marzo 2004 Di Paola è stato Segretario generale della Difesa e direttore nazionale degli armamenti, e su quella poltrona è rimasto fino al 10 marzo 2004, quando è stato nominato capo di Stato Maggiore della Difesa. In questa veste ha coordinato la pianificazione di tutte le più recenti missioni internazionali dell'Italia, dall'Iraq all'Afghanistan.

Guarda l'intervista del 2010 di SkyTG24 a Di Paola sull'Afghanistan:



Ed è proprio la capacità dimostrata nel gestire queste delicate operazioni “fuori area” - con senso pratico, ma anche la necessaria diplomazia - che gli è valsa quel consenso senza cui il 26 giugno 2008 non sarebbe stato nominato presidente del Comitato militare dell'Alleanza atlantica, posto ambito da diversi altri Paesi.
E' sposato con la signora Roberta e ha due figlie. Parla fluentemente inglese, francese e spagnolo. Ama l'arte e la musica classica, pratica lo sci e l'alpinismo.
Adesso lo aspetta un altro compito difficile: far parte del governo di emergenza guidato da Mario Monti per risollevare l’Italia dalla tempesta economica e dei mercati finanziari.

Leggi tutto