Videomessaggio Berlusconi: "Lascio anche se mai sfiduciato"

1' di lettura

Dopo le dimissioni, arriva una nuova comunicazione del Presidente del Consiglio uscente trasmessa da Palazzo Chigi. "Il giorno della mia discesa in campo ha cambiato la storia dell'Italia. Non mi arrenderò, viva l'Italia, viva la libertà". IL VIDEO

LA DIRETTA DI SKYTG24
IL PRIMO DISCORSO DI MONTI PREMIER INCARICATO

LE PAROLE DI NAPOLITANO

Cronaca del giorno dopo: Dalle dimissioni di Berlusconi all'incarico a Monti
Foto: Da Berlusconi a Monti: le tappe della crisi

Berlusconi e le dimissioni:
Supporter a Palazzo GrazioliI video della festa in piazza da Youtube -12-11-2011: la cronaca - Tutte le news - Tutti i video

Reazioni e approfondimenti: Il videomessaggio di Berlusconi - Bersani: sì a un governo di emergenza - Riuscirà Monti a pacificare l'Italia? - Casini: "Monti governi fino a fine legislatura" - Il no della Lega a Monti - Da Di Pietro sì con riserva - Maroni: si chiude un'epoca

La satira: Gli Sgommati - Sora Cesira - Crozza

(in fondo all'articolo tutti i video sulla caduta del Governo)

Silvio Berlusconi torna a parlare all'Italia. E lo fa a reti praticamente unificate in un videomessaggio trasmesso da Palazzo Chigi, riuscendo anche a togliere, temporaneamente, la scena a Mario Monti nel frattempo dal Presidente della Repubblica Napolitano per accettare l'incarico del nuovo governo.

"Il giorno della mia discesa in campo ha cambiato la storia dell'Italia e i miei governi sono
stati i più longevi nella storia della Repubblica. Abbiamo sempre fatto il bene dell'Italia". Sono queste alcune delle dichiarazioni del presidente del Consiglio uscente, che sulle dimissioni ha chiarito: "Mi sono dimesso per senso di responsabilità e dello Stato, per evitare all'Italia un nuovo attacco della speculazione finanziaria, senza mai essere stato sfiduciato dal Parlamento alla Camera e al Senato dove abbiamo la fiducia".

Sul futuro aggiunge: "Io non mi arrendo. Da domani raddoppierò il mio impegno in Parlamento e nelle istituzioni per rinnovare l'Italia. Non mi arrenderò finche non avrò rinnovato l'architettura dello Stato".

Un Silvio Berlusconi amareggiato per i fischi e gli insulti ricevuti ("triste vedere che un gesto responsabile e generoso come le dimissioni sia stato accolto così"), che nonostante questo rivendica quanto fatto nel governo e, nello stesso tempo, tende la mano: "Siamo pronti a favorire gli sforzi del presidente della Repubblica per dare subito al Paese un governo di profilo tecnico. Faremo il nostro dovere. Ma bisogna mettere da parte ogni faziosita".

Non mancano parole di ringraziamento: "Ringrazio comunque gli italiani, grazie per l'affetto, per la forza che ci avete trasmesso e che ci hanno permesso di raggiungere  molti degli obiettivi che ci eravamo prefissi fin dal 1994, dal giorno in cui annunciai la mia discesa in campo". Per chiudere, il videomessaggio, così: "Viva l'Italia, viva la libertà".

Il videomesaggio è stato divulgato proprio quando Monti, come comunicato in precedenza da una nota del Quirinale, era a colloquio con il Presidente Napolitano per ricevere l'incarico.
Un segnale forte da parte di Berlusconi che così ha risposto a chi ha parlato di fine del berlusconismo. Un governo è caduto ma il Cavaliere è ancora determinato a restare in sella, a dire la sua. E, come ha avvertito il suo defino Alfano dopo le consultazioni con il Capo dello stato, il Pdl è disposto a sostenere il governo tecnico solo fin tanto che avrà l'obiettivo di perseguire gli impegni assunti dallo stesso Berlusconi con l'Europa, senza farlo durare un giorno di più.

Leggi tutto